Quanto costa la fuga da Twitter ad Elon Musk? | Podcast

Luca Viscardi11 Luglio 2022
elon musk twitter
Listen to my podcast

Podcast Mister Gadget Daily: Le cronache continuano a riportare sviluppi nella vicenda di Elon Musk con Twitter, ma quanto costa la fuga?

Per una volta Milano batte Londra, vi spieghiamo in quale servizio siamo avanti di diversi anni rispetto alla capitale inglese.

Su Outlook compare un bug di Windows 11 che limita le ricerche nella posta.

Trascrizione automatica del podcast

Buongiorno, sono Luca Viscardi e vi ricordo che anche questa settimana Mister Gadget Daily e realizzato in collaborazione con Honor, che è di nuovo protagonista in Italia, tornata con nuovi smartphone molto interessanti, tutti dotati dei servizi di Google. C’è un cellulare Honor per tutte le esigenze, a partire da Honor X7 e X8, completi e convenienti. Per chi vuole qualcosa di più c’è Honor 50, che unisce design e prestazioni eccellenti ad un prezzo molto concorrenziale, ma se si vuole il meglio c’è Honor Magic Pro, lo smartphone da battere nella categoria Medium, Honor Go Beyond e con Honor. Entrate nel mondo della tecnologia di Mister Gadget,

ieri abbiamo detto che oggi saremmo ripartiti ancora una volta dalla vicenda di Twitter. Insomma, sappiamo perché lo abbiamo letto sui giornali, l’abbiamo visto ovunque che Elon Musk non lo vuole più. Aveva preso un accordo per 44 miliardi di dollari. Dice che le condizioni sono molto diverse da quelle che lui aveva immaginato e quindi arrivederci e grazie. Teoricamente il costo per l’uscita da questa operazione sarebbe di 1.000.000.000 di dollari, ma l’attuale board di Twitter dice E no, Elon Musk deve pagare la differenza tra il prezzo che aveva promesso e l’attuale valore che è stato raggiunto anche per colpa sua. Sono circa 28 miliardi di dollari. Questo vuol dire che messi insieme tutti i pezzi, potrebbe questa situazione costare addirittura quasi 20 miliardi di dollari a Elon Musk? Beh, un capriccio non da poco. Siamo curiosi di vedere quali saranno gli sviluppi.

Spesso guardiamo al nostro Paese come un paese più arretrato rispetto agli altri, ma ci sono degli aspetti in cui abbiamo corso anche noi, ad esempio la copertura con la rete cellulare delle reti metropolitane. E pensate che moltissime reti di Londra non sono ancora coperte e che avranno una copertura 4G e 5G solo nel 2024, mentre ad esempio a Milano tutta la rete della metropolitana oggi è servita dalla rete cellulare. Però è curioso che, almeno in qualche cosa riusciamo a fare meglio degli altri.

Si continua a parlare delle novità in arrivo nei prossimi giorni, anche quelli di Samsung. Arriveranno anche nuovi auricolari che si chiamano Galaxy Buds Pro due. Avranno un design leggermente migliorato e siamo curiosi di scoprire quali altre novità sul fronte dell’hardware.

Si torna a parlare di Windows 11, ancora una volta per un bug. Se vi capita di utilizzare Outlook, di fare una ricerca per trovare magari una mail che vi hanno scritto che avete scritto nelle settimane precedenti e non la trovate, è tutto normale. Insomma, ancora una volta c’è un problema con Outlook che riguarda soprattutto la ricerca, quindi alcuni messaggi potrebbero andare persi.

Sembra che sia ormai quasi certo l’arrivo di una versione, diciamo rugged, protetta, rinforzata di Apple Watch. Si chiamerà probabilmente Apple Watch Pro, sostituirà il cosiddetto Apple Watch Edition e dovrebbe avere un prezzo intorno ai 900$. Dobbiamo aspettare ancora qualche settimana per avere una conferma di questo dettaglio.

Bene, per oggi abbiamo terminato. Non possiamo far altro che augurarvi una buona settimana. augurarVi un buon lunedì. Noi, se volete, ci sentiamo domani.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.