La Russia spia le nostre app con le API di Yandex?

Luca Viscardi30 Marzo 2022
Yandex
Listen to my podcast

Da una società di sicurezza informatica, che ha analizzato molte applicazioni presenti negli Store digitali, arriva la denuncia di spionaggio della Russia utilizzando le risorse del motore di ricerca Yandex.

  • La Russia ci spia usando Yandex
  • Sony lancia ufficialmente Playstation+
  • Nvidia lancia la GPU più veloce al mondo RTX 3090
  • Redmi Note 11 Pro+ 5G con Redmi 10 5G
  • Apple rinuncia al suo store di Toronto
  • Samsung abbandona la lettere Z sui foldables
  • Vivo X Fold dietro l’angolo, lancio il prossimo 11 aprile
  • Iliad Multata per pratiche scorrette sul 5G
  • Commodore: il marchio ora è italiano

Trascrizione automatica del podcast

Buongiorno, benvenuti, sono Luca Viscardi. Oggi, prima di cominciare, vi ricordo che c’è un nuovo podcast di Mister Gadget che si chiama eWheels, condotto da Luca Talotta, dedicato alla mobilità di nuova generazione alla mobilità elettrica. Date un occhio sulla piattaforma che state usando in questo momento. Trovate anche questo nuovo podcast.

Veniamo al tema principale di oggi, invece, che riguarda la possibilità che i russi sappiano che cosa facciamo con il nostro smartphone. Grazie alle API di Yandex, il motore di ricerca più famoso della Russia, ci sono circa 55.000 applicazioni dentro AppStore Play Store che contengono le API di Yandex, che possono raccogliere una serie di dati su ciò che noi facciamo e domani potrebbero, perché obbligati, cederli al governo russo. Non ho grosse difficoltà nel far sapere a Putin cosa faccio con il mio smartphone, però sappiate che c’è anche questa possibilità.

Sony ha lanciato, come era ormai nell’aria da tempo, il nuovo servizio PlayStation Plus, che quello che una volta si chiamava Project Spartacus con tre diversi livelli di servizio, chi oggi ha un abbonamento a PlayStation Plus continuerà ad averlo. Chi è abbonato a PlayStation Now, invece, passerà al migliore dei tre servizi di PlayStation Plus. Se volete sapere che genere di servizi, che tipo di possibilità e che costi si devono affrontare. Date un occhio al sito MisterGadget.Teche

Nvidia ha lanciato la nuova GPU più veloce al mondo. Si chiama RT X3090, costa circa 2.000€. È la risposta alla CPU che è stata lanciata con Mac Studio con il nuovo processore M1 Ultra. Per i clienti e per coloro che hanno bisogno di molta potenza grafica, questa è davvero una soluzione di avanguardia.

Xiaomi invece ha lanciato i suoi nuovi smartphone. Si chiamano Redmi Note undici Pro+ 5G, Redmi 10 5G e Redmi Note 11s 5G. Completano la famiglia Redmi Note 11.

Introducono con il processore MediaTek l’uso del 5G anche in questa famiglia. Prezzi che vanno dai 440 ai 499€. Questa teoricamente dovrebbe essere la risposta di Redmi al fratello maggiore Xiaomi 12, ma le caratteristiche non sono le stesse, però in effetti si parla di un prodotto altamente competitivo.

Apple avrebbe rinunciato ad aprire il suo negozio di Toronto su strada dopo un progetto che è durato per molti anni, perché la società di costruzioni che doveva fornire lo spazio per farlo non lo ha fatto, non ha rispettato i tempi e quindi il progetto è abolito. Quindi se andrete, se andrete a Toronto vi dovrete accontentare degli sponsor nei centri commerciali.

Samsung invece ha deciso di abbandonare la lettera Z sui suoi dispositivi pieghevoli, perché sappiamo che la lettera Z è unita al concetto di guerra, quindi Z fold si chiamerà semplicemente fold e Z flip si chiamerà flip. Questo pare, almeno per il momento.

a proposito di dispositivi pieghevoli Vivo X Fold e sembra davvero dietro l’angolo. Sarà lanciato il prossimo 11 aprile in Cina. Non sappiamo ancora se arriverà anche da noi in Italia.

Nel nostro Paese, invece, Iliad è stata multata per pratiche scorrette nella pubblicità del 5G dal Garante per la comunicazione. La multa di 1.200.000€, però, ci ha sorpreso molto perché se viene multata Italia debbano multati davvero tutti quanti.

Infine una curiosità il marchio Commodere, famosissimo di computer che ci portiamo dal 1980 è ora italiano. Infatti un signore che si chiama Luigi ha comprato attraverso la società Commodore International questo marchio e prepara il suo rilancio.

Noi siamo curiosi di scoprirlo. Per oggi abbiamo terminato, se volete e torniamo domani.


Registrati gratuitamente per ascoltare il nostro podcast su | Apple Music | Google Podcast | Spotify | Spreaker | Amazon Music | TuneIn |


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.