Crisi Stati Uniti e Cina: Biden estende il ban, allungando di fatto la entity list
News

Crisi Stati Uniti e Cina: Biden estende il ban, allungando di fatto la entity list

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden conferma ed estende l’ordine esecutivo contro gli investimenti in aziende cinesi, acuendo di fatto la crisi Stati Uniti e Cina e allungando la entity list.

Non vi è dunque nessun cambio di rotta rispetto alla linea dell’ex Presidente Trump, che anzi viene resa ancora più dura, aumentando la tensione e la condizione di cristi tra Stati Uniti e Cina, che ormai sono ai ferri corti da oltre due anni.

Le grandi aziende cinesi rimangono quindi nel mirino degli Stati Uni per il sospetto che possano avere legami con l’esercito cinese, motivo sufficiente per entrare nella famigerata entity list.

In questo modo tale lista nera, l’entity list, si estende comprendendo adesso 59 soggetti, alcuni molto diffusi negli USA: Incredibilmente, da questa lista è stata tolta Honor, che potrà tornare ad usare tecnologia e software americani.

crisi Stati Uniti Cina  entity list

Il nuovo ordine esecutivo e la nuova entity list

Il provvedimento di cui si parla impedisce ai cittadini e alle aziende statunitensi di effettuare investimenti nelle aziende cinesi inserite nella lista.

Inoltre, il nuovo ordine esecutivo ha anche in parte riscritto il precedente per includere anche le aziende che creano e forniscono tecnologia per svolgere attività di sorveglianza, ad esempio quella usata per monitorare le attività delle minoranze religiose e dei dissidenti. 

Uno dei soggetti più noti in questo senso è HiKVision, che è addirittura sospettato di aver fornito tecnologie per il riconoscimento facciale contro gli uiguri.

Nella lista nera Huawei, ma non solo

Tra i grandi colossi dell’industria cinese compresi nella lista nera continua a figurare Huawei che ha duramente risentito degli effetti del precedente divieto e che continua a percorrere una strada in salita per portare avanti la sua attività nei mercati internazionali.

Ma non solo Huawei fa parte della lista che peggiora la crisi tra Stati Uniti e Cina.

Il divieto comprende anche importanti soggetti che operano nel campo delle telecomunicazioni, come China Mobile e China Unicom, dell’industria aerospaziale (China Aerospace), della videosorveglianza (Hikvision) e dei semiconduttori (SMIC).

La prospettata inversione di rotta, che molti pensavano potesse arrivare con Joe Biden, non è arrivata e non nascondiamo di non essere assolutamente sorpresi.

La condizione di crisi tra Stati Uniti e Cina è un assist per Apple e Qualcomm, che in alcune condizioni avranno una concorrenza meno agguerrita.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.