Recensione Diablo IV: il miglior capitolo della saga?

Riccardo Ferrari5 Giugno 2023
diablo iv

Diablo IV è l’ultimo capitolo della famosa saga Blizzard e sancisce il ritorno dell’epica lotta contro le forze demoniache

Con i suoi primi tre episodi, la saga di Diablo ha senza dubbio plasmato il mondo dei videogiochi come lo conosciamo oggi. Diablo IV ha quindi il pesante compito di tenere il passo con gli altri tre grandi hack’n’slash/RPG, o addirittura fare meglio.

Un quarto episodio considerato “il migliore di tutti” da Rod Fergusson, responsabile del franchise di Blizzard. Sarà davvero così? La risposta verrà snocciolata senza spoiler in questa recen sione.

Siamo stati in grado di testare Diablo IV sia su PlayStation 5 e Xbox Series X e non sono stati osservati grandi intoppi tecnici su queste due console.



Di cosa parla Diablo IV: una messa in scena divina per una storia di demoni

È complicato rispondere a questa domanda in quanto i tempi sono cambiati. Diablo III è uscito nel lontano 2012 con l’ambizione di attirare un pubblico ancora più ampio di quanto Diablo avesse fatto ai suoi tempi. 11 anni e 65 milioni di giocatori (numeri del 2022) dopo, si può senza dubbio dire che la missione ha avuto successo. Il segreto di questa hit sta in parte nella storia raccontata, che non aveva mai preso così tanto spazio in un gioco della serie Diablo.

Un punto su cui Blizzard ha lavorato anima e corpo. Non solo la campagna di Diablo IV dura circa il doppio di quella del suo predecessore, ma gode di una messa in scena molto curata. I filmati sono numerosi e sappiamo quanto Blizzard eccella in questo campo, soprattutto perché li ha resi coinvolgenti: il personaggio creato e personalizzato dal giocatore si distingue per la sua presenza e i suoi discorsi.

Va detto che ha voce in capitolo: il suo sangue è stato mescolato con quello di Lilith. È la creatrice di Sanctuary ma soprattutto la figlia di Mephisto: il signore dell’odio e uno dei tre più grandi demoni degli Inferi. È stata liberata dalla sua prigione e ha un solo desiderio: sottomettere l’umanità per l’esecuzione dei suoi propositi.

Questa è grosso modo la trama di Diablo IV. Si tratta ancora di un conflitto angelo-demoniaco ma ha qualche pizzico di novità. Si dispiega man mano con l’arrivo di protagonisti con personalità forti. Non ci attacchiamo necessariamente a tutti, ma riusciamo a rispettarne le convinzioni. Un punto di forza innegabile soprattutto perché sono evidenziati da un doppiaggio italiano di eccellente qualità.

Senza fare alcuno spoiler possiamo solamente dirti che non ci sono dubbi sul fatto che la fine della campagna farà parlare di sè. Non vediamo l’ora di vedere la reazione dei giocatori poiché ha già suscitato molte discussioni tra i giornalisti durante la sessione di test. Una storia che oppone i punti di vista non ha necessariamente successo?

diablo iv

Come si gioca: un gameplay efficace e ricco di possibilità

La storia si è quindi più che ringiovanita con una messa in scena abbagliante, il gameplay è invece rimasto lo stesso? È nelle vecchie tradizioni che troviamo i migliori rimedi anti-demoni? Probabilmente, dato che il gameplay di Diablo IV è basato sulle ampolle e su principi strettamente identici: si sgomberano i nemici, si recuperano le loro attrezzature, si bloccano i nemici più potenti e così via.

La presa è quasi istantanea: una levetta per muoversi, un tasto per schivare, gli altri per lanciare abilità. Le sensazioni di combattimento sono ancora così proporzionalmente inebrianti al numero di nemici annientati.

Niente di molto difficile da capire, ma non è per questo che sia semplicistico. Si potrebbe anche dire che sull’argomento, Diablo è tornato indietro di 25 anni.

È infatti l’albero dei talenti di Diablo II, modernizzato, che fa il suo ritorno. È diviso in sette livelli, ognuno dei quali rappresenta un insieme specifico di poteri. Il primo riguarda l’attacco di base, il secondo l’abilità principale dove il penultimo concede un’abilità definitiva.

