Giornata mondiale della password, il futuro di Twitter, la crisi di Bose

Luca Viscardi5 Maggio 2022
password
Listen to my podcast

Oggi si celebra la giornata mondiale della password, con l’obiettivo di accrescere la sensibilità delle persone sulla loro sicurezza.

Twitter torna al centro dell’attenzione, per alcune dichiarazioni di Elon Musk sul suo futuro, che per alcuni utenti potrebbe essere a pagamento.

Alcuni modelli di iPad entrano nella lista dei prodotti obsoleti, ma parliamo di dispositivi con quasi 10 anni di vita.

Trascrizione automatica del podcast

giovedì 5 maggio. Non è solo la data di Napoleone, non è solo la data fatidica legata ad una vicenda calcistica funesta per alcuni, felice per altri. Ma è anche la Giornata mondiale delle password. Le ricerche ci dicono che le più utilizzate sono ancora uno, due, tre, quattro, cinque, sei e password, e questo vuol dire che forse l’umanità non imparerà mai dai suoi errori. In realtà questa è la giornata in cui approfittiamo dell’occasione per sollecitare e stimolare ancora la vostra attenzione, soprattutto alla doppia autenticazione nei servizi più importanti. Certo, mettere username e password e poi dover aspettare un codice di conferma è un po una rottura di scatole. Però insomma, rende più sicuri i vostri account e vi mette al sicuro dalle sorprese.

Si torna a parlare molto di Elon Musk e di Twitter. Ieri Bill Gates ha detto che Elon Musk potrebbe rendere Twitter un posto peggiore, ma non bisogna mai sottostimare. In realtà Elon Musk ieri è tornato a parlare delle possibili monetizzazione. Dice che forse i governi e le personalità e le organizzazioni dovrebbero. Le organizzazioni commerciali dovrebbero pagare per comunicare attraverso Twitter, mentre lui dice che se tornerà privata, così come succederà immediatamente dopo aver completato l’acquisto, vorrebbe riportarla in Borsa entro tre anni. Vedremo insomma quali saranno gli sviluppi in questo senso.

Una curiosità Apple ha aggiunto e l’iPad Mini due e l’iPad Air due. Ai prodotti vintage, quindi, non c’è più supporto, non c’è più aggiornamento software per questi modelli, ma insomma sono del 2013 e del 2014. Diciamo che con 08:09 anni di vita hanno fatto il loro mestiere.

X-Box, con un aggiornamento della sua app per iOS e Android, permetterà di condividere screen play e piccoli video dedicati ai videogiochi attraverso l’applicazione di Xbox su iOS o Android, un po come si fa su Tick Tock e su Instagram. Questa è una novità che arriva con l’aggiornamento che è in distribuzione proprio in queste ore.

Tik tok introduce un nuovo modo di fare pubblicità per i suoi clienti, garantendo che la diciamo la proposta pubblicitaria. Il messaggio pubblicitario sarà legato ai video più forti e grazie a questa proposta arriva anche un nuovo re Ustream, come lo chiama qualcuno. Quindi la possibilità di guadagno per i clienti con cui saranno condivisi, dunque gli incassi per la pubblicità. Altra notizia importante di oggi molto importante riguarda Samsung, che ha lanciato il nuovo standard di memoria UFS 4.0. Questo è uno dei parametri da guardare nel vostro smartphone quando lo comprate e cercate questo piccolo dettaglio perché lo standard UFS vi dice quanto veloce è il telefono nel leggere e scrivere sulla memoria, ma soprattutto quanto consuma nel fare questa operazione. Ebbene, la UFS 4.0 sarà 46 volte più efficiente rispetto al 3.1, quindi vedremo ulteriori riduzioni dei consumi degli smartphone.

Brutte notizie, invece, per quanto riguarda Bose, che a quanto pare si prepara a licenziare i dipendenti. Non c’è ancora un numero per quanto riguarda i possibili licenziamenti a causa degli scarsi risultati di vendita.

Va in direzione opposta invece Volkswagen, che ha annunciato che le auto elettriche sono esaurite per tutto il 2022. La produzione non riesce a soddisfare gli ordini e quindi, per chi vorrà un’auto elettrica Volkswagen, le attese saranno davvero molto, molto lunghe.

L’abbiamo detto ieri, lo ripetiamo oggi c’è anche invece il tema di Facebook che a distanza di solo un anno dall’inizio del suo trattamento dei podcast, ha deciso di abbandonare questo tema e di smettere di proporre podcast sulla sua piattaforma. Noi vi aspetteremo comunque su tutte le altre piattaforme disponibili per oggi abbiamo terminato, se volete ci sentiamo domani.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.