Recensione The Callisto Protocol, l’erede spirituale di Dead Space

Riccardo Ferrari15 Dicembre 2022
The Callisto Protocol

Il creatore di Dead Space ritorna al genere che lo ha reso famoso con The Callisto Protocol, sarà riuscito a bissare il successo della sua prima IP?

Costruito con l’ambizione di fare un nuovo passo nell’horror dell’intrattenimento interattivo, The Callisto Protocol è spesso paragonato a Dead Space. Bisogna riconoscere che le due ip condividono diversi punti in comune, a partire dallo stesso creatore, Glen Schofield, ma anche da un genere identico, un universo sci-fi simile e naturalmente creature umanoidi che potrebbero essere intercambiabili. Rivelato ai Game Awards 2020, il titolo di Striking Distance ha finalmente lasciato la faccia nascosta della luna morta di Giove per atterrare sulla Terra. Sarà riuscito ad eguagliare e addirittura superare Dead Space?

Abbiamo testato The Callisto Protocol su Xbox Series X su una TV OLED 4K dopo aver scaricato una patch da 16GB. Tutti gli screenshot sono stati fatti con lo strumento di cattura della Xbox Series X.



La trama di The Callisto Protocol

Jacob Lee non avrebbe mai dovuto vagare nello spazio quel giorno. A seguito di un incidente, la sua nave da trasporto, il Charon, si schianta su un astro. Tutto si trasforma quindi in un disastro: il sopravvissuto diventa il sequestrato di un centro penitenziario di alta sicurezza. A forza di vendere The Callisto Protocol come un sequel spirituale di Dead Space, una saga horror su cui diversi membri di Striking Distance hanno lavorato, lo studio avrebbe potuto evitare di uscire dalla strada già percorsa applicando alla lettera una formula collaudata. Abbattere le sbarre e fuggire da una prigione è proprio l’obiettivo del protagonista principale. Dovrebbe essere visto come un parallelo? 

Nel 2320, la luna morta di Giove, chiamata Callisto, ospita una fortezza da cui emerge una terribile minaccia. Al ritmo di grida ed urli spaventosi, i detenuti si trasformano in abominevoli mostri assetati di sangue. Per sopravvivere, Jacob dovrà svelare sia i segreti dei labirinti oscuri di Black Iron.

Fin dai primi passi sul pavimento freddo della struttura inospitale, l’ombra di Dead Space è ben presente. Il posizionamento della telecamera a spalla, il gore, le luci stroboscopiche, l’interfaccia pulita, i diodi sanitari innestati nella schiena… tutto sullo schermo ricorda l’opera di Electronic Arts uscita nel 2008. Non è né nel suo universo né nel suo bestiario che The Callisto Protocol prende le distanze dall’epopea di Clarke. Gettato all’interno di lunghi corridoi scarsamente illuminati, il giocatore trova praticamente tutti gli stili di Necromorfi incontrati nell’Ishimura con qualche piccolo cambiamento qua e là. Diavolo, questo significa che la produzione di Striking Distance è solo una pallida copia del materiale originale da cui si è ispirata? Non necessariamente. Controller tra le mani, ci vogliono solo pochi minuti per rendersi conto che alcune meccaniche non sono proprio medesime.

The Callisto Protocol

Livelli di difficoltà ed opzioni di accessibilità di The Callisto Protocol

Il team di Striking Distance vuole includere quante più persone possibili nella sua avventura horror. Ecco perché ha pensato di integrare tre livelli di difficoltà e molte opzioni di accessibilità che possono essere modificate in qualsiasi momento. Tra questi, troviamo la mira/schivata automatica, QTE automatici, alti contrasti e molteplici opzioni grafiche. Anche la difficoltà può essere cambiata in qualsiasi momento.

