Recensione Amazfit T-Rex 2, a questo prezzo non si può chiedere di più

Luca Viscardi4 Giugno 2022
Recensione Amazfit T-Rex 2

Spoiler: la recensione di Amazfit T-Rex 2 è condizionata dall’entusiasmo generato da questo smartwatch, che presenta un rapporto qualità prezzo difficile da battere.

Per la recensione di Amazfit T-Rex 2 ci siamo concentrati sulle due anime di questo smartwatch, che da un lato offre una misurazione puntuale, precisa ed estremamente veloce dei parametri biometrici, dall’altro è in grado di misurare oltre 150 attività sportive come una notevole attendibilità dei dati raccolti.

A condire e unire le due anime di questo orologio intelligente, c’è la sua struttura, pensata per un utilizzo nella vita normale di tutti i giorni, ma anche in condizioni estreme, tipiche di chi ama lo sport e l’avventura.

Dovremmo prima di tutto capire qual è il nome corretto di questo smartwatch, perché molti lo chiamano e lo cercano online come Amazfit T Rex 2, senza il trattino tra la T e Rex, altri addirittura si riferiscono a questo prodotto come ad Amazfit Trex 2, ma, come si può evincere dalla foto qui sotto, il nome corretto è Amazfit T-Rex 2: fissiamo la prima certezza scaturita dalla nostra prova.

Amazfit T-Rex 2: il quadrante

Come è fatto Amazfit T-Rex 2

La scheda tecnica di Amazfit T-Rex 2 è molto interessante, perché le sue caratteristiche tecniche sono più che valide e sono alla base di prestazioni di ottimo livello.

Quello che appare immediatamente chiaro, quando si impugna per la prima volta Amazfit T-Rex 2, è che la sua struttura è pronta a qualunque tipo di maltrattamento: in realtà è realizzata in polimeri, quindi materiale plastico, ma è una miscela estremamente resistente, capace di durare nel tempo, anche se usata a temperature estremamente alte o notevolmente basse.

Incastonati sulla cassa in polimeri ci sono quattro pulsanti in acciaio, che risultano incredibilmente utili, perché permettono di navigare nel menu te l’orologio senza la necessità di toccare il suo quadrante, opportunità che risulta particolarmente smart, per controllare le sue funzioni quando si indossano i guanti o ci si trova in acqua.

Il display di Amazfit T-Rex 2 è un AMOLED, con una luminosità massima da 1000 nits, grazie a cui il display si legge in tutte le condizioni possibili. c’è un diametro da 1.39″ con definizione 454×454 pixel.

Al suo interno c’è un vero e proprio emporio dei sensori, grazie alle barometro, l’altimetro, la bussola, il GPS, l’accelerometro e il giroscopio, il trasmettitore Bluetooth 5.0 Low Energy.

Non solo, perché Amazfit T-Rex 2 è equipaggiato con un sensore biometrico di nuova generazione, con 6 fotodiodi, capace di misurare in tempi brevissimi il battito cardiaco, l’ossigenazione del sangue, la qualità del sonno e il livello di stress: si chiama Biotracker 3.0. E’ lo stesso sensore che avevamo provato nel precedente Amazfit GTR3 Pro.

Amazfit T-Rex 2: il sensore biometrico

Il vantaggio di questo nuovo sensore sta nel fatto che con un solo clic si possono raccogliere entro 45 secondi ben quattro parametri biometrici fondamentali, battito, ossigenazione, stress e frequenza respiratoria.


Potrebbe interessarti anche:


Ovviamente, Amazfit T-Rex 2 È protetto da acqua e polvere e può funzionare anche ad una profondità di circa 100 m, grazie alla sua capacità di resistere ad una pressione di 10 atmosfere. Oltre alla certificazione per acqua e polvere, Amazfit T-Rex 2 ha superato anche 15 test di livello militare, una ulteriore prova della sua capacità di funzionare in tutte le condizioni.

Amazfit T-Rex 2: la struttura

Come funziona Amazfit T-Rex 2?

Per preparare la nostra recensione di Amazfit T-Rex 2, abbiamo potuto apprezzare la velocità del sistema operativo ZeppOS, che non offre la possibilità di installare applicazioni a posteriori, se non un numero estremamente limitato, ma risulta comunque abbastanza completo per ciò che offre.

Il funzionamento di Amazfit T-Rex 2 è basato su due modalità di controllo: da un lato quello tradizionale dei display touch, dall’altro quello dei quattro pulsanti, due per lato, che permettono di muoversi nel menù, senza la necessità di toccare lo schermo.

Recensione Amazfit T-Rex 2, le app dell'orologio

All’interno del menu si trovano le funzioni principali come il calendario, la lista delle attività, la misurazione dei vari parametri biometrici, l’altimetro, il meteo, il controllo della riproduzione musicale, la sveglia, ma si può anche cercare il proprio smartphone o controllare la sua fotocamera.

