Quante app si comprano in un anno?
App

Quante app si comprano in un anno?

Vi siete mai chiesti quante app si comprano in un anno? Se lo state facendo ora, cercheremo di darvi qualche numero da far girare la testa.

Nel 2020 sono stati scaricati 218 miliardi di app, per farlo sono stati spesi 143 miliardi di dollari; gli utenti hanno speso circa 4,2 ore al giorno usando le app che hanno scaricato. Sono i dati di App Annie, che troviamo sempre molto interessanti-

Per un confronto, il numero di app scaricate è cresciuto del 7% in un anno, mentre la spesa è salita del 20%, così come il tempo speso con le app.

Per la pubblicità sugli smartphone sono stati spesi 240 miliardi di dollari, con una crescita 26%, mentre le società di venture capital hanno investito 73 miliardi di dollari nella tecnologia mobile, con una crescita del 27% rispetto ad un anno fa.

Curiosamente, il 37% degli utenti dichiara di aver scelto le proprie app basandosi sul passaparola, mentre pare che le recensioni online siano fondamentali, dato che sono seguite dal 67% degli utenti.

La Cina è il paese in cui si è speso di più per le app, con una cifra record di oltre 48 miliardi, mentre negli Stati Uniti il valore è arrivato a oltre 32 miliardi di dollari.

In Europa, i mercati più importanti sono quelli di Germania, Francia ed Inghilterra, vorrei dirvi che è una sorpresa.

Nel solo 2020, il salto in avanti del mercato delle app è stato pari a quello di 3 anni “normali”: incredibile pensare che nel corso di anno sono state consumate 3.5 miliardi di ore usando smartphone Android.

Negli Stati Uniti, il tempo speso usando lo smartphone ha superato dell’8% quello usato per guardare la tv.

Il tempo passato mediamente usando lo smartphone ogni giorno è di 4 ore e 10 minuti.

Il 97% degli sviluppatori guadagna meno di un milione di dollari, mentre è aumentato del 25% il numero di sviluppatori che incassa più di 2 milioni in un anno.

Non pensate che solo la generazione Z usi così tanto lo smartphone, perché anche Baby Boomers e Millenials hanno aumentato il tempo di utilizzo.

Quante app si comprano  in un anno

Cambiano drasticamente le app più usate: Snapchat per la generazione Z, discord per i millenials, Ring Always Home per gli adulti.

Incredibile il tasso di adozione di iOS 14, che a novembre era già al 74%, facendo meglio di ciò che ha fatto iOS 13 l’anno prima.

Il mobile gaming cresce a vista d’occhio, ma attenzione anche al fintech, perché le app finanziarie agevolano il coinvolgimento degli utenti e crescono gli investimenti fatti con gli smartphone.

Torneremo su questi temi, ma se vi chiedevate quante app si comprano in un anno, adesso avete la risposta!

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.