Perchè la Ferrari ha smesso di vendere auto con cambio manuale

Riccardo Ferrari29 Gennaio 2024
ferrari - cambio manuale.

Ormai da qualche anno la famosa casa automobilistica di Maranello, Ferrari, ha smesso di vendere auto con cambio manuale. Come mai?

Quando la gente pensa alle auto più veloci, pensa al cambio manuale. Premere l’acceleratore al massimo, cambiare marcia e premere i freni solo quando c’è una svolta da fare sono le immagini che lampeggiano nella mente delle persone. Per la maggior parte, il cambio manuale è sinonimo di auto ad alte prestazioni. Beh, la Ferrari ha cambiato le cose più di un decennio fa, cessando la produzione di auto con cambio manuale nel 2012.

Nel 2008, il produttore ha introdotto il mondo alla Ferrari California, un modello che ha fatto rivivere un nome non usato dagli anni ’60. Questa California è arrivata con una trasmissione a doppia frizione che offriva anche la possibilità di utilizzare un cambio manuale. Questa è stata l’ultima auto della casa automobilistica italiana a fornire un pedale della frizione, scegliendo di concentrarsi sulla sua tecnologia a doppia frizione che supera le trasmissioni manuali. La Ferrari non è stata l’unica azienda a lasciare il cambio manuale in passato, poiché Lamborghini, Mercedes e McLaren hanno fatto lo stesso. Perché il graduale cambiamento alla base delle proprie auto?

ferrari - cambio manuale

Fermare la produzione di trasmissioni manuali è stata una decisione finanziaria

La ragione più evidente dietro la decisione sono i soldi. Per quanto gli appassionati di auto dicano di apprezzare la sensazione e il suono di premere una frizione per cambiare marcia manualmente, non mettono i loro soldi dove è la loro bocca; la domanda di auto con una trasmissione manuale è drasticamente diminuita nel corso degli anni. Entro il 2012, tre anni dopo l’uscita della California, la Ferrari ha ricevuto solo tra i tre e i cinque ordini per i modelli di cambio manuale, secondo il capo marketing della Ferrari Nicola Boari.

La produzione di auto ad alte prestazioni con due trasmissioni separate che devono essere sottoposte a un esame rigoroso prima di poter essere messe vendita pone un inutile onere finanziario per l’azienda. Invece di produrre un prodotto poco richiesto, la Ferrari potrebbe riallocare quei fondi per migliorare la tecnologia già superiore che utilizza nelle sue auto. Il principale concorrente della Ferrari, Porsche, continua a produrre varie auto con un cambio manuale per coloro che amano l’esperienza “old-school”.


Potrebbe interessarti anche:


ferrari - cambio manuale.

La trasmissione a doppia frizione offre prestazioni migliori

Guardare sotto il cofano di una Ferrari potrebbe ingannare un osservatore casuale poiché una trasmissione a doppia frizione assomiglia a un cambio manuale all’esterno. Tuttavia, non si comporta come tale. Potrebbe non avere la stessa sensazione dei vecchi modelli, ma le trasmissioni a doppia frizione forniscono un’accelerazione più veloce e una maggiore velocità di fascia alta. Una trasmissione a doppia frizione utilizza due cambi che passano tra le marce dispari e pari senza alcuna perdita di coppia alle ruote, eliminando la necessità di un pedale della frizione. Questo dà al conducente un’esperienza più senza soluzione di continuità al volante, permettendogli di concentrarsi esclusivamente sulla strada.

Al salone di Parigi nel 2016, Michael Hugo Leiters, chief technology officer della Ferrari, ha dichiarato: “Ferrari è design, prestazioni e tecnologie all’avanguardia. Non c’è una trasmissione manuale che possa battere queste prestazioni e, quindi, abbiamo deciso di rimanere sul cambio a doppia frizione”.

Poiché la trasmissione a doppia frizione è direttamente collegata al motore tramite, il conducente non sperimenterà alcuna perdita di slancio. La seguente marcia su cui la trasmissione deve passare è stata preselezionata, permettendogli di cambiare rapidamente senza preavviso. Tuttavia, chiunque possieda una delle poche Ferrari California con un pedale della frizione deve cercare di tenersela stretta. L’attrazione dei collezionisti per un prodotto così raro ha più che raddoppiato il suo valore, con un fortunato proprietario che ha venduto il loro all’asta per $ 435.000.



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.