Recensione Creative Zen Hybrid Pro: feature interessanti ma con qualche pecca

Riccardo Ferrari24 Novembre 2023
creative zen hybrid pro

Zen Hybrid Pro di Creative permettono di ascoltare lo stesso contenuto facilmente su più cuffie grazie a tecnologie molto interessanti

Le ultime cuffie wireless ANC di Creative, le Zen Hybrid Pro, sono dotate di una caratteristica che il 99% delle cuffie wireless consumer sul mercato non ha. È la possibilità di trasmettere audio a molte cuffie contemporaneamente con latenza ultra bassa.

Perché potrebbe essere una feature utile? Potresti ad esempio utilizzare un paio di Zen Hybrid Pro così guardare un film o ascoltare musica in streaming con il tuo coniuge senza disturbare i tuoi familiari o i tuoi coinquilini. Oppure un’altra situazione è per le cosiddette Silent-Disco, le feste con la musica trasmesse direttamente nelle cuffie e non con altoparlanti mega potenti.



creative zen hybrid pro

Codec LE Audio e LC3

La tecnologia che guida questa funzionalità è il Bluetooth LE Audio, un nuovo standard audio che consuma meno energia e supporta un bitrate più efficiente. Trasmette attraverso il nuovo codec audio, LC3, e alimentato dall’audio broadcast Auracast. LC3 esiste dal Bluetooth 5.2 ma non è ampiamente adottato.

Da solo, LC3 è un codec migliore di SBC con audio di qualità superiore in bitrate inferiore. Suppongo che la ragione principale per cui i produttori non lo usano sia dovuta alla mancanza di adozione: perché introdurre un nuovo codec se la maggior parte dei dispositivi là fuori non lo usano?

Detto questo, ci sono in realtà marchi che hanno usato LC3 nei loro prodotti. Ad esempio, le soundbar Ambeo Sennheiser utilizzano LC3 per comunicare con il subwoofer wireless. Samsung sta anche utilizzando LC3 per i suoi prodotti per offrire le funzionalità che LE Audio promette: la possibilità di trasmettere l’audio in streaming a più dispositivi. Quando più prodotti hanno il supporto LE Audio e LC3, i vantaggi diventano più diffusi. Immagina di poter semplicemente passare le tue cuffie wireless esistenti a un canale speciale per ascoltare la trasmissione audio tramite Bluetooth – negli aeroporti, nei musei o nelle istituzioni di apprendimento.

Prezzi e disponibilità: Tre diverse opzioni

Ora che hai un po’ più di comprensione su Bluetooth LE Audio e sul codec LC3, parliamo ora di Zen Hybrid Pro. Creative ha confezionato lo Zen Hybrid Pro in tre bundle che presentano qualche differenza. Ecco un riassunto di ciò che offrono:

  • Zen Hybrid Pro – solo le cuffie. Prezzo di prezzo consigliato 99,99 euro
  • Zen Hybrid Pro Classic – cuffie, microfono ad asta staccabile, trasmettitore