Per OPPO e OnePlus blocco delle vendite in Germania | Podcast

Luca Viscardi9 Agosto 2022
OPPO Smartphone
Listen to my podcast

Podcast Mister Gadget Daily: Nel contesto di una sfida legale con Nokia, per l’uso di una tecnologia 4G, OPPO e OnePlus bloccano le vendite in Germania.

Intanto la stessa OnePlus lancia il nuovo OnePlus Ace Pro in Cina, la variante asiatica di OnePlus 10T.

Un genitore fa causa a Facebook, perché pensano sia responsabile di alcuni problemi mentali del figlio.

Trascrizione automatica del podcast

Partiamo da Oppo, ma in realtà anche da One Plus, perché sta succedendo qualcosa di davvero particolare a causa di una disputa che riguarda l’intero territorio europeo e che ha come punto di riferimento il territorio tedesco tra OnePlus, Oppo e Nokia e più in generale il gruppo BKK e Nokia. Un giudice tedesco ha imposto il blocco delle vendite di Oppo e di iPhone Plus sul territorio tedesco. Attenzione però, perché, come detto, tutto questo riguarda un brevetto legato alla tecnologia 4G che viene usato a bordo degli smartphone e quindi il blocco potrebbe essere esteso all’intera Europa. La situazione è ancora fluida in divenire, non sappiamo quello che potrebbe avvenire nelle prossime settimane. Al momento è stato bloccato dunque il commercio dei prodotti di OnePlus e di Oppo in Germania. Questa decisione della corte di Mannheim non intacca in alcun modo le attività di OPPO e OnePlus in Italia, quanto meno per ora.

Ironia della sorte, proprio oggi dovrebbe arrivare un nuovo One Plus Ace Pro, che è la variante cinese del One Plus 10T che dovrebbe essere lanciato proprio nella giornata di oggi. Questi sono giorni, tra l’altro molto intensi domani Unpacked di Samsung, dopodomani il lancio dei prodotti di Motorola e questo sembra essere un periodo molto vivo. Pur essendo nel cuore dell’estate,

a proposito di altre novità importanti, invece, vi segnaliamo che Apple ha rilasciato la 5.ª versione per sviluppatori di iOS 16 e di iPad o S 16. C’è anche TV iOS, watchOS 9.0 e per non far mancare niente anche la nuova beta di MacOS Ventura. Attenzione però ad un dettaglio, perché emerge in questi giorni che MacOS e iPadOS potrebbero arrivare solo nel mese di ottobre, quindi arrivare un po più tardi rispetto agli altri software.

Una curiosità pare che solo l’1 per 100 degli utenti di Netflix si stia facendo coinvolgere dai videogiochi che sono stati lanciati dalla piattaforma. Quindi un engagement bassissimo che potrebbe portare ad una vita molto breve di Netflix Games.

Altra notizia, invece, che riguarda sempre la sfida tra Elon Musk e Twitter. Ancora una volta Elon Musk ha sfidato l’amministratore delegato dell’azienda, quindi di Twitter, paragonando Gravel ad un dibattito pubblico e ha chiesto di provare che i bot della piattaforma sono veramente inferiori al 5%. C’è una causa in corso, Il giudice ha già fissato un’udienza per il prossimo ottobre. Difficile che questa cosa avvenga.

A proposito di tribunali, questa è una giornata molto ricca di questo genere di argomenti. Google che è in causa con Sonos In realtà Sonos, ha citato Google per una violazione di brevetto e Google ha risposto con una causa nei confronti dell’azienda americana per una violazione sui brevetti che riguardano l’uso della voce per comandare dispositivi. Insomma, i gli avvocati e i giudici avranno molto da fare su questi argomenti a proposito dei tribunali.

C’è anche da segnalare che un genitore ha fatto causa a Facebook sostenendo che l’uso eccessivo della piattaforma abbia contribuito a generare problemi di salute e problemi mentali al figlio. Sarà curioso seguire gli sviluppi anche di questo genere di vicenda. Ultima notizia che vi do. Se avete un Fitbit presto non potrete più sincronizzarlo con il computer, ma solo con lo smartphone. Succederà da ottobre? Torniamo domani.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.