Un’architettura simile il cui sfondo cambierà a seconda della tua classe. Ce ne sono 5 per il lancio di Diablo 4: il barbaro conta sul suo equipaggiamento e sui suoi attacchi corpo a corpo; il ladro si basa sulla sua agilità e può attaccare sia con l’arco che con i pugnali; il negromante usa la magia del sangue e dei familiari che fa tornare dal mondo dei morti, il mago usa grandi incantesimi di zona Ognuna di queste classi ha un’identità propria per i loro poteri ma anche grazie alla loro ricerca di classe. Questo aiuta a migliorare un aspetto delle loro capacità.

Una volta fatta la scelta della classe (come quella del Pokémon di partenza), il giocatore sale di livello con l’avanzare della storia. Recupera punti abilità che può investire direttamente in questo albero dei talenti. Ogni classe mostra almeno tre grandi specializzazioni. Per quanto riguarda il mago, ad esempio, sono Fuoco, Fulmine e Ghiaccio.

Definizione di build: insieme di attrezzature e abilità che definiscono lo stile di gioco del personaggio. Una build Fuoco per Stregone mette in evidenza gli incantesimi di fuoco della classe.

Ma la varietà delle build non si ferma a queste tre specializzazioni per default. Probabilmente sarà meno complessa e interessante che tra i concorrenti del genere, ma rimane molto convincente. Ci sono molte cose da testare e ci si diverte a fare una build efficace contro un nemico che ci avrebbe causato un filo da torcere più volte. Tuttavia, l’uso dell’interfaccia non rende le cose facili. Si perde un bel po’ di tempo nei menu quando si ripristinano i propri talenti. Avremmo voluto avere una pagina di profilo per salvare le nostre build lì in modo da non dover rifare tutto a mano quando la situazione lo chiede.

Ovviamente tutto è anche influenzato dall’equipaggiamento, utile quanto gli incantesimi per eliminare le minacce demoniache. Soprattutto quando questo è leggendario o unico! Un tipo di rarità riservato agli oggetti che influenza direttamente i tuoi incantesimi. Alcuni possono aumentare il numero di ondate di sangue del negromante e altri possono aumentare la potenza di un uragano del druido finché rimane sul campo. Ci sono molti oggetti leggendari da recuperare in Diablo IV e anche dopo 40 ore nel mondo di Sanctuary, si ha la sensazione di averne visto solo una piccola parte.

Diablo IV è difficile?

La difficoltà è sempre un argomento delicato quando si tratta di Diablo. Il secondo è considerato troppo ostico da alcuni e il terzo troppo facile da altri.

Con Diablo 4, si ha davvero la sensazione che Blizzard sia riuscita a trovare una quadra praticamente perfetta. La campagna è disponibile in Livello Mondiale 1 o Livello Mondiale 2 e serve davvero come una lunga introduzione alle meccaniche del gioco.

Il livello 1 è rivolto ai non iniziati alla serie mentre il livello 2 può causare lievi problemi ma niente di troppo importante. C’è sempre la modalità Estrema per chi cerca una sfida: una modalità in cui la morte è sinonimo di rimozione del suo personaggio. La sfida inizia davvero dal Livello Mondiale 3, sbloccabile una volta che la campagna è finita. Ma per questo, ci torniamo nella parte Endgame di questa recensione.

diablo IV

Un mondo aperto che premia la caccia ai demoni

Bene nel complesso, niente di nuovo sotto il sole di Sancturay mi dirai. Beh, è arrivato il momento di parlare del grosso passo in avanti fatto dagli sviluppatori. Oltre a una messa in scena molto più spettacolare di prima, è soprattutto per la sua esplorazione che Diablo 4 si distingue dai suoi predecessori.

Il nostro eroe vaga per il continente di Estuar, un open world diviso in cinque regioni ben distinte. Cime innevate, paludi, deserti infiniti e zone demoniache di ogni genere, i biomi sono vari. Alcuni danno anche la sensazione (buona o cattiva, dipende) che avrebbero potuto servire per un remaster del primo episodio. Sfortunatamente, una parte dei giocatori rimpiangerà il grado di apertura di Estuar: puoi andare dove vuoi fin dall’inizio, ma i mostri a un livello molto superiore a quello del tuo personaggio rischiano di dissuadere di andare troppo avanti.