Come si gioca a The Callisto Protocol

Ciò che salta all’occhio fin dai primi istanti passati su Black Iron, oltre ai pericoli organici in agguato, è che il modo in cui il giocatore affronta le entità mostruose incontrate, chiamate Biofagi, differisce da Dead Space. Il sistema di combattimento di The Callisto Protocol è definito da un mix tra sparatorie con armi ma anche, e soprattutto, corpo a corpo. Dove un Isaac Clarke usava il suo piede solo per respingere o schiacciare i suoi aggressori, Jacob Lee sa colpire forte con i suoi pugni. Con le sue parate da gestire con lo stick, la creazione di Glen Schofield ricorda illustri giochi di boxe, il che è sorprendente e tutt’altro che sgradevole per un survival-horror.

Un combattimento si scompone in questo modo: il mostro attacca, il giocatore schiva o blocca e poi infligge una serie di colpi all’aggressore fino a quando la combo non si ferma, il che lancia una nuova fase (attacco/schivata). Il numero di fasi varia a seconda della difficoltà selezionata. In “Normale”, devi riuscirci tre volte per mandare un Biofago “normale” all’inferno, il che è piuttosto lungo. Una volta recuperata un’arma da fuoco, questa si intromette nella mischia con la possibilità di infliggere colpi devastanti durante le sequenze. In uno contro uno, la meccanica funziona benissimo, ma quando gli avversari si mettono insieme, tutto diventa un po’ troppo confusionario e mal gestito.

The Callisto Protocol

Fasi shooting

Molto meno che in Dead Space, ma anche meno indispensabili per il gameplay, le armi da fuoco sono soprattutto lì per rallentare le creature che cercano di ucciderci. The Callisto Protocol non integra nel suo delirio il taglio degli arti come meccanica principale. Nonostante tutto, non è sempre consigliabile concentrare i tuoi colpi sulle teste – o su tutto ciò che ci assomiglia – dei mostri. Alcuni hanno tentacoli che devono essere distrutti come priorità, perché se questi ultimi non vengono tagliati rapidamente, causano una mutazione che trasforma il Biofago in un amalgama tanto disgustosa quanto potente.

Anche mandati al tappeto, gli oppositori possono rialzarsi, quindi calpestarli rovinerà i loro desideri di grandezza e consegnerà oggetti utili come cure, munizioni e crediti, come in Dead Space. Per fortuna Striking Distance ha adornato il suo bambino di intensi combattimenti ravvicinati, perché il classicismo degli scontri a distanza confonde. Ciò che è certo è che la semplice pistola fornita non riesce a mettere in ombra il mitico Cutter Plasma. Per quanto riguarda la diversità di ciò che viene fornito, lasciamo giudicare direttamente a te: due tipi di pistole, due fucili a pompa (uno a una mano, l’altro con due mani) e un fucile d’assalto. Abbiamo conosciuto degli arsenali più originali. Le armi, anche se di grande aiuto per sopravvivere, non sono così fondamentali. Grazie al suo guanto in grado di controllare gli oggetti ma anche i corpi a distanza, Jacob ha altri seri punti di forza.


Potrebbe interessarti anche:


Dotato di un’arma gravitazionale chiamata G.R.P, il giocatore ha poteri telecinetici. Una volta colpito dal proiettile, il mostro entra in levitazione e può così trasformarsi in un punching-ball gigante. Meglio, immerso in questo stato letargico, l’avversario non può resistere alle uccisione più creative, che finisca impalato nelle punte di un muro o schiacciato contro le pale di una turbina. A differenza della Stasi dell’ip di Electronic Arts, la G.R.P si ricarica gradualmente nel tempo. Ciò ha l’effetto di incoraggiare l’avventuriero a usarlo piuttosto che mantenere questa risorsa nella paura di futuri scontri più animati. Questa arma gravitazionale è al centro delle meccaniche di Callisto Protocol: serve a temporizzare una rissa troppo intensa, ad allontanare o al contrario ad attirare gli avversari e persino a usare i Biofagi come scudi “umani”. Senza essere di folle originalità, questa funzione ha il merito di portare una dimensione sandbox, certamente leggera, all’esperienza.

