Recensione Google Pixel 8A, difficile da collocare, ma ottimo

Luca Viscardi13 Maggio 2024
Google Pixel 8A

Dobbiamo forse spiegare in primo luogo il titolo della recensione del Google Pixel 8A e si riferisce al suo prezzo di vendita, 549 euro, che è lo stesso oggi riservato al Pixel 8, superiore in tutte le sue caratteristiche. Per questo è un po’ difficile da posizionare sul mercato, ma è un concentrato di qualità e di “Pixel Style”.



Google Pixel 8A, design e specifiche tecniche

Sul fronte del design, Google Pixel 8A ricalca perfettamente lo “stile di famiglia”, l’inconfondibile tratto estetico tipico degli di smartphone di Google, che sulla parte posteriore presentano una barra dove sono alleggiate le fotocamere.

Quello che cambia, in questo modello, è la dimensione dello schermo, perché Pixel 8A ha una diagonale da 6.1″, con uno spessore da 8.9 mm e un peso complessivo da 188 grammi.

La sua scheda tecnica è più semplice, rispetto a quella di Pixel 8, ma in alcuni casi le differenze vanno ricercate nei piccoli dettagli; la struttura è in alluminio, la cover in plastica, mentre la protezione dello schermo è realizzata con Gorilla Glass 3. Bisogna sottolineare che questo smartphone è particolarmente gradevole al tatto, così come particolarmente azzeccati sono i suoi colori, noi stiamo provando la versione azzurra, che è davvero originale.

Google Pixel 8A ha certificazione IP67, grazie a cui può essere immerso. in acqua per 30 minuti fino ad 1 metro di profondità.

Ci sono altoparlanti stereo e il suono è bello, ricco e corposo, un tratto distintivo di Pixel rispetto a molti altri prodotti sul mercato. Non c’è espansione di memoria, mentre la scheda tecnica di Pixel 8A si completa con Wifi 6e, Bluetooth 5.3, con tutti i sistemi di posizionamento e un trasmettitore NFC per i pagamenti in mobilità.

Google Pixel 8A

Display

Lo schermo di Google Pixel 8A ha un’ottima qualità e il tratto distintivo della dimensione più piccola dell’intera famiglia Pixel, con i 6.1″: parliamo di un pannello OLED, che supporta lo standard HDR, una definizione 1080 x 2400 pixel.

Apprezzabile anche il dettaglio del refresh rate a 120 hz, che sembrava non fosse previsto per questo modello di Pixel; il display è fluido, con una buona luminosità, ma le principali differenze con Pixel 8 si notano per la qualità dei colori bianchi.

Le cornici sono abbastanza pronunciate, dato che il rapporto tra schermo e superficie totale è dell’81.6%, discreto ma non eccellente.

Google Pixel 8A

Hardware e prestazioni

All’interno di Google Pixel 8, c’è il processore Google Tensor G3, lo stesso di Pixel 8 e Pixel 8 Pro, che ha il principale punto di forza nella capacità di elaborare funzioni di intelligenza artificiale.

Non c’è un’espansione di memoria, ci sono due diversi tagli, entrambi con 8 GB di RAM, ovvero da 128 o 256 gb, che comunque non si può espandere.

Lo standard di memoria utilizzato è UFS 3.1, che non è il migliore in assoluto, ma garantisce comunque velocità di trasferimento dei dati e consumi limitati.

In generale, Google Pixel 8A risulta leggermente meno reattivo dei modelli 8 e 8 Pro, pur avendo lo stesso loro processore, ma trasferisce sempre una percezione di qualità e di affidabilità di una categoria superiore.

Come per i modelli precedenti, la linea 8A trasferisce sempre una sensazione di pregio, grazie soprattutto alle funzionalità avanzate, legate all’uso dell’intelligenza artificiale: è difficile, al di là delle dimensioni e della mancanza di una fotocamera, tracciare differenze rispetto ai modelli superiori.

Google Pixel 8A

Fotocamera

Quando si parla di collocazione difficile di Google Pixel 8A, ci si riferisce a molti dettagli che sembrerebbero insignificanti, ma in realtà fanno la differenza sia per la qualità dei risultati che i costi di realizzazione.