Ma è davvero un difetto? Non minimamente visto che le attività secondarie sono numerose. Non li spiegheremo nel dettaglio qui, ma permettono di rompere la monotonia di un viaggio, che sia per una missione secondaria o per la campagna principale. Oltre a offrire molto equipaggiamento per il nostro personaggio, hanno una seconda utilità: essere benefici per i nostri personaggi secondari. La scoperta di nuove aree, la ripresa di basi in mano nemiche o le missioni secondarie permettono di accumulare fama. È una sorta di barra di popolarità, specifica per ogni regione, che sblocca ricompense legate all’account tramite cinque livelli. Questi bonus possono essere una pozione aggiuntiva utilizzabile o l’assegnazione di un punto abilità.

Ricompense benvenute che riescono a far dimenticare la ripetitività di alcuni di questi compiti. Una ridondanza che dovrebbe infastidire alcuni, soprattutto a livello di dungeon i cui boss sono spesso gli stessi. Tuttavia, c’è un vero piacere nell’esplorazione e il gioco non svela troppo rapidamente tutti i suoi segreti e, ancora una volta, vogliamo ancora scoprirli dopo una grande quarantina di ore già trascorse in Estuar.

Come funzionano i personaggi secondari?

In Diablo IV, quasi tutto è collegato tra i personaggi. Gli oboli, l’oro ma anche il cavallo e gli aspetti leggendari dei dungeon! Ti consigliamo quindi di finire la campagna il più rapidamente possibile per approfittare di un destriero.

A questo proposito, i personaggi alternativi potranno passare la campagna e iniziare direttamente nella prima capitale con i vantaggi concessi dalla fama. L’albero dei sussurri, che affronteremo, è anche disponibile.

diablo IV

Come funziona l’endgame

Nonostante una solida campagna e un’esplorazione ricca di attività, è probabilmente il contenuto endgame che interessa la maggior parte dei giocatori: un termine inglese per le cose da fare una volta che si vedono i titoli di coda.

Sono pochi, ma alcuni di loro dovrebbero stuzzicare se non scuotere i giocatori in cerca di una sfida. Una volta completata la campagna, è possibile realizzare un dungeon speciale che sblocca il livello di mondo III. Un livello di mondo che aiuta a rendere il gioco più difficile, ad accedere a oggetti di rarità sacra e ad accedere a queste nuove sfide.

Sono i dungeon dell’incubo che promettono la maggior parte della rigiocabilità grazie ai sigilli: amuleti che rendono i dungeon più difficili incollandogli caratteristiche speciali. Ad esempio, il giocatore si cura più facilmente ma i nemici possono teletrasportarsi e infliggere danni da ghiaccio. Un principio che serve alla promessa di base del gioco (quella di trovare la build giusta per avere successo al fine di recuperare la migliore attrezzatura) perfettamente combinato con la grande quantità di dungeon disponibili. Possiamo quindi recuperare altri sigilli ma anche glifi.

In un secondo momento, è disponibile anche l’Albero dei Sussurri. Lontano dai combattimenti sotto tensione dei dungeon dell’incubo, l’Albero dei Sussurri offre al giocatore un baule contenente pezzi di equipaggiamento della categoria (gambe, toraci, spada a una mano…) di sua scelta. Per avere il diritto a questo baule, è sufficiente eseguire attività in un’area predefinita per recuperare i tributi. 10 di questi tributi e l’affare sarà concluso. L’albero dei Sussurri diventa rapidamente ridondante per un personaggio di alto livello ma è un ottimo modo per equipaggiare rapidamente i personaggi secondari.

In una sfida un po’ più corposa, le Onde Infernali sembrano perfette per chi cerca un compromesso tra l’Albero e i Dungeon. In modo casuale, un’area di Estuar sarà invasa dai demoni. Sconfiggerli darà al giocatore delle ceneri che può usare per aprire forzieri sparsi nella zona. Qualcosa di tanto più interessante da fare quando si sa che le stesse casse offriranno sempre la stessa categoria di pezzi di equipaggiamento.

