Recensione The Last of Us Parte I: capolavoro rinato su PS5

Riccardo Ferrari7 Settembre 2022
The Last of Us Parte I - Versione PS5 Playstation5

Ti presentiamo la recensione di The Last of Us Parte I per PlayStation 5: la versione migliore di uno dei migliori giochi rilasciati nell’era moderna.



The Last of Us è un videogioco che richiede ben poche presentazioni quindi questa sarà una recensione abbastanza atipica, la reputo più un’analisi di un’opera e della sua riproposizione su PS5. Inizialmente pubblicato nel 2013 come canto del cigno della PlayStation 3 e ripubblicato l’anno successivo come The Last of Us Remastered per PlayStation 4, il gioco esemplificava le controversie al centro dell’industria del gaming all’epoca, da “i videogiochi possono essere arte?” a, “i giochi cinematografici sono davvero giochi?” e anche, “come può qualcosa essere migliore di Grand Theft Auto V?”.

Come è la nuova versione di Last Of Us Parte 1?

E questo è tutto prima di arrivare all’estenuante dibattito sul ritratto della violenza del gioco, il termine “dissonnanza ludonarrativa” e l’assoluto vortice di odio verso il controverso (e superiore) sequel del gioco, The Last of Us Parte II del 2020. Quindi, non sorprende che la decisione dello sviluppatore Naughty Dog di rifare The Last of Us sia stata accolta con molto scetticismo. Lasciando stare i dubbi e le critiche sull’operazione di Sony (considerando anche il prezzo di vendita di 80 euro), vale la pena tornare e rivivere le avventure di Joel ed Ellie nel 2022?

The Last of Us Parte I - Versione PS5 Playstation5

The Last Of Us Parte 1: la storia

Ambientato 20 anni dopo un’epidemia globale causata dal parassita fungino cordyceps (terribilmente reale) che ha lasciato il mondo in rovina, la storia di The Last of Us Part I è incentrata sul duo di Joel ed Ellie. I giocatori assumono principalmente il ruolo di Joel, un contrabbandiere brizzolato che lotta per sopravvivere che riceve il compito di consegnare Ellie – una ragazzina adolescente – a un gruppo di milizia chiamato “Luci”. Immune al morbo fungino, Ellie potrebbe essere la chiave della cura, e così si imbarcano in un’odissea che li porterà da uno stato all’altro, conoscendosi meglio e passando insieme mille problemi.

A livello di tono è a metà strada tra I figli degli uomini Logan, con un pizzico di The Walking Dead. Ma a suo merito, la storia non sembra mai ripresa da altre produzioni, in gran parte è merito della scrittura stellare e delle esibizioni eccezionali del cast, guidati da Troy Baker (Joel) e Ashley Johnson (Ellie) – il cui lavoro vocale e le cui performance di motion-capture qui hanno stabilito lo standard per il prossimo decennio di narrazione cinematografica nei videogiochi. È anche un’esperienza di oltre 15 ore, che consente al pubblico di trascorrere molto tempo completamente immerso in ogni dettaglio del mondo, al di là di ciò che può essere presentato in qualsiasi singolo film o serie televisiva.

The Last of Us Parte I - Versione PS5 Playstation5

Come si gioca a The Last Of Us Parte 1?

Da un punto di vista delle meccaniche, il gameplay ruota principalmente intorno all’esplorazione di tratti lineari del mondo in terza persona. Gli elementi di esplorazione equivalgono a perlustrare ogni angolo di strade colmate, edifici e case abbandonate e occasionalmente foreste e fogne, raccogliere munizioni e creare risorse che (si spera) ti terranno in vita una volta che si incorre in incontri inevitabilmente violenti.

Il combattimento è un mix di furtività, gunplay e scontri in mischia che è tutto facile da eseguire, mantenendo l’illusione della narrazione cinematografica per la maggior parte del tempo. Il remake riprende molte delle meccaniche aggiornate dalla Parte II per creare uno schema di controllo più moderno. Lo shooting è più impattante e l’IA nemica sembra un po’ più reattiva e varia, ma nel complesso i miglioramenti sono marginali.

Il gioco è esattamente come lo ricordi, il che ha senso dato che nulla è stato cambiato dal punto di vista di storia e scontri. Perché gli sviluppatori dovrebbero costruire nuove meccaniche, o addirittura aggiungere alcuni dei cambiamenti più grandi del sequel, se gli scenari stessi non sono mai stati costruiti in modo da tale da poterli sfruttare?

Dopo essersi abituati alle piccole arene in stile sandbox nella parte II, il gameplay qui sembra un po’ più datato. Questi non sono i complessi e agonizzanti enigmicidi del sequel.

Recensione The Last of Us Parte 1: le conclusioni

Visivamente, tuttavia, il gioco corrisponde completamente al titolo 2020 e spesso lo supera, dato che è stato ricostruito da zero per l’hardware PlayStation 5. La PS5 ospita diversi titoli straordinari (Horizon Forbidden West e il collega remake Demon’s Souls sono sicuramente tra i migliori graficamente) ma fedele alla forma, nessuno riesce ad arrivare al livello di Naughty Dog. Gli ormai passati modelli grafici sono stati sostituiti da luci all’avanguardia ed effetti di modellazione moderni.

Come la maggior parte dei titoli PS5, il gioco offre sia una modalità fedeltà, in esecuzione a risoluzione 4K / 30Hz / 30fps, sia una modalità prestazioni, che può raggiungere Dynamic 4K o 1440p a 60Hz se il display lo consente, mirando a 60fps. Se hai un display abilitato HDMI 2.1, puoi spingere per la modalità VRR (variable refresh rate) abilitata con HDR per raggiungere le prestazioni+, che è il migliore compromesso tra un frame rate e risoluzione. Anche se si tratta di un gioco di quasi dieci anni fa The Last of Us Parte I è attualmente uno dei migliori videogiochi disponibili su PlayStation 5.

<div id="section-review" data-stars="4" data-price="80" data-brand="PlayStation" data-title="The Last of Us Parte I – Versione PS5" data-text-pro="+ Uno dei migliori videogame dell'era moderna<br>+ Grandi passi in avanti a livello tecnico
The Last of Us Parte I – Versione PS5
A volte quasi indistinguibile da un film, The Last of Us Parte I su PlayStation 5 è il tipo di titolo che fa davvero capire le potenzialità e le qualità del medium videoludico. Si tratta di un’opera che riesce a superare le barriere emotive e che regala un’ottima esperienza ludica, semplicemente un must-have anche nel 2022 (peccato per il prezzo un po’ alto, 80 euro).
Pro
+ Uno dei migliori videogame dell’era moderna
+ Grandi passi in avanti a livello tecnico
+ Rende la Parte II ancora più completa
Contro
– Prezzo di vendita un po’ alto
The Last of Us Parte I - Versione PS5 Playstation5

Articoli che ti suggeriamo:


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.