Il lungo cammino pieno di insidie che separa Jacob dalla libertà offre una sfida affrontata in difficoltà normale: ogni combattimento è una prova, specialmente nella prima metà del gioco quando l’eroe non ha un’attrezzatura evoluta. I picchi di difficoltà arrivano non appena tre avversari vogliono combattere allo stesso tempo e non ci sono elementi letali nelle vicinanze per la telecinesi. Il fatto che Jacob impieghi lunghi secondi per iniettarsi la cura rende i combattimenti una vera sfida. Sia chiaro, non avrai quasi mai il tempo di curarti durante una battaglia, soprattutto se manca la tua riserva di G.R.P. I gel per la salute da recuperare dal corpo dei nemici abbattuti, invece, curano non appena vengono raccolti, il che fa pensare a come funzionano i bonus di cura dei vecchi beat’em up. Nella sua seconda parte, Callisto Protocol mette da parte i combattimenti ravvicinati in quanto i nemici diventano numerosi, il che genera uno squilibrio rispetto alla promessa iniziale: il lato tattico del corpo a corpo scompare a favore di incontri più “semplici”.

Recensione The Callisto Protocol, l'erede spirituale di Dead Space

L’esplorazione di Black Iron

Il videogame integra nei suoi circuiti qualcosa di interesse per il giocatore del 2022 con eliminazioni furtive, QTE e checkpoint regolari. No, non dovrai trovare stanze di backup per proteggere l’avanzamento. Include anche oggetti con bordi giallastri che indicano che un elemento dello scenario può essere usato in qualche modo e collegamenti tra cutscene/gameplay impercettibili.

Propone anche qualcosa per migliorare il personaggio. Il denaro raccolto viene speso per vari oggetti e aggiornamenti nelle poche stazioni di rifornimento del gioco. A poco a poco, il manganello elettrico fa più danni, la pistola guadagna capacità e il G.R.P manda i corpi più lontano. Anche i piani da raccogliere e conservare nel tuo inventario in attesa di scaricarli in una stazione sono in gioco. Sbloccano nuove armi (come un fucile a una mano). È anche in questi negozi che è possibile rivendere gli articoli raccolti, il che è fortemente incoraggiato per raggiungere alcuni livelli relativamente alti. Attenzione, tuttavia, il minuscolo inventario nella prima metà del gioco costringe a fare concessioni.

In momenti specifici, poiché le stazioni sono rare quanto l’inventario è limitato, il giocatore non ha altre soluzioni se vuole evolvere correttamente la sua attrezzatura se non andare avanti e indietro. Su questo punto, The Callisto Protocol arriva ad essere più ruvido di Dead Space. Inoltre, dove il futuro remake di Electronic Arts incorpora eventi casuali per sorprendere il giocatore anche se ha pulito una zona, l’ip di Striking Distance lascia una sezione completamente vuota quando viene ripulita. Il giocatore è solo a correre a destra e a sinistra per raccogliere e poi rivendere l’attrezzatura lasciata per ottimizzare la sua evoluzione. La scelta del design si rivela quindi discutibile, anche se l’inventario guadagna arbitrariamente spazio nella seconda metà del gioco. Tuttavia, l’ascesa di Jacob grazie all’ottenimento di nuovo materiale è piacevole. Man mano che si procede, i nemici subiscono danni maggiori e pongono un po’ meno problemi al prigioniero. Perché fare delle parate quando il manganello elettrico rompe le braccia di coloro che vogliono proteggersi?