Ci sono anche i Campi dell’Odio e i Boss Mondiali che i giocatori potranno fare una volta che la campagna è finita. Il primo è un’area fissa che funge da zona Giocatore contro Giocatore (PvP): al momento porta solo cosmetici e sembra mostrare difficoltà nel scalare i danni tra due personaggi a diversi livelli. Infine, i Boss Mondiali sono mostri titanici da affrontare in gruppi di dodici in un tempo limitato. Scontri epici che permettono, una volta alla settimana, di avere un’attrezzatura più che interessante.

Se il contenuto endgame sembra promettente più che rivoluzionario, non dobbiamo dimenticare l’arrivo delle stagioni. Blizzard sembra aver pianificato le cose in grande e questo potrebbe cambiare notevolmente l’esperienza di gioco. Ci vediamo a luglio per la stagione 1. Non dobbiamo nemmeno dimenticare l’integrazione del negozio e del battle pass.

diablo IV

Considerazioni finali

Su tutti i punti discussi in precedenza, Diablo IV eccelle. Ma è soprattutto la sua direzione artistica che può fungere da vero punto di forza. Abbiamo già parlato dei filmati che avremmo preferito vedere al cinema. I vari biomi riescono a rinnovarsi continuamente: il valzer lanciato tra i giochi di luce, il ciclo giorno/notte e il tempo meteorologico riescono a provocare nuovamente la sensazione di scoperta.

Questo è tanto più vero a cavallo: la telecamera si alza da sola e dà un’altra prospettiva all’esplorazione. È anche un peccato che non possiamo controllarla: è un po’ troppo vicina al personaggio quando si è a piedi, a volte rendendo le cose complicate da anticipare.

C’è stato anche un lavoro favoloso per trascrivere l’atmosfera generale di Estuar, in preda a un conflitto che supera i suoi abitanti: mai, in più di 40 ore, la sensazione di disagio, desolazione o pietà ci ha attraversato. Una cosa tanto più sorprendente che, paradossalmente, le varie ambientazioni sono riuscite ad estasiare: Diablo IV riesce a rendere “belle” ma soprattutto vive le diverse disgrazie incontrate dai cittadini di Estuar.

Cogliamo l’occasione per rendere onore ancora una volta il doppiaggio di eccellente fattura della versione italiana che dà sempre un po’ più di anima alle pene di tutti. La colonna sonora è altrettanto fantastica: include cenni a Diablo II e offre una sua serie di brani che si lascia ascoltare anche al di fuori del gioco. Tracce adattate a momenti macabri, di desolazione e combattimenti epici.

diablo iv
Diablo IV
Undici anni dopo il rilascio di Diablo III, la saga ritorna in grande spolvero sulla scena dei videogiochi per PC e console con Diablo IV. Questo quarto episodio si distingue dai suoi predecessori per la sua storia immersiva con una messa in scena impressionante senza toccare l’essenziale della formula. Anche l’atmosfera visiva e sonora è impeccabile. Diablo IV sa rimanere accessibile mentre propone una difficoltà che dovrebbe scuotere gli amanti delle sfide. I nostalgici di Diablo II vedranno i loro desideri esauditi con una direzione artistica simile evidenziata in diversi modi: tutto grida desolazione e infelicità rimanendo elegante. Diablo IV non è una rivoluzione come potrebbero essere stati i suoi predecessori. Ma Blizzard consegna un capitolo completo con la classica formula che non ti fa staccare da gioco. Per quanto riguarda noi, abbiamo già venduto la nostra anima al Diavolo e ne chiediamo di più.
Pro
+ Personaggi profondi e pieni di anima
+ Una colonna sonora magistrale
+ Si rivolge a tutti in termini di difficoltà
+ Una messa in scena abbagliante
+ Una presa quasi immediata
+ Un’atmosfera visiva impeccabile
+ Un contenuto colossale
Contro
– La noiosa gestione dei talenti
– Una leggera mancanza di varietà nel bestiario
– Avremmo voluto un po’ più di inventiva


Potrebbe interessarti anche:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.