L’E3 chiude definitivamente i battenti: la fine di un’era videoludica

Riccardo Ferrari13 Dicembre 2023
e3

L’E3, la famosa fiera a tema videogiochi di Los Angeles, è ufficialmente morta. Si chiude un grosso pezzo di storia del settore

In una mossa che senza dubbio deluderà gli appassionati di giochi di tutto il mondo, l’E3, la storica esposizione annuale per l’industria dei videogiochi, è stata annullata, questa volta per sempre. L’Entertainment Software Association (ESA), l’organizzatore dell’evento, ha confermato lo sviluppo via Twitter il 12 dicembre 2023. Per coloro che non lo non losape, l’ESA ha ospitato regolarmente l’evento per oltre 20 anni, con la prima esposizione E3 risalente al 1995. L’E3 ha avuto una corsa quasi ininterrotta fino al 2020, quando l’evento di quell’anno è stato annullato a causa della pandemia di COVID-19.

Mentre una versione solo digitale zoppicò nel 2021, mancava dell’energia e del clamore che rendevano l’E3 così speciale. Le cose sono peggiorate solo nel 2022, quando l’ESA è stata costretta a cancellare l’evento di quell’anno. Mentre l’ESA aveva confermato di avere tutte le intenzioni di tenere l’expo tra il 13 e il 16 giugno 2023, presso il famoso Los Angeles Convention Center, una generale mancanza di interesse da parte dei partner tradizionali dell’E3, tra cui Sony e Nintendo, ha portato l’associale ad annuale anche l’ultima edizione. Qualsiasi speranza per un futuro E3 Expo ora sta a brandelli dopo che l’ESA ha ufficialmente confermato che dovremo dire all’expo per sempre.

ead-organiser-confirms/" target="_blank" rel="noreferrer noopener">Commentando lo sviluppo, Stanley Pierre-Louis, presidente e amministratore delegato dell’ESA, ha dichiarato:

“Dopo più di due decenni di ospitalità di un evento che è servito come vetrina centrale per gli Stati Uniti e l’industria globale dei videogiochi, sappiamo che è difficile dire addio a un evento così amato, ma è la cosa giusta da fare date le nuove opportunità che la nostra industria ha per raggiungere fan e partner”.

Un’altra vittima dell’era post Covid?

Mentre il COVID-19 può sembrare l’unico colpevole del declino dell’E3, la maggior parte degli appassionati di videogame e degli addetti ai lavori del settore lo vede come un semplice catalizzatore per cambiamenti più profondi già in corso. La pandemia ha amplificato una crescente avversione verso eventi su larga scala. Tuttavia, il vero colpo di coda è venuto dall’ascesa delle piattaforme di distribuzione digitale e dei social media, che avevano già iniziato a erodere il monopolio dell’E3 sulle notizie e gli annunci del settore anni prima.

Una volta che i grandi editori come Sony e Microsoft si sono resi conto della facilità e del rapporto costo-efficacia di organizzare da soli i propri showcase, la rilevanza di E3 è rapidamente diminuita. Questi eventi self-hosted hanno fornito accesso diretto al loro pubblico di destinazione, consentendo una messaggistica controllata ed evitando la cacofonia di una massiccia esposizione. Questo cambiamento di strategia si è rivelato un punto di svolta, portando alla fine alla scomparsa dell’E3.

Alla fine, l’E3 è diventata vittima del proprio successo. Era diventato così sinonimo dell’industria dei videogiochi che non riusciva ad adattarsi al panorama che cambiava. La pandemia è servita semplicemente come agente velocizzante per la sua inevitabile scomparsa, esponendo le vulnerabilità che si erano accumulate per anni. Mentre la possibilità di un ritorno sembra desolante in questo momento, potrebbero esserci diversi appassionati di videogame là fuori che sperano che il buon vecchio E3 faccia un eventuale ritorno.



Potrebbe interessarti anche:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.