Contrariamente a quanto Isaac Clarke era vestito, Jacob Lee non ha modo di far apparire una scia luminosa che indica la strada da seguire verso la sua ricerca. Poiché il level design è semplice e per niente labirintico, l’assenza di una mappa non è un problema. Questa linea di luce non aveva l’unica funzione di precipitare il giocatore verso il suo obiettivo, gli indicava anche, indirettamente, quale strada portava a qualcosa di allegato. In The Callisto Protocol, non è sempre chiaro se si prende la strada principale o una corsia che porta a un bonus. Sfortunatamente, poiché il gioco decide arbitrariamente quando è permesso tornare sui propri passi o meno, non è sempre possibile girovagare a proprio piacimento. Il che è leggermente frustrante.

The Callisto Protocol

Il futuro è morto nel 2008

Anche se l’epopea si svolge nel 2320, diversi elementi ricordano il primo decennio degli anni 2000. Il fatto che The Callisto Protocol prenda le distanze da Dead Space nel suo core gameplay mentre si basa sulle sue solide basi dimostra che Glen Schofield non si è riposato sugli allori. Tuttavia, è un peccato notare che il direttore creativo non ha voluto spolverare ulteriormente il genere con la prima produzione del suo studio.

Per cominciare, non viene offerto alcun demi-tour veloce, è piuttosto sorprendente quando sappiamo che quasi tutti gli orribili TPS lo offrono da diversi anni. Poi, gli spezzoni tra giocato ed esplorazione sono quasi inquietanti. Il giocatore si trascina effettivamente in infinite guaine di ventilazione, corre lungo lunghe pareti, prende ascensori che impiegano tempo per scendere, sale su scale di diversi metri, apre porte pesanti martellando Y o aspettando in sale di decontaminazione a intervalli regolari.

Infine, l’intera progressione si basa su fusibili da trovare e impianti da scovare per aprire porte chiuse. Nessun puzzle rallegra la progressione, mentre i passaggi epici scriptati si contano sulle dita di una mano che aleggia nello spazio. È deplorevole notare una generale mancanza di audacia. Che si tratti di armi, missioni (accendere un generatore, far funzionare gli interruttori, ecc.), luoghi visitati (grotte, laboratori segreti, baraccopoli, ecc.), boss o anche nemici (c’è una specie di nemici che si orientano in base al suono, come su The Last of Us), The Callisto Protocol assomiglia a quello che giochiamo da 14 anni. La sceneggiatura, classica, ha almeno il merito di essere ritmica e di spingere Jacob ai quattro angoli del centro carcerario senza annoiarsi. Si ha proprio la sensazione di trovarsi in un blockbuster americano.

The Callisto Protocol

Comparto tecnico di The Callisto Protocol

Attratti da trailer più impressionanti l’uno dell’altro e convinti dall’aspetto next-gen grazie a immagini sbalorditue che mettono gli attori (Josh Duhamel, Karen Fukuhara) davanti ai loro cloni in 3D, i giocatori si aspettano di trovare una grafica sbalorditiva con The Callisto Protocol. Quello che è certo è che il titolo di Striking Distance è bello.

Ogni sorgente luminosa proietta l’ombra dei personaggi, gli effetti speciali sono numerosi, le texture sono dettagliate e le animazioni facciali sono superbamente trascritte. Nonostante il gigantismo delle ambientazioni, lo studio ha fatto notevoli sforzi per infondere vita – e morte – al suo parco giochi. Non è raro notare, in lontananza, person che cercano di fuggire, scontri sanguinosi, creature isteriche o guardie in preda al panico. Solo i riflessi realistici negli specchi non sono gestiti dal motore di gioco.

Sfortunatamente, tutta questa dimostrazione tecnica ha un costo non trascurabile: il framerate a volte precipita inesorabile. Non appena una scena è un po’ troppo piena a causa di un’enorme distanza di visualizzazione o di tantissimi elementi animati, il motore di gioco singhiozza su Xbox Series X, nonostante la prima patch. Un gioco che basa gran parte del suo gameplay sui tempi giusti perde interesse con un 30fps ballerino, motivo per cui attualmente sconsigliamo la modalità “grafica”. Fortunatamente, l’opzione “performance” garantisce un 60fps relativamente stabile al prezzo di effetti speciali meno convincenti e un rendering meno nitido. Credeteci, è un male minore.