Il sensore principale, ad esempio, è da 64 mpx, anziché 50 mpx, ma la dimensione dei pixel è inferiore. E’ un sensore più piccolo, che cattura meno dettagli, per la sua apertura F/1.73. Anche il grandangolo, che è da 13 mpx, con pixel più piccoli.

Le specifiche tecniche differenti, anche se leggermente meno prestigiose, garantiscono comunque la cosiddetta “pixel experience”, anche nella versione 8A: non è solo una questione legata all’uso di alcune funzionalità basate sull’AI, che sono comunque un vantaggio competitivo, ma un tema di “personalità”.

Le foto di Google Pixel si riconoscono per la loro “pasta”, sono differenti rispetto a quelle di qualunque altro smartphone e sono uno dei segni distintivi più rilevanti, con un picco assoluto nelle foto ritratto.

La selfie cam da 13 mpx permette di catturare scatti di qualità elevata e di realizzare ritratti con effetto bokeh di ottimo livello. Insomma, anche se con specifiche inferiori, c’è un motivo se si parla di “pixel team” e se si considerano questi smartphone un punto di riferimento per tutti.

Abbiamo sfruttato tempi strettissimi per la recensione di Google Pixel 8A e nei prossimi giorni aggiorneremo la galleria degli scatti.

Google Pixel 8A

Software

Il sistema operativo di Google Pixel 8A fa davvero la differenza e da solo giustifica l’acquisto di questo smartphone rispetto ai prodotti di fascia media, che si possono trovare sul mercato ad una cifra inferiore. La recensione di Google Pixel 8A è l’occasione per ribadire il nostro apprezzamento per il lavoro fatto negli anni, fino ad arrivare ad Android 14.

Google ha perfezionato negli anni il suo software Android e ha raggiunto un livello di maturità assoluto, che trova le differenze (ancora una volta) nei dettagli: basta perdersi nella sezione del software che è dedicata alla sicurezza per cogliere la qualità della proposta.

Ci sono molteplici funzioni per la sicurezza, come il rilevamento degli incidenti, che oltre ad essere estremamente utili, sono un esempio concreto della cura dei dettagli che Google ha messo nel suo software.

Ovviamente, non è questo che fa la differenza, ma è una conferma della completezza del sistema operativo, che ora può contare su un ampio ecosistema, con smartphone, tablet, auricolari, smart speaker, smart display, computer Chromebook.

Quello che conta di più, però, è il fatto che per Google Pixel 8A siano previsti 7 anni di aggiornamento del software, garanzia di una longevità del telefono che si presuppone sia molto lunga.

Batteria

La batteria di Google Pixel 8A ha una capacità di 4.500 mAh, apparentemente un po’ piccola, ma nel complesso garantisce una giornata di lavoro senza patemi d’animo particolari.

La ricarica cablata supporta il Power Delivery 3.0, ma forse conta di più che ci sia la ricarica wireless, anche se non è molto veloce e si limita a 7.5W.

Google Pixel 8A

Quanto costa Google Pixel 8A?

Il prezzo di Google Pixel 8A è di 549 euro, ma nella fase del lancio ci sono alcune promozioni che riguardano il trade-in o voucher per l’acquisto di altri prodotti Pixel. La versione con 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna viene venduto a 609 euro.


Potrebbe interessarti anche:


Recensione Google Pixel 8A, le conclusioni

La chiusura della recensione di Google Pixel 8A sarà una sorta di replica della sua apertura. Questo smartphone è un dispositivo di ottima qualità, con un software completo e con dettagli hardware di ottimo livello, ma è difficile collocarlo sul fronte del prezzo, dato che viene proposto alla stessa cifra a cui si compra oggi il modello superiore, Google Pixel 8. Se dovesse scendere di prezzo, sarebbe un acquisto superlativo.

Google Pixel 8A
Google Pixel 8A è uno smartphone di altissima qualità, in pieno stile Pixel, con molti pregi legati all’uso dell’AI e alla presenza di ricarica wireless. Il software è eccellente, come succede per gli altri modelli della famiglia. Ottima fotocamera, unico dubbio è quello relativo al prezzo, che è quasi uguale a quello di Google Pixel 8.
Pro
+ Qualità costruttiva
+ Funzioni AI
+ Ricarica Wireless
+ Stile fotocamera
Contro
– Display piccolo

I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.