L'adozione di iOS 11 è più lenta di quella di iOS 10
App iOS App News

L’adozione di iOS 11 è più lenta di quella di iOS 10

iOS 11 Beta 6

L’adozione di iOS 11 è più lenta di quella di iOS 10, la percentuale di dispositivi aggiornati al nuovo sistema operativo è più bassa rispetto allo scorso anno e vi dico che non mi sorprende.

Ho sentito molte persone negli ultimi due anni lamentarsi dei rallentamenti subiti dal proprio smartphone in seguito all’aggiornamento del sistema operativo, è normale che ci sia diffidenza nell’adottare il nuovo.

Ma non solo: vendere un miliardo di smartphone significa passare da una fase in cui l’acquisto è fatto dagli early adopters a quella in cui invece il telefono è nelle mani di tutti, anche coloro che non sanno nemmeno che un telefono si possa aggiornare.

L’adozione di iOS 11 è rappresentata in grafica.

Lo scorso anno a fine ottobre la percentuale di adozione era del 60%, siamo davanti ad una flessione pari al 20%, che non è drammatica, ma comunque significativa, forse è anche un indicatore della partenza più lenta nelle vendite di iPhone 8 iPhone 8 Plus.

Sono più che convinto che nel prossimo mese vedremo una sana impennata di quella cifra, che probabilmente tornerà ai livelli abituali nel periodo di Natale. Sempre oro rispetto alla frammentazione di Android, ma comunque un cambiamento importante rispetto al passato e un segnale chiaro di come stia cambiando la customer base di Apple.

L’adozione di iOS 11 è rallentata anche dall’abbandono di molte app

Con il nuovo sistema operativo, per gli sviluppatori è necessario il passaggio definito ad un codice a 64 bit, mentre le vecchie app, sviluppate con codice vecchio vengono “rotte” definitivamente e non funzionano fino al loro aggiornamento.

Chi scommette sulla cifra a cui arriverà iOS entro Natale?!? 🙂

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.