The Callisto Protocol

The Callisto Protocol fa paura?

L’atmosfera generale del titolo colpisce dove fa male. Visivamente, la direzione artistica scelta assicura uno spettacolo sanguinoso all’interno di un mondo duro e freddo come la morte. I dettagli sono lì per parlare con i fan del genere: quando un nemico esplode, i suoi pezzi cadono uno dopo l’altro dal soffitto. L’atmosfera sonora è eccellente: la musica interviene quando è necessario, i suoni pesanti sono perfetti per i livelli da percorrere e le urla delle creature congelano il sangue. La spazializzazione del suono è soddisfacente senza essere rivoluzionaria.

È un peccato vedere che l’implementazione del doppiaggio è tutt’altro che perfetta. Non che la recitazione sia fatta male, ma la sincronizzazione labiale è irregolare. Durante la nostra partita, anche alcune battute hanno avuto difficoltà a uscire e abbiamo assistito a dialoghi senza voce udibili. A volte la versione originale prende il sopravvento, a volte, ci si trova in un’altra lingua diversa dall’italiano. Speriamo che questi bug un po’ fastidiosi – che ricordano che siamo di fronte a un buon vecchio videogioco – vengano risolti utilizzando una patch futura.

Le sensazioni date dal DualSense sono buone con vibrazioni che pulsano secondo i suoni ambientali. Ad esempio, quando Jacob si avvicina a una turbina, il giocatore sente le rotazioni delle pale nelle sue mani. Che i possessori di Xbox si rassicurino, anche se non hanno diritto ai ritorni aptici, le vibrazioni sono comunque precise.

Recensione The Callisto Protocol, l'erede spirituale di Dead Space

Considerazioni finali

Nello spazio, nessuno ti sentirà urlare… di gioia o di rabbia? Basandosi sulle fondamenta solide come il metallo del primo Dead Space, The Callisto Protocol schiva la fotocopia grazie ai suoi combattimenti corpo a corpo intensi, difficili, ma non così precisi come avremmo voluto. Nonostante una certa mancanza di audacia, Striking Distance è riuscito a rubare gli anelli di Saturno per farli avere agli amanti dell’horror sci-fi. Allaccia la cintura, questa montagna russa di sangue e spaventi ti scuoterà, anche se il viaggio si rivelerà tanto imperfetto quanto classico.

The Callisto Protocol
Il videogame di Striking Distance si è rivelato essere un buon survival horror. Prende qualcosa da Dead Space ed introduce qualcosa di nuovo. Purtroppo alcuni difetti fanno si che The Callisto Protocol non riesco a superare l’opera originale di Electronic Arts.
Pro
+ Un gameplay diverso da quello di Dead Space, più orientato corpo a corpo
+ Ogni scontro è una sfida intensa
+ Graficamente riuscito (texture, effetti speciali, animazione facciale, gore)
+ Buona modalità Performance
+ Ritmo sostenuto, vogliamo sempre andare avanti
Atmosfera superba
Contro
– Rapidamente caotico quando due o tre nemici attaccano allo stesso tempo in difficoltà normali
– Mancanza generale di audacia in armi, nemici, missioni, livelli
– Uno scenario che avrebbe meritato più sorprese e passaggi/personaggi significativi
– Alcune scelte discutibili di game design (nessun demi-tour veloce, nessun puzzle, pochi boss, inventario ultra limitato che costringe backtracking)
– Cadute di framerate su Xbox Series X
– Troppi caricamenti mascherati (passaggi in sistemi di ventilazione, scale, passaggi stretti…)
– Diversi problemi nella localizzazione italiana (sincronia labiale, problemi di suoni, ecc.)
Recensione The Callisto Protocol, l'erede spirituale di Dead Space


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.