Nintendo: la storia prima del successo con i videogiochi

Riccardo Ferrari22 Marzo 2024
nintendo prima dei videogiochi

Nintendo non ha sempre venduto console e videogiochi, ha esplorato tantissimi settori commerciali che non sempre hanno avuto successo

Nintendo è uno dei più grandi nomi della storia del gaming. L’azienda ha rivoluzionato il mezzo e l’industria dei videogiochi più e più volte, introducendo non solo alcuni dei titoli e dei personaggi più iconici, ma anche alcune delle console più influenti e innovative. Non c’è da meravigliarsi che l’azienda abbia prodotto alcune delle console più vendute di tutti i tempi.

Come molte aziende, Nintendo si è evoluta con i tempi. Si è modernizzato, ha cambiato focus e, a volte, ha ruotato completamente da un settore all’altro. È risaputo che Nintendo ha iniziato come azienda più di 130 anni fa, e allora vendevano carte da gioco giapponesi fatte a mano chiamate Hanafuda. Ma la storia non finisce qui.

Prima che iniziassero ad avere successo nel mondo gaming, e-vale-ancora-la-pena-nel-2024/">Nintendo ha cercato di vendere cose che erano, beh, più utili per la vita quotidiana, come gli aspirapolvere e il riso istantaneo.

nintendo prima dei videogiochi

Riso istantaneo Nintendo: che concept!

Nintendo ha una storia affascinante. Nel 1963, Nintendo cercò di espandere la sua fiorente attività di carte da gioco attingendo ad altri mercati. All’epoca, questo includeva la creazione di un’azienda che vendeva cibo. In particolare, Nintendo ha venduto brevemente riso istantaneo, un tentativo di competere con i noodles istantanei, che all’epoca erano ovunque. Naturalmente, i noodles continuano ad essere ampiamente disponibili, ma il ramo del riso istantaneo di Nintendo è rapidamente scomparso, senza nemmeno una nota a piè di pagina sul loro sito web.

Un altro prodotto altrettanto fallito era il Chiritory, che era essenzialmente solo un aspirapolvere. Essendo Nintendo, non era un normale aspirapolvere; piuttosto, era un aspirapolvere telecomandato – come un Roomba ma più complicato. Ancora una volta, non così riuscito, ma l’eredità è andata avanti, come “WarioWare, Inc.” includeva un minigioco in cui controllavi un Chiritory.

Il dispositivo è stato progettato da Gunpei Yokoi, che ha progettato vari giocattoli e gadget per Nintendo, tra cui un Love Tester di successo (per testare, beh, l’attrazione dell’amore tra due utenti). È rimasto con Nintendo e ha creato il dispositivo portatile Game & Watch, e ha anche lavorato al design del Game Boy originale.

nintendo prima dei videogiochi

Quando il Game Boy è diventato strano

Parlando del Game Boy, anche se Nintendo aveva superato gli elettrodomestici e i mercati alimentari una volta entrati nei videogiochi, non significava che i leader dell’azienda dimenticavano le loro radici.

Il Game Boy aveva notoriamente alcuni accessori piuttosto strani. Certo, alcuni erano utili, come l’allegato Game Boy Light in modo da poter giocare al buio o il Link Cable che ti permetteva di giocare con i tuoi amici. Ma ce n’erano anche alcuni bizzarri, come una stampante funzionante, un sonar tascabile (inteso a localizzare i pesci) e la Singer Izek.

La Singer Izek era una macchina da cucire, una vera macchina. Nei primi anni 2000, l’azienda giapponese Jaguar Sewing Machines ha collaborato con Nintendo per realizzare una macchina da cucire che si collegava al Game Boy. Piuttosto che giocare a un gioco di cucito, useresti una cartuccia speciale che permette all’utente di scegliere un modello di cuciture. Non sorprende che questo abbia venduto bene come l’aspirapolvere giocattolo Nintendo, non essendo ideale né tra gli appassionati di giochi né a quelli di cucito.



Potrebbe interessarti anche:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.