Con il tocco di un pulsante si accede immediatamente alle attività sportive, che sono davvero tantissime, impossibile tenere traccia di tutte le opzioni presenti, che vanno dalle attività più tradizionali come la bicicletta o la corsa alle opzioni più disparate com’è la salita delle scale, il vogatore, il golf, probabilmente nell’elenco delle 158 attività che si possono misurare ce ne sono alcune di cui non hai mai sentito parlare.

Recensione Amazfit T-Rex 2: alcune delle attività che si possono tracciare

La natura sportiva di Amazfit T-Rex 2 si esprime anche nella sua resistenza alle condizioni estreme, perché può lavorare fino a 30° sotto lo zero e 40° sopra lo zero. Il suo range di attività spazia dunque con un’escursione termica di ben 70°.

In generale, uno smartwatch come Amazfit T-Rex 2 non può offrire la completezza dell’esperienza di Apple Watch o Samsung Galaxy Watch 4, che si basano su sistemi operativi aperti, che permettono di installare decine di applicazioni anche dopo il loro acquisto, ma garantisce comunque un ottimo funzionamento, grazie al sistema operativo estremamente veloce, tutto sommato completo e capace di rispondere alle esigenze della maggior parte degli utenti.

L’interazione con lo smartphone è piuttosto limitata, non è possibile rispondere alle chiamate o sfruttare altri tipi di interazione.

Amazfit T-Rex 2, display AMOLED

Quanto dura la batteria di Amazfit T-Rex 2?

All’interno dello smartwatch Amazfit T-Rex 2 c’è una batteria da 500 mah, grazie a cui è possibile usarlo fino ad un massimo di 24 giorni, oppure 58 ore continuative di GPS.

Per la recensione di Amazfit T-Rex 2 abbiamo adottato un uso misto, senza eccedere nella misurazione di attività sportive e con un uso saltuario del GPS, mantenendo una luminosità media del display, siamo arrivati a circa 12 giorni di utilizzo con una sola carica.

Per ricaricare Amazfit T-Rex 2 bisogna usare il connettore magnetico proprietario, non c’è ricarica wireless per questo modello.

Lo smartwatch Amazfit T-Rex 2 funziona con iPhone?

Lo smartwatch Amazfit T-Rex 2 si abbina con facilità agli smartphone Android, ma funziona perfettamente anche con iPhone, usando l’applicazione ZeppOS, che è compatibile con entrambi i mondi, sia Android che iOS.

Quando viene collegato con iPhone, però, Amazfit T-Rex 2 gestisce un’interazione molto limitata. Può ricevere notifiche, ma non può rispondere alle chiamate o ai messaggi. Quando arriva una chiamata si può solo respingere con il tasto rifiuta.

L’applicazione Zepp può invece integrarsi con la app salute di Apple, a cui può trasmettere i dati raccolti. Zepp funziona molto bene su entrambi i sistemi operativi, mostrando molti dati che vengono raccolti dallo smartwatch e controllando tutte le possibilità di interazione.

Quanto costa Amazfit T-Rex 2?

Per Amazfit T-Rex 2 prezzo molto competitivo, perché viene proposto al lancio a 229 euro, il che ci fa pensare che a breve si troverà anche con un posizionamento ancora più aggressivo.

Per chi volesse un prodotto di questo tipo, ma con un prezzo più basso, segnaliamo che il modello precedente, Amazfit T-Rex viene proposto online ad un prezzo inferiore ai 100 euro. Ha un sensore di generazione precedente e un display più piccolo.

Recensione Amazfit T-Rex 2: il quadrante meteo

Recensione Amazfit T-Rex 2, le conclusioni

La nostra recensione di Amazfit T-Rex 2 non può che fornire un parere positivo su questo smartwatch, che allarga la proposta di uno dei marchi più interessanti del mercato.

Ha un design chiaramente pensato per un pubblico maschile e per un uso sportivo, ma si adatta tranquillamente alla vita di tutti i giorni, senza la necessità di svolgere attività estreme.

Per il nostro gusto e il nostro tipo di utilizzo, Amazfit GTR 3 Pro è uno smartwatch più adatto, ma anche Amazfit T-Rex 2, per il prezzo a cui viene proposto, troverà molti appassionati.

Amazfit T-Rex 2
Il suo punto di forza è la struttura iper resistente, capace di lavorare con un’escursione termica di 70°. Ci sono ben 158 attività sportive che si possono misurare e un sensore biometrico avanzato, capace di fare 4 misurazioni in meno di 45 secondi.
Pro
+ Durata batteria
+ Misurazioni 158 attività
+ Sensore BioTracker
+ Pulsanti per navigazione senza toccare display
Contro
– Non c’è ricarica wireless
– Sistema operativo chiuso

I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.