Recensione Tapo C200, webcam di sicurezza low cost
Sicurezza Smart Home

Recensione Tapo C200, webcam di sicurezza low cost

La recensione Tapo C200 arriva a qualche settimana di distanza da quella della presa, ma il contenuto è molto simile, grazie al rapporto qualità/prezzo.

Andiamo con ordine: Tapo C200 è la nuova videocamera di sicurezza connessa, che può monitorare gli ambienti della vostra casa e inviare notifiche al vostro smartphone.

Tapo è un nuovo marchio che nasce dall’esperienza di Tp-Link, azienda specializzata nei prodotti di networking e ultimamente impegnata anche nel segmento smartphone.

La sua caratteristica principale è il prezzo iper competitivo, perché questo dispositivo viene oggi venduto intorno ai 30 euro.

Recensione Tapo C200

Come si configura Tapo C200

Il sistema è semplicissimo. Basta collegare Tapo C200 alla rete elettrica, scaricare la app e avviare il processo di configurazione.

Nel giro di pochi secondi, la app troverà la webcam che c’è nei dintorni e procederà con l’abbinamento al proprio account Tapo.

Se non siete particolarmente abili e la tecnologia non è il vostro pane, forse arriverete ad impiegare 30 secondi!

Come funziona

Il funzionamento è semplice tanto quanto la configurazione. Nella app vedrete le immagini proiettata dalla vostra webcam, che arrivano con un ritardo molto limitato e una buona qualità.

La definizione infatti è di 1080 pixel, ma Tapo C200 è capace anche di vedere di notte, fino ad una distanza di 10 metri.

Nella app, avete la possibilità di configurare gli avvisi in caso di movimento e il tipo di notifiche che volete ricevere quando C200 coglie movimenti.

Potete anche decidere di registrare in automatico sulla Memory card (non inclusa) ogni volta che succede qualcosa dentro casa.

Pur essendo un prodotto di prezzo contenuto, le opzioni disponibili sono molte, compresa la correzione della distorsione delle immagini, ma anche la regolazione della frequenza della luce.

Oltre alla comunicazione video, Tapo C200 supporta anche l’audio bidirezionale che potete usare sia come un walkie talkie che con la modalità uguale a quella di una telefonata.

I comandi sono sotto la schermata che mostra le immagini in arrivo dalla webcam, in quel punto potete anche avviare le registrazioni.

La app è semplice e completa allo stesso tempo.

Recensione Tapo C200

Recensione Tapo C200, le conclusioni

Se volete mettere in sicurezza la casa, l’ufficio o la vostra attività commerciale, questa è una soluzione affidabile e di costo contenuto.

Non ho trovato un solo motivo per cui criticare Tapo C200, che è un ottimo possibile acquisto.

Se vi interessa, la trovate QUI

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.