iPad 4: la maturità di uno standard
iOS

iPad 4: la maturità di uno standard

Girando oggi nelle città di mezzo mondo, c’è una costante ormai unica: la diffusione mostruosa dell’iPad. La cosa ancora più mostruosa è pensare che solo due anni e mezzo fa non esisteva.

84 milioni di unità vendute devono per forza significare qualcosa, al di là di ciò che i detrattori di apple sostengono con una puntualità al limite del petulante. Forse l’iPad potrebbe essere meglio, forse è poco aperto, forse costa troppo, forse forse forse. I dubbi potrebbero essere mille, le certezze sono quelle che hanno fatto la differenza.

Forse per la prima volta, l’annuncio di un nuovo prodotto non ha fatto urlare di gioia gli utenti Apple, ma questo iPad 4 è davvero una bella bestia. Il processore A6X raddoppia la velocità, ma la durata della batteria rimane di dieci ore. La fotocamera è da 5 mpx, ma gira video in formato full hd.

iPad è il device iOS più usato per le chiamate facetime, ecco perché è stata introdotto una face camera (la fotocamera frontale) che permette di fare stream a 720p, quindi in qualità HD.

Io sto testando il modello wifi, ma tra qualche settimana arriverà il modello LTE, per sfruttare le reti ad altissima velocità che hanno fatto il loro esordio anche in Italia. A proposito di questo, ATTENZIONE!!! I modelli in vendita in USA con rete cellulare non sono compatibili con le reti LTE europee, a meno che acquistiate il modello “international”, ma non c’è convenienza a farlo. Ricordate che (ad esempio) la sostituzione in garanzia del vostro iPad sarà possibile solo nel paese in cui l’avete acquistato. Parlo della sostituzione “completa” della confezione di iPad. Potete sempre far valere la garanzia, ovviamente, quella è sacrosanta.

Le differenze principali del modello 4 di iPad sono dunque nella rete (il supporto di LTE), nel processore e nel connettore, che è lo stesso di iPhone, il lightening connector che riduce lo spazio occupato e che introduce una connessione totalmente digitale.

 Alcuni utenti Apple non hanno gradito l’introduzione così repentina di questo device, che manda in soffitta “the new iPad” dopo soli 6 mesi. Tutto sommato, credo che l’abbreviazione dei tempi e l’accelerazione dell’obsolescenza siano mali inevitabili con il passare degli anni.

Chi oggi ha un iPad 3, ha comunque per le mani un device con caratteristiche di avanguardia e ancora altamente competitivo. Non mi farei prendere dalla smania di avere l’ultimo prodotto a tutti i costi.

Chi invece acquisterà la nuova versione di iPad avrà per le mani una vera bestia. Sul mercato si affaccia una competizione importante con il Galaxy Note 10.1 e con Nexus 10, credo che chi ne beneficerà sarà l’utente, che avrà una scelta sempre più ampia tra cui pescare il prodotto più adatto alle sue esigenze.

Di certo, le 750.000 applicazioni dell’appstore sono un “contorno” molto appetibile per chi sceglie iPad.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.