Recensione OPPO Enco X2, auricolari bluetooth realizzati con Dynaudio

Luca Viscardi12 Luglio 2022
Recensione OPPO Enco X2

Il mercato degli auricolari bluetooth di qualità ha un concorrente in più, che vi presentiamo con la recensione di OPPO Enco X2, cuffie true wireless che sono state realizzate in collaborazione con Dynaudio.

I dati di vendita degli ultimi anni ci hanno svelato come gli auricolari Bluetooth siano diventati una componente molto ricca dei conti delle aziende, ecco perché le proposte di tutti i vari marchi si stanno moltiplicando e stratificando con diverse fasce di prezzo.

OPPO non fa eccezione e presenta i suoi nuovi auricolari Bluetooth true wireless OPPO Enco X2, che rappresentano il top della gamma per quanto riguarda le proposte audio e si possono avvantaggiare della collaborazione con Dynaudio, società danese, specializzata nei prodotti di alta qualità.

Custodia e auricolari OPPO Enco X2

Come sono fatti OPPO Enco X2

L’esperienza sul campo, fatta nel corso di questi anni, ci ha tolto ogni genere di aspettativa relativa al design degli auricolari Bluetooth: la recensione di OPPO Enco X2 non può che confermare questa abitudine, ovvero che il design dei diversi prodotti risulta molto simile, in alcuni casi quasi speculare.

Questa breve premessa ci porta a raccontare che OPPO Enco X2 sono praticamente identici ad Apple AirPods Pro, ma costano sensibilmente meno, dato non indifferente.

Sono realizzati con i classici bastoncini che fuoriescono dal terminale che si inserisce nel padiglione auricolare, a sua volta dotato di una parte in silicone, per una migliore aderenza all’orecchio. All’interno della confezione ci sono tre diverse misure di adattatori in silicone, per garantire un isolamento passivo dall’esterno: è un dettaglio che contribuisce a migliorare l’effetto della soppressione automatica del rumore.

La custodia è di dimensioni abbastanza contenute, ma ciò che conta di più è il fatto che sia sufficientemente sottile per sparire nella tasca dei pantaloni.

La cosa più importante, però, è capire come sia fatto l’interno dei nuovi auricolari OPPO Enco X2, perché ciò che conta davvero chiede la struttura ingegneristica, realizzata per ottimizzare la riproduzione del suono.

OPPO Enco X2 si basano su un sistema coassiale a doppio driver, un po’ come Huawei Freebuds Pro 2, con cui condividono anche lo stesso tipo di organizzazione dei componenti, compreso il tweeted planare con 4 magneti.

Non vogliamo esagerare nell’uso di termini tecnici e quindi semplifichiamo con il dire che la riproduzione delle gamme di frequenza è migliorata sensibilmente, con un ottimo beneficio soprattutto per le frequenze basse, che sono ancora più rotonde.

Grazie a soluzioni tecnologicamente più avanzate, è aumentata la velocità di trasmissione dei dati, che ora permette di raggiungere uno standard compatibile con Hi-Res Audio.

Tutto questo mantenendo un peso incredibilmente ridotto per gli auricolari che possono essere indossati anche per un lungo periodo senza alcun tipo di controindicazione.

Tra le caratteristiche tecniche distintive c’è anche la certificazione per la resistenza ad acqua e polvere IP54, che garantiscono la protezione degli auricolari dal sudore e dagli schizzi di acqua.

La custodia di OPPO Enco X2

Come funzionano OPPO Enco X2

Sapere come sono fatti gli auricolari OPPO Enco X2 può essere interessante, ma ciò che conta davvero è come funzionano e possiamo dire che la nostra prova sul campo è stata abbastanza soddisfacente.

Bisogna in primo luogo sottolineare che gli auricolari OPPO Enco X2 sono dotati di un sistema di soppressione del rumore che presenta tre diversi livelli di intervento, anche in questo caso una profonda analogia con Huawei Freebuds Pro 2. Ai tre diversi livelli di riduzione del rumore si affianca anche un quarto livello, gestito con l’intelligenza artificiale, in grado di trovare la soluzione migliore rispetto al contesto in cui ci si trova.

Ma non è tutto, perché è possibile anche fare un’analisi del proprio padiglione auricolare per una soppressione del rumore personalizzata che tiene conto della dimensione del proprio canale uditivo.

Un’analisi molto simile viene fatta anche per ottenere il cosiddetto golden sound, ovvero un equalizzazione del suono adattata alla dimensione del proprio orecchio. All’interno dell’applicazione HeyMelody, che si usa sia su Android che su iPhone ci sono tutti gli strumenti per effettuare i test necessari.

Gli auricolari OPPO Enco X2 elaborano il suono grazie ad un processore interno ad alte prestazioni, che ha migliorato la potenza del suono con una crescita del 25% rispetto al modello precedente. Se questo non basta, è stata ottimizzata anche la prestazione della riduzione automatica del rumore ora più efficiente e più naturale.

Quando si utilizza la soppressione del rumore al suo livello massimo si avverte un po’ di pressione sul padiglione auricolare, che alcuni utenti potrebbero trovare fastidiosa. Viene infatti applicata un’attenuazione di 45 db, che per alcune persone può risultare poco gradevole.

