Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3, se volete un pieghevole, è il migliore

Mister Gadget Team16 Settembre 2021
Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Scrivere la recensione di Samsung Galaxy Z Fold 3 potrebbe essere semplicissimo: è bello. Punto. Ma possiamo fare di meglio.

Qualche giorno fa vi abbiamo proposto la nostra recensione di Samsung Galaxy Z Flip 3, che purtroppo abbiamo nostro malgrado bocciato senza appello.

Abbiamo apprezzato le scelte stilistiche, sicuramente amato la soluzione di uno smartphone che si ripiega su se stesso diventando davvero molto piccolo, ma ci sono troppe lacune sul fronte tecnologico per chiudere un occhio.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Chi di voi vorrà leggere la recensione completa di Galaxy Z Flip 3 potrà conoscere le nostre motivazioni: si surriscalda moltissimo, la batteria dura molto poco e se non lo si apre, non si può fare più di tanto. Bello, ma poco pratico.

L’esperienza d’uso che abbiamo fatto per preparare la recensione di Samsung Galaxy Z Fold 3 è tutta un’altra storia: alla sua terza versione questo smartphone è molto completo, performante, bello da vedere, oltre a contenere molto i difetti di Z Flip 3 in termini di surriscaldamento e di consumi.


Clicca qui per vedere la recensione video di Samsung Galaxy Z Fold 3


Purtroppo la generazione dei processori di quest’anno non è molto fortunata, ne fanno le spese i produttori, che si trovano con prodotti di punta, particolarmente costosi, con prestazioni che non differiscono di molto da quelle degli anni precedenti: questo succede anche con gli smartphone pieghevoli.

Dopo il suo ultimo aggiornamento, Galaxy Z Fold 2 offre prestazioni molto simili a quelle del suo successore, è difficile cogliere delle differenze sostanziali nell’uso di tutti i giorni.

Questo significa che forse un passaggio dal modello due al modello tre di Galaxy Z Fold non avrebbe molto senso, ma confermiamo il nostro parere delle prime righe della nostra recensione, per cui il nuovo smartphone pieghevole di Samsung è il migliore in assoluto della sua categoria per molteplici ragioni.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

I vantaggi di Samsung Galaxy Z Fold 3

Tra i vantaggi per gli utenti del nuovo smartphone Samsung Galaxy Z Fold 3 noi mettiamo in primo piano l’interfaccia ottimizzata per sfruttare al meglio tutto lo spazio disponibile su uno schermo così grande.

Samsung ha fatto un lavoro eccezionale di ottimizzazione del suo software perché si ottengono dei vantaggi pratici nell’uso quotidiano del display aperto, con una facile gestione della divisione dello schermo, ma anche con funzionalità studiate per sfruttare al massimo il telefono quando aperto a 90°.

Il nuovo processore, poi, risulta estremamente veloce con qualunque tipo di funzione venga sfruttata, con l’unica pecca, già citata, di surriscaldarsi un po’ troppo quando si fanno operazioni che richiedono l’uso di grafica più avanzata, come con i videogiochi.

L’altro vantaggio del nuovo smartphone pieghevole di Samsung risiede nella sua certificazione IPX8, quindi la protezione dall’acqua che risulta molto importante per un dispositivo di questo tipo.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Da non dimenticare anche il nuovo supporto alla S-Pen: abbiamo a più riprese espresso chiaramente il nostro parere, la scelta di mettere il pennino ovunque per tamponare l’assenza del modello Galaxy Note è un palliativo che probabilmente scontenta tutti, ma se guardiamo il puro aspetto tecnologico, l’aggiunta del supporto alla scrittura con il pennino è comunque un miglioramento rispetto al modello precedente.

Sembra una banalità, ma una delle modifiche più apprezzate in questo nuovo Galaxy Z Fold 3 è l’adozione di un tipo diverso di copertura per il display pieghevole.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

La pellicola scelta lo scorso anno, non solo catturava le impronte in modo che poi rendeva impossibile eliminarle, anche con la pulizia del display, ma forniva anche una sorta di resistenza allo scorrimento delle dita sullo schermo, dettaglio che rendeva quasi sgradevole l’uso dello schermo aperto.

Il modello del 2021, invece, risolve completamente questo problema, con una protezione perfettamente scorrevole e meno incline a catturare le ditate sul display da 7.6 pollici.

