Cosa non fare su Zoom: si dimette un intero consiglio scolastico in California
Come si fa Computer

Cosa non fare su Zoom: si dimette un intero consiglio scolastico in California

Oggi vi raccontiamo quello che non bisogna assolutamente fare quando si utilizza zoom, perché il rischio è quello di fare la stessa fine di un consiglio scolastico in California.

Tutti i membri dell’organo amministrativo di un istituto del nord della California sono stati infatti costretti a dimettersi dopo essere stati colti a deridere i parenti dei loro studenti con espressioni volgari e irripetibili durante un incontro su zoom che non sapevano fosse trasmesso pubblicamente.

Il sovrintendente del distretto scolastico, tale Greg Hetrick, ha annunciato le dimissioni dell’organo dirigente, con un comunicato stampa diffuso lo scorso venerdì che ha portato la scuola elementare di Oakley alla fama nazionale.

La ragione di questo piccolo terremoto è da ricercare nei momenti precedenti l’incontro del consiglio dello scorso mercoledì quando l’ex preside, il sovrintendente del distretto e alcuni altri componenti, convinti che il loro incontro fosse ancora privato e non diffuso al pubblico, si sono lasciati andare a commenti piuttosto dozzinali e aggressivi nei confronti dei genitori, Ray di essersi lamentati per le chiusure della scuola a causa della pandemia.

La trasmissione involontaria di queste aggressioni verbali nei confronti delle famiglie è stata intercettata dal giornalista della NBC di quella che viene chiamata “Bay Area”, la zona intorno a San Francisco.

Alcune delle sfortunate frasi facevano ad esempio riferimento all’abitudine di alcuni genitori di fumare marijuana: gli insegnanti sostenevano che tali genitori volessero rimandare i figli a scuola per avere la libertà di fumare quando volevano.

Ad un certo punto, un’altra delle persone presenti comincia ad insultare la mamma di uno studente, che si era lamentata perché una delle maestre aveva partecipato ad una festa pubblicando delle foto, quando veniva considerato inopportuno creare assembramenti.

Cosa non fare su Zoom

La discussione, ritrasmessa interamente dal notiziario locale, continua con un altro insegnante che fa riferimento al coraggio dei genitori solo quando nascosti dietro le tastiere, mentre negli incontri di persona risultavano essere particolarmente accomodanti.

Il momento più divertente di questo bizzarro incidente risulta essere però quello in cui I docenti si rendono conto che ciò che stanno dicendo è di pubblico dominio, perché cominciano ad affluire commenti sulla bacheca di zoom.

Il consiglio dimissionario rimarrà in carica ancora per qualche giorno fino a che ora sarà eletto il nuovo gruppo dirigente, probabilmente dei criteri di selezione ci sarà anche quello di saper usare correttamente zoom.

Nel prossimo libro su cosa non fare quando si usa zoom, probabilmente la prima regola sarà quello di non controllare se la propria trasmissione è pubblica o privata.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.