Questo non rappresenta un difetto degli auricolari, ma un effetto con laterale dato dalla soppressione particolarmente efficiente.

Tutti questi accorgimenti portano ad una qualità del suono nell’ascolto della musica di buon livello, anche se non la migliore in assoluto. Raccontiamo spesso che il nostro benchmark viene rappresentato dal pezzo di Adele, Easy On Me: il test è stato superato solo parzialmente, perché il basso si sente, ma non è presente come su altri modelli che abbiamo testato di recente.

Usando la già citata applicazione HeyMelody, si può agire anche sulla equalizzazione del suono, ma purtroppo non è possibile personalizzarla, bisogna scegliere tra una delle opzioni messe appunto dagli ingegneri di Dynaudio. Sono presenti tre o quattro alternative, ma avremmo sicuramente apprezzato la possibilità di una completa personalizzazione delle varie gamme di frequenza.

Vorremmo poter esprimere lo stesso entusiasmo parlando di qualità in voce di questi auricolari, ma purtroppo, nonostante i 3 microfoni e la conduzione ossea, la qualità audio in conversazione è appena sufficiente quando ci si trova in ambienti rumorosi.

Clicca per ascoltare la qualità audio degli auricolari OPPO Enco X2

Grazie al file audio che abbiamo incorporato, potete ascoltare l’effetto della soppressione del rumore e un confronto con Apple AirPods 3, che non sono la migliore soluzione del mercato sul fronte della qualità in conversazione.

Purtroppo quando interviene la soppressione dei rumori ambientali, l’effetto che si percepisce dall’altra parte della conversazione non è particolarmente gradevole e alla lunga risulta un po’ fastidioso.

La situazione migliora drasticamente, quando gli auricolari OPPO Enco X2 vengono usati in un ambiente chiuso. Discreta invece è la protezione dal vento, che viene gestita con una rete in acciaio: teoricamente dovrebbero essere perfetti, nella pratica il risultato è discreto ma non al top.

Molto interessante invece l’opzione che sfrutta lo standard di trasmissione bluetooth 5.2, grazie alla quale è possibile collegare contemporaneamente due dispositivi, passando dall’uno all’altro con un semplice clic.

Il controllo degli auricolari viene fatto attraverso la zona sensibile al tocco, che reagisce alla pressione semplice quella prolungata e anche a lo sfioramento per la gestione del volume.

Se si usano gli auricolari OPPO Enco X2 con Android, basta aprire la loro custodia per avviare il processo di associazione.

Custodia aperta di OPPO Enco X2

Compatibili con Dolby Audio

Una delle novità davvero significative di OPPO Enco X2 è la loro compatibilità con il Dolby Audio: connessi ad uno smartphone OPPO, questi auricolari possono registrare il suono surround, con un effetto spettacolare.

Tutto questo garantendo una durata davvero notevole, perché senza la pressione del rumore inserita OPPO Enco X2 arrivano a 40 ore complessive di riproduzione musicale. Si può sfruttare anche una ricarica rapida grazie a cui con soli 5 minuti di energia si accumulano 2 ore di riproduzione musicale. Tra i vantaggi di OPPO Enco X2 registriamo sicuramente la compatibilità con la ricarica wireless.

Quanto costano OPPO Enco X2?

Il prezzo di OPPO Enco X2 è in linea con quello dello scorso anno: al momento del lancio vengono proposti al prezzo di 149,99 €, sicuramente competitivo rispetto a molti altri prodotti presenti sul mercato.

Gli auricolari OPPO Enco X2

Recensione OPPO Enco X2, le conclusioni

Come spesso ripetiamo sulle pagine di MisterGadget.Tech, nessuno è perfetto, nemmeno OPPO Enco X2: possiamo però sicuramente dire che la nostra recensione si può concludere con un voto generalmente positivo, perché i limiti riscontrati sono sicuramente compensati dai molteplici vantaggi.

Per realizzare la recensione di OPPO Enco X2 abbiamo fatto tutta la serie abituale di test incrociati, sia per l’ascolto di musica che per la verifica della qualità in conversazione. Se la parte audio ci ha dato grandi soddisfazioni nell’ascolto della nostra playlist “test”, conserviamo qualche perplessità in più, probabilmente di troppo, quando invece dobbiamo valutare il risultato in conversazione.

Il nostro parere su OPPO Enco X2 è generalmente positivo, ma dobbiamo necessariamente segnalare che potresti avere le stesse funzionalità e la stessa qualità con Nothing Ear (1), che oggi si comprano a 59 euro.

OPPO Enco X2
Auricolari bluetooth true wireless di buona qualità, che combinano una struttura piuttosto ordinaria, con soluzioni tecniche di piena avanguardia. All’interno di OPPO Enco X2 ci sono tutte le migliori soluzioni tecnologiche oggi disponibili, con un ottimo risultato sul fronte dell’ascolto audio, meno convincente se invece si valuta la qualità delle conversazioni.
Pro
+ Doppio driver
+.Qualità audio musica
+ Durata batteria
+ Efficienza riduzione del rumore
Contro
– Qualità audio conversazione
– Equalizzazione suono non personalizzabile


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.