Recensione realme GT Master Edition, lo smartphone per tutti

Luca Viscardi4 Ottobre 2021
Realme GT Master Edition - MisterGadget Tech - schermo

Con la recensione di realme GT Master Edition, vi presentiamo uno smartphone che consideriamo adatto a tutti, perché con un prezzo estremamente competitivo offre tutto ciò che un utente può volere.

Abbiamo già parlato del fratello maggiore, abbiamo infatti già presentato la nostra recensione di realme GT, un dispositivo che inserisce il miglior processore oggi disponibile sul mercato in uno smartphone con un prezzo intorno ai 400 €.

Dal nostro punto di vista, realme GT è perfetto per i gamers, per coloro cioè che hanno bisogno di estrema potenza del processore, con una buona dissipazione del calore, ma bisogna pagare un po’ il prezzo di una fotocamera non eccezionale.

realme GT Master Edition rappresenta invece una soluzione di tipo diverso, leggermente depotenziata sul fronte del processore ma più equilibrata nel complesso, con la punta di diamante nella batteria che si ricarica in un tempo ridottissimo.

recensione realme GT Master edition

Il design

Ci sono due versioni di questo smartphone realme GT Master Edition, una è quella che abbiamo provato noi, l’altra è quella realizzata con un designer giapponese, che richiama da vicino l’aspetto estetico di un trolley.

In tutta onestà, preferiamo la prima versione, quella con un colore madreperla, molto più sobrio rispetto alla versione “valigia”. Se vogliamo il design è probabilmente il dettaglio meno esaltante di questo cellulare, che propone forme già viste senza particolare originalità.

Spicca la presenza del connettore da 3,5 mm per le cuffie, per il resto da un lato c’è il volume rocker, il controllo del volume dall’altro il tasto di accensione, non ci sono altri dettagli da sottolineare nelle forme.

In ogni caso realme GT Master Edition contiene il suo peso in soli 174 g con uno spessore di solo 8 mm, propone un cassettino per l’uso di due Sim, ma non prevede l’espansione di memoria. Dal punto di vista prettamente tecnico non ha una certificazione per acqua o polvere.

Il display di Realme GT Master Edition - MisterGadget Tech

Il display

Lo schermo è invece uno dei suoi punti di forza, perché per poco più di 300 € ottenete un pannello super AMOLED, con un picco di luminosità che arriva addirittura a 1000 nits, ovvero con una leggibilità perfetta anche alla luce diretta del sole.

Il display ha una frequenza di aggiornamento da 120 Herz, quindi una fluidità che si adatta perfettamente all’uso con i videogiochi. Il fatto che questo cambi anche l’esperienza d’uso con i servizi streaming è un falso mito, perché Netflix e Prime Video hanno una frame rate molto più basso.

I colori sono vivi e i contrasti molto netti, non c’è dubbio sul fatto che si parli di un display di ottima qualità: tra i pregi mettiamo anche la dimensione, perché la diagonale da 6,43″ e generosa, ma non appartiene alla categoria dei padelloni.

L’unica sorpresa, in negativo, è quella del mancato supporto all’HDR, mentre abbiamo apprezzato il fatto che si possano mettere appunto i colori con una taratura manuale.

Un altro dettaglio che abbiamo apprezzato tantissimo è quello delle cornici ridottissime, che permettono di avere un rapporto tra superficie totale e schermo del 91,7%: il pannello è interrotto solo dal buchetto centrale della fotocamera frontale.

La fotocamera di realme GT master edition

La fotocamera

Il nuovo realme GT Master Edition offre un’ottima fotocamera con un sensore principale da 64 mpx, che garantisce prestazioni addirittura migliori rispetto al suo parente stretto realme GT, il che è abbastanza difficile da comprendere, dato che il sensore è lo stesso.

Senza indagare troppo su quale sia la ragione di tale differenza, sottolineiamo che la qualità della fotocamera principale di realme GT master Edition è davvero buona in tutte le condizioni. Senza pretendere miracoli, possiamo dare un giudizio positivo anche agli scatti notturni, che tutto sommato sono più che accettabili.

