Decisione storica dell’Unione Europea sul caricatore con USB-C | Podcast

Luca Viscardi8 Giugno 2022
Caricatore unico USB-C
Listen to my podcast

Podcast Mister Gadget Daily: non è arrivata come una sorpresa la decisione dell’unione europea di adottare un unico standard per la ricarica.

La decisione non riguarda però solo il tipo di connettore che verrà adottato, ma anche il software che dovrà dialogare con i dispositivi.

Dati sorprendenti sulla vendita di prodotti da indossare: gli smartwatch per la prima volta perdono terreno.

Trascrizione automatica del podcast

Voglio prima di tutto ringraziarvi perché negli ultimi giorni abbiamo superato una soglia importante. Siamo entrati nella top venti globale di Spotify. Vuol dire che questo è uno dei venti podcast più ascoltati in Italia e questo ci riempie ovviamente di gioia. Grazie a voi che scegliete ogni giorno di ascoltarci, cercheremo di ripagare questa fiducia.

Abbiamo detto che avremmo aperto con il tema delle UBS-C e l’Unione Europea ha raggiunto una decisione davvero importante, storica entro il 2024. Tutti i prodotti elettronici, parliamo di fotocamere, tablet, cuffie, auricolari e ovviamente smartphone, dovranno avere come sistema di ricarica un connettore USB-C. Attenzione, perché questo vale per i prodotti che hanno una ricarica cablata. Questo vuol dire che non è scontato che iPhone abbia un connettore USB-C in futuro. Potrebbe scegliere, ad esempio di fare una ricarica esclusivamente wireless. Vedremo quali saranno le soluzioni. Tema molto importante quella della riduzione dei rifiuti elettronici. Secondo l’Unione Europea ci sarà un risparmio addirittura di 250 milioni di euro all’anno perché non verranno acquistati dei caricabatterie non necessari. 11.000 tonnellate all’anno in meno di rifiuti elettronici e sono dati sicuramente importanti. C’è un dato a proposito di dati, appunto.

C’è un dato molto importante che riguarda il mercato dei dispositivi indossabili, perché per la prima volta dopo anni, nel primo trimestre del 2022 c’è stato un calo del mercato del 3%, con un calo particolarmente forte. Dash Naomi da Huawei e Samsung che hanno perso rispettivamente il 23,8 e il 10,8 e il 9,9%. È cresciuta invece Apple con il suo Apple Watch, ma secondo IDC questo declino viene per il fatto che semplicemente il mercato è saturo. C’è stata una crescita vertiginosa negli ultimi anni, era impossibile che durasse per sempre, quindi questo è il primo segnale di flessione.

Un dato interessante riguarda un esperimento che è stato fatto da Pro Mare, una società no profit insieme ad IBM. La prima nave a guida autonoma ha attraversato l’Atlantico senza la necessità di equipaggio a bordo. È stata l’intelligenza artificiale a ricalcolare la rotta in funzione delle condizioni meteo e delle situazioni del mare.

Un esperimento molto interessante. Se siete possessori di Pixel 6 e Pixel 6 Pro lo so, non siete molti, ma sappiate che c’è un aggiornamento importante per il vostro smartphone perché arriva il cosiddetto Pixel Picture Drop, ovvero un aggiornamento corposo con molte nuove funzioni che migliora tra l’altro, moltissimi dei difetti riscontrati negli ultimi mesi da Pixar.

Una curiosità a iOS 16, di cui abbiamo già parlato, porterà con sé anche una funzione particolare renderà compatibile infatti iPhone con i giochi con i controller di Nintendo Switch.

Infine, un’ultima notizia ieri Oppo anche in Italia ha ufficializzato il suo nuovo Renault otto Lite processore e lo Snapdragon 695 5G come compatibilità. Fotocamera frontale al centro dell’attenzione con molti filtri e molti effetti gestiti con intelligenza artificiale. Un prezzo da 399€. E per oggi è tutto. Se volete ci sentiamo domani.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.