Elon Musk non vuole più Twitter |Podcast

Luca Viscardi10 Luglio 2022
Twitter Elon Musk
Listen to my podcast

Podcast Mister Gadget Daily: situazione incredibilmente confusa per quanto riguarda l’operazione di acquisto di Twitter da parte di Elon Musk.

Il magnate si chiama fuori, ma l’azienda ribadisce che vuole chiudere l’accordo.

Honda al centro di un grave problema di sicurezza che coinvolge molteplici modelli, probabilmente tutti quelli prodotti dal 2012 ad oggi.

Novità interessante di Spotify per gli smart display di Google.

Trascrizione automatica del podcast

Benvenuti dunque in questa giornata domenicale. Ciao, io sono Luca Viscardi. Oggi per affrontare le novità dal mondo della tecnologia, compresa questa surreale vicenda che coinvolge Twitter ed Elon Musk, Elon Musk, che si chiama fuori dall’acquisizione della piattaforma la piattaforma dice Chiuderemo e siamo pronti ad andare in tribunale per far valere le nostre ragioni. Perché comunque un accordo Elon Musk lo ha siglato.

La situazione è piuttosto confusa, le azioni dell’azienda sono crollate nel frattempo. Elon Musk ovviamente parla di problemi legati ai numeri per la presenza dei bot, ma in realtà molti altri sostengono che tutto questo è dettato dalla perdita di valore di Tesla e quindi dall’impossibilità di sostenere un investimento da 44 miliardi. Nonostante questo, molti dei finanziatori di Elon Musk sono pronti comunque ad andare avanti nell’operazione.

Tra l’altro, proprio in queste ore arriva anche notizia che Tesla ha perso il primato non è più l’azienda che vende più auto elettriche al mondo perché è stata superata da BYD da noi sconosciuta azienda cinese, che ha venduto circa 70.000 auto elettriche in più nel 2022.

A proposito di novità in arrivo dalla Cina, vi segnaliamo che si continua a parlare di Nothing Phone (1), smartphone che verrà lanciato ufficialmente nei prossimi giorni. A quanto pare all’interno della confezione non ci sarà il caricatore per il telefono, ma insomma non è che questa cosa ci sorprenda particolarmente.

Si parla invece della vecchia azienda del fondatore di Di Nothing, ovvero Carl Pei, perché OnePlus sta facendo apparire sui benchmark il suo nuovo smartphone, il One Plus 10T, che sta raccogliendo dei punteggi pazzeschi. Cosa vuol dire questo per chi di voi non usa i benchmark e non sa cosa siano? Che questo smartphone sarà particolarmente potente ma ancora non è stato presentato.

Secondo un gruppo di esperti di sicurezza informatica, i veicoli Honda prodotti negli ultimi dieci anni sarebbero a rischio per una vulnerabilità legata alla produzione del codice della chiave elettronica. Il sistema non funzionerebbe adeguatamente e quindi i vecchi codici che dovrebbero essere disabilitati, continuano a funzionare. Questo ha permesso a un gruppo di hackers di prendere il controllo, di aprire, di accendere una macchina a distanza. A proposito di problemi con le automobili, Ford ha richiamato 100.000 veicoli ibridi per il rischio di incendi.

E visto che abbiamo parlato di Tesla, di BYD, di Honda e anche di Ford, vi ricordiamo che ogni settimana noi realizziamo con Luca Talotta un podcast dedicato a questi temi che si chiama Mister Gadget eWheels.

Prima di chiudere un paio di informazioni che riguardano Samsung, il prossimo Galaxy S 23 probabilmente esisterà in una sola versione con i processori di Qualcomm. Saranno felici i super appassionati che considerano quella di Qualcomm una scelta migliore. A breve dovremmo cominciare a vedere anche la nuova versione del software di Samsung e quella con Android 13.

Novità importanti invece per Spotify, che permetterà di vedere i testi delle canzoni e quindi di cantare a squarciagola sugli smart display di Google, i Nest Hub Display. Bene, con questo abbiamo terminato. Per noi oggi è tutto. Se volete ci risentiamo domani. Buona domenica.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.