Discreta anche la performance del grandangolo e del sensore macro, anche se ripetiamo la nostra ossessione: questi sensori aggiuntivi sono +1 strumento di marketing che di sostanza.

Migliorata anche la fotocamera frontale da 32 megapixel, che offre una buona quantità di filtri fotografici, ma quello che ci ha sorpreso di più è probabilmente la bontà del software di modifica delle foto, che permette di ritoccare tantissimi parametri.


Clicca qui per vedere la recensione di realme GT


Hardware e performance

Rispetto al modello più blasonato realme GT, il nuovo Master Edition offre un processore Snapdragon 778G, che comunque garantisce un collegamento in 5G, che si basa su 6 o 8 gb di ram, 128 o 256 gb di memoria Interna.

Come vi abbiamo già specificato, non esiste invece la possibilità di usare un’espansione di memoria, ma la dotazione che si trova a bordo di questo smartphone è più che sufficiente per la maggior parte degli utenti.

Nulla da dire sul funzionamento di questo smartphone, perché questo processore è un po’ come un’utilitaria di lusso, che garantisce sempre prestazioni di ottimo livello senza eccessi, ma senza nemmeno mai lasciare a desiderare.

Il software, ovviamente, è Android 11 con la personalizzazione tipica di realme, che non è particolarmente invasiva, aggiunge anzi molte funzioni come quella già citata della modifica delle immagini.

Il realme GT Master Edition si è mostrato attendibile e veloce in tutti i contesti, con un’ottima dissipazione del calore, oltre che con consumi contenuti. Non abbiamo mai amato i benchmark, che si possono alterare facilmente, oltre che non essere del tutto esaustivi, ma possiamo dire che i 2798 punti raccolti da questo cellulare sono comunque un ottimo risultato.

Realme GT Master Edition - MisterGadget Tech  batteria

La batteria

Con la batteria (con capacità di 4300 mAh) si tocca uno degli aspetti più interessanti di questo smartphone, perché l’autonomia è generalmente buona, ma si incrocia anche con un tempo di ricarica fenomenale, elemento che può fare la differenza con la concorrenza.

Nella confezione viene infatti inserito un caricatore da 65 W che permette di andare da zero al 100% di autonomia in poco più di 30 minuti, una particolarità che permette di togliere ogni ansia da Ricarica, perché basta un pitstop per la pausa pranzo, per avere il telefono di nuovo al top.

Abbiamo notato che la luminosità utilizzata sul display incide significativamente sui consumi, ma in generale possiamo dire che l’autonomia di questo smartphone è davvero molto buona, con un’incidenza media dei video di circa il 7% ogni ora, mentre usare i videogiochi con grafica spinta può indurre consumi tra l’11 e il 13% per ogni ora.

Anche su questo aspetto, in ogni caso ci sentiamo di rassicurare chi avesse un interesse per questo smartphone: la batteria non è un problema.

Il retro di Realme GT Master Edition - MisterGadget Tech -

Recensione realme GT Master Edition, le conclusioni

Non abbiamo molti dubbi su quali possano essere le conclusioni della recensione di realme GT Master Edition.

Questo è uno smartphone praticamente gemello di OPPO Reno 6 5G, con cui condivide gran parte delle sue caratteristiche, pur avendo un design diverso: nonostante questa proposizione identica a livello tecnologico, il prezzo di OPPO è di 399 euro, quello di realme si ferma intorno ai 330.

Il posizionamento di prezzo, ma anche la cura dei particolari, la completezza del design, l’ottimo processore e la batteria di buona capacità con ricarica superveloce, ci portano ad una conclusione quasi scontata: realme GT Master Edition è uno dei migliori acquisti che possiate fare in questo momento sul mercato degli smartphone.

Anche se non conoscete bene questo marchio, che muove i suoi primi passi in Europa in questi anni, potete fidarvi della qualità garantita da un gigante come BBK, società che possiede anche il brand realme, oltre ad OPPO , Vivo e OnePlus. Per noi, questo realme GT master Edition è promosso a pieni voti.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover