Perchè le stampanti 3D sono così importanti per la futura esplorazione dello spazio

Riccardo Ferrari8 Febbraio 2024
stampanti 3d spazio

Dall’uso quotidiano allo spazio. Le stampanti 3D stanno diventando sempre più importanti, e lo saranno anche nell’esplorazione spaziale

La rivisitazione del 2018 di Netflix del classico fantascientifico “Lost in Space” ha portato in primo piano molte idee interessanti, non ultimo una storia più seria e guidata dai personaggi. Ciò che potrebbe sorprendere è quanto possa essere realistica la rappresentazione dello show dell’uso delle stampanti 3D da parte dei viaggiatori interstellari.

È improbabile che le missioni spaziali del prossimo futuro nel mondo reale comportino lotte di vita e di morte su pianeti lontani con alieni, robot o robot alieni, e quindi probabilmente non vedranno gli astronauti stampare in 3D armi da fuoco o altri attrezzi difensivi (o offensivi). Tuttavia, l’applicazione per l’utilizzo di stampanti 3D per produrre strumenti e varie parti componenti è estremamente plausibile, in particolare per le missioni a lungo termine che manderebbero esploratori e scienziati troppo lontani dalla portata della Terra per rendere pratica un rifornimento regolare.

La NASA ha sperimentato la tecnologia di stampa 3D in quanto potrebbe riguardare i viaggi spaziali per diversi anni, e con un piccolo aiuto della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e del partner Made in Space, è stata in grado di testare l’affidabilità del processo in condizioni di microgravità dal 2014. I risultati sono stati promettenti, ma è un po’ più complicato che semplicemente mandare una nave nello spazio con una stampante 3D nascosta con il resto del carico.


Potrebbe interessarti anche:


stampanti 3d spazio

Tutto si riduce al peso

Il peso è uno degli aspetti più critici dei viaggi spaziali in quanto può avere un impatto significativo sulla quantità di carburante e spinta necessari per far uscire un razzo dall’atmosfera superiore. Ma non è nemmeno così semplice in quanto più carburante si aggiunge anche al peso complessivo, e anche altre considerazioni come cibo, pezzi di ricambio, oggetti che potrebbero essere necessari per la sperimentazione e altre forniture devono essere preventivate.

L’aspettativa per le stampanti 3D è che alla fine ridurrebbero la quantità di peso assunta da oggetti come componenti e alcuni strumenti. Ad esempio, invece di portare più parti di ricambio nel caso in cui qualcosa dovesse aver bisogno di essere riparato (il che potrebbe comportare diversi articoli che finiscono per non essere utilizzati, ma comportano ancora un bel po’ di peso), lotti di materiali di stampa 3D possono essere portati con sé e utilizzati per stampare esattamente ciò che è necessario in una determinata situazione.

Inoltre, qualcosa come un Refabricator potrebbe essere portato con sé per riciclare materiali stampati in 3D inutilizzati, rotti o sostituiti per l’uso in stampe future (per NASA). Ciò ridurrebbe teoricamente la quantità di materie prime necessarie – riducendo così anche l’uso del peso – ed è in fase di test sulla ISS dal 2019. Una volta che la tecnologia di stampa e riciclaggio è raffinata, potrebbe far durare le missioni spaziali a lunga distanza per anni (invece di settimane o mesi) molto più fattibili.



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.