Tra i vantaggi del nuovo smartphone pieghevole di Samsung mettiamo anche la fotocamera, che rimane essenzialmente invariata rispetto ad un anno fa, con un buon livello qualitativo.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Gli svantaggi di Samsung Galaxy Z Fold 3

Dovendo cercare gli svantaggi del Samsung Galaxy Z Fold 3, probabilmente indichiamo come punto di debolezza principale una delle innovazioni più sbandierate di questo smartphone, la fotocamera frontale nascosta sotto il display.

Stiamo parlando della fotocamera che si usa per i selfie con lo smartphone aperto, che teoricamente è completamente nascosta dallo schermo e invisibile: in realtà con le schermate scure si vede benissimo, con quelle chiare si intravede.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Il problema è che questa soluzione prevede un sensore da soli 4 megapixel e la qualità delle foto che si scattano è davvero poca cosa. Diciamo che i vantaggi ottenuti nascondendo la fotocamera non sono compensati dalle limitazioni date alla definizione delle foto.

L’altro svantaggio da citare, come già anticipato, è quello del processore: tende a scaldare un po’ troppo, anche se fortunatamente la grande superficie di questo smartphone dissipa in modo più efficiente il calore. C’è anche un effetto diretto sui consumi, ma con la batteria di ottime dimensioni del Samsung Galaxy Z Fold 3 anche in questo caso il danno è minimo.

Ultima segnalazione riguarda l’utilizzo a schermo chiuso: ripetiamo da tempo che la ratio scelta probabilmente soddisfa i requisiti degli ingegneri, ma non degli utenti. Un display così stretto e lungo non è del tutto funzionale, perché quando si vuole digitare sulla tastiera lo spazio disponibile è limitatissimo e per questo i tasti sono molto ravvicinati tra loro.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3 conclusioni

La recensione del Samsung Galaxy Z Fold 3 poteva essere brevissima e invece ci siamo dilungarti perché ci piace sviscerare l’uso di uno smartphone, tenendo conto di tutti i suoi vantaggi e anche dei possibili difetti.

Non esiste un prodotto che sia esente da qualche osservazione, ma nel complesso questo smartphone pieghevole di Samsung ha una qualità davvero eccellente, con tutte le soluzioni tecnologiche adottate, che sono le migliori oggi disponibili sul mercato.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Il fronte e il retro sono coperti da gorilla Glass victus, c’è una batteria da 4400 mAh, che si può ricaricare in modalità wireless e il telefono sostiene anche la carica inversa, può cioè mettere a disposizione la propria capacità per ricaricare altri dispositivi in modalità wireless.

Il processore è il qualcomm 888 con GPU Adreno 660, la migliore accopiata sul mercato, ci sono 12 GB di RAM interni e lo standard di memoria, indipendentemente dal suo taglio, è il migliore disponibile, UFS 3.1.

Il sensore dell’impronta digitale è montato sul pulsante di accensione, quindi sul lato del telefono, sempre veloce e reattivo.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Samsung Galaxy Z Fold 3 supporta l’uso di eSIM, sfrutta il collegamento bluetooth 5.2 e ovviamente dispone del trasmettitore NFC per i pagamenti.

Ci sono tre sensori fotografici da 12 megapixel sul retro, una camera frontale a smartphone chiuso da 10 megapixel, la camera invece nascosta sotto il display ha una definizione di 4 megapixel.

Lo schermo è un dynamic Amoled 2X con refresh rate variabile, che si adatta all’uso del dispositivo, fino ad un massimo di 120 hz. La diagonale da 7.6 pollici è molto generosa, perfetta per i videogiochi e per consumare contenuti in libertà, come le serie su Netflix o Prime video.

Recensione Samsung Galaxy Z Fold 3- mistergadegt-tech

Altro vantaggio dello schermo così grande è quello di poterlo dividere a metà per usare più applicazioni contemporaneamente.

Anche lo schermo esterno, quello che si usa al telefono chiuso, offre lo stesso standard Dynamic Amoled 2X, con refresh rate a 120 hz e una ratio 25:9.

C’è il supporto a Samsung DeX, allo scambio di files con il sistema Ultra Wide Band e purtroppo c’è anche Bixby. Diciamo purtroppo, perché passano gli anni ma lo standard qualitativo non migliora, rimane l’assistente virtuale con minor appeal tra quelli oggi disponibili.

A noi questo smartphone con schermo pieghevole piace tantissimo, rimane l’ostacolo, non da poco, di un prezzo che danza intorno ai 2.000 euro.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover