Preferisci il sesso o lo smartphone? La ricerca OnePlus
News

Preferisci il sesso o lo smartphone? La ricerca OnePlus

Tu che sei super appassionato di tecnologia, preferisci il sesso o lo smartphone? E’ la domanda che una ricerca di OnePlus ha posto grazie ad un’indagine svolta da OnePoll.

La ricerca ha analizzato le abitudini di diversi paesi Europei nel 2020, un anno che ha rivoluzionato le nostre vite e ridisegnato le nostre abitudini, e ha riscontrato come i nostri smartphone e i loro caricatori sono diventati un partner prezioso – e in alcuni casi più prezioso – dei nostri partner reali.

Fortunatamente, almeno su questo fronte, i risultati in Italia sono stati più lusinghieri di quelli rilevati in altri stati del nostro continente..

Il sondaggio ha tenuto in considerazione un gruppo di possessori di smartphone tra i 18 e i 35 anni in tutta Europa per scoprire come il lockdown abbia influenzato l’uso dei telefoni, e i risultati mostrano che continuiamo ad avere una stretta relazione con loro, con più del 95% infatti  dorme nella stessa stanza del proprio device, quasi otto persone su dieci che lo hanno sempre a portata di mano e il 77% che lo controlla entro quindici minuti dal suono della sveglia. 

In effetti, la prima azione al proprio risveglio è spesso quella di dare un’occhiata al display, perché non si sa mai… potrebbe essere arrivato un messaggio vitale nel corso della notte!

La vita in lockdown ha anche aumentato le volte in cui ricarichiamo il nostro smartphone, con quasi la metà (43%) degli intervistati che ammette di ricaricare il telefono due o più volte al giorno. Allo stesso tempo più di 170 intervistati in tutta Europa hanno ammesso di mettere in carica il proprio device cinque o più volte ogni 24 ore.

In effetti, non è così fuori luogo approfittare di un caricatore quando lo si trova a portata di mano: quel briciolo di autonomia in più potrebbe fare la differenza!

La ricerca ha anche mostrato che gli italiani sono più propensi a caricare il loro telefono più tardi rispetto ai loro cugini europei, ovvero dopo che il device è sceso ben sotto il 50% di batteria.

preferisci sesso o smartphone

‘Prendimi tutto ma non il mio partner”

Quando si considera con che cosa gli intervistati scambierebbero il loro telefono, i risultati sono sorprendenti: più del 14% degli inglesi preferirebbe rinunciare al sesso piuttosto che allo smartphone, più di qualsiasi altro paese europeo.

Noi italiani facciamo fede alla nostra reputazione di grandi amanti, finendo all’ultimo posto di tutti i paesi europei per numero di intervistati che scambierebbe il proprio smartphone con il proprio partner o la propria vita sessuale.

Nel frattempo, in Germania più di 70 intervistati hanno detto di rinunciare più volentieri ad un rene piuttosto che al proprio cellulare, più dei risultati di Italia e Francia congiunte. Sappiamo però che da quelle parti si alza spesso il gomito e i risultati dell’indagine potrebbero essere condizionati da un eccesso di birra.

Il sondaggio ha inoltre mostrato che in tutta Europa , l’uso del cellulare è salito alle stelle con più di sette persone su dieci che dicono di usarlo più di prima dall’inizio del lockdown. I giovani di tre paesi in particolare hanno ammesso di passare molto più tempo del solito incollati ai loro schermi – Francia 55%, Spagna 51% e Italia, che vince il primo posto con ben il 56%.

Nomofobia in aumento

OnePlus ha anche chiesto ai giovani se la “Nomofobia” o Sindrome da Disconnessione, una condizione scientificamente riconosciuta che descrive la paura di non essere raggiungibili, di non avere il telefono a portata di mano o di perderlo, è presente nelle nostre nuove vite in lockdown. I risultati sono chiari: i britannici stanno sentendo questa paura, con più del 30% che ha ammesso di soffrire di Nomofobia – più di qualsiasi altro paese europeo.

Nonostante la sensazione di panico che ci assale quando non siamo raggiungibili, il sondaggio ha rilevato come sempre più spesso siamo noi stessi a metterci in condizione di sperimentare la nomofobia, il 13% degli intervistati infatti non risponde a un messaggio per cercare di risparmiare batteria, mentre solo il 7% non si preoccupa del proprio telefono che si sta per spegnere.

Mai come in questi casi un device che si ricarica in fretta sarebbe la soluzione più indicata. Allo stesso tempo, anche quando ci troviamo in una situazione in cui necessitiamo di comunicare, solo il 9% si sentirebbe a proprio agio a chiedere lo smartphone a uno sconosciuto.

Su questo fronte, gli utenti di OnePlus sono avvantaggiati, perché i loro telefoni si caricano alla velocità della luce.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.