Medallia: l’intelligenza artificiale che fa ricerche per voi

Luca Viscardi28 Ottobre 2020
L'intelligenza artificiale da un colpo di tosse individua il covid
Listen to my podcast

Nel podcast di oggi, si torna a parlare di intelligenza artificiale, argomento ormai consolidato, con l’esempio di ciò che fa Medallia, società specializzata nel CXM.

Per chi non lo sapesse, con CXM si intende Customer Experience Management, ovvero la raccolta di tutti i segnali che clienti o dipendenti lasciano dei loro contatti con le attività, che per alcune aziende diventano fondamentali, soprattutto quando ciò che si vende è per l’appunto “esperienziale”.

Per fare un esempio, gli alberghi hanno una grandissima attività di CXM per ottimizzare il rapporto con i loro utenti ed ottimizzare l’esperienza vissuta durante i soggiorni e quindi migliorare la fidelizzazione.

Medallia
Federico Selle – Medallia

In altri casi, questa società nata negli Stati Uniti molti anni fa, propone soluzioni per misurare la soddisfazione dei propri dipendenti, un particolare che forse non rientra completamente nella nostra cultura del lavoro, lo è invece in molti paesi del mondo.

Un lavoratore felice ottiene più facilmente i propri obiettivi, ha un legame con l’azienda che migliora la partecipazione agli obiettivi condivisi, ecco perché in quasi tutto il mondo misurare la felicità dei propri dipendenti è fondamentale.

Medallia, con l’uso dell’intelligenza artificiale, aiuta le aziende a gestire questo genere di servizi, strutturando e mettendo in pratica i contatti e la raccolta delle informazioni con gli strumenti più disparati.

Federico Selle, che segue lo sviluppo del nostro paese della società, mi ha guidato in un mondo a me sconosciuto, alla scoperta di dinamiche che potevo immaginare ma che conoscevo molto poco nel dettaglio.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.