Microsoft Guarda allo spazio con Azure Space
Computer Software News Windows Software

Microsoft Guarda allo spazio con Azure Space

Microsoft ha annunciato una nuova iniziativa che mira a supportare l’innovazione nel settore spaziale grazie al cloud computing, Azure Space.

E’ una nuova gamma di soluzioni, collaborazioni con l’ecosistema di partner e una strategia globale che fa leva su cloud integrato e satelliti per rispondere alle esigenze della comunità spaziale e per connettere pressoché ogni dispositivo ovunque esso si trovi.

Di seguito una sintesi degli annunci:

  • Le partnership con i maggiori provider di comunicazioni satellitari SpaceX e SES permetteranno di offrire servizi di cloud integrato e connettività satellitare sicuri in qualunque parte del mondo.
  • Le novità tecnologiche basate sulla piattaforma cloud Azure, come Azure Modular Datacenter, Azure Orbital Emulator ed Azure Orbital, recentemente annunciato, supporteranno l’offerta di servizi sicuri di high-intensity cloud computing.
  • Microsoft ha riunito alcuni dei principali esperti del settore spaziale, come William Chappell, precedentemente nella DARPA; Chirag Parikh precedentemente White House Director of Space Policy on the National Security Council; e Stephen Kitay che ha recentemente ricoperto l’incarico di Deputy Assistant Secretary of Defense for Space Policy.

L’industria spaziale sta crescendo rapidamente e l’innovazione sta riducendo le barriere all’ingresso in un ambito che un tempo era prerogativa dei governi.

Microsoft intende democratizzare ulteriormente il settore spaziale sviluppando tecnologie affidabili potenziate da Azure per accelerare il lancio e migliorare la sicurezza delle missioni spaziali.

Azure Space

Gli annunci odierni sono il risultato del continuo impegno di Microsoft nell’aiutare le organizzazioni ad avere successo anche nelle condizioni più sfidanti.

Un ecosistema innovativo di provider satellitari aiuterà, infatti, a soddisfare la crescente richiesta di connettività a livello mondiale, ulteriormente accelerata dalla diffusione dei dispositivi IoT e del 5G.

Riducendo la latenza ed eguagliando le performance della connessione a banda larga, sarà possibile offrire servizi di cloud computing e connettività satellitare anche nelle aree più remote e rispondere alle esigenze delle organizzazioni di ogni industria, dall’agricoltura all’energia, dalle telecomunicazioni al settore sanitario, fino a quello governativo.

Non vi nascondo che trovo questo tema molto interessante e che sono curioso di vedere gli sviluppi di un’iniziativa di questo genere: molto affascinante anche rilevare come lo spazio, che una volta sembrava appannaggio delle sole organizzazioni governative oggi stia diventando un ambito di competizione anche per i privati.

Abbiamo visto negli anni scorsi come magnati del calibro di Elon Musk e di Jeff Bezos abbiano investito in questo settore con sforzi quasi inimmaginabili fino a qualche tempo fa per un soggetto privato.

Ancor prima, avevamo visto un impegno in questa direzione di Richard Branson con la sua Virgin Galactic; Microsoft non si pone l’obiettivo di costruire mezzi spaziali, ma di porre la propria capacità a disposizione di chi invece quell’attività la svolge già o desidera farlo in futuro.

Di fatto, anche quel confine sembra ormai superato e Azure Space contribuirà probabilmente a fare ulteriori passi in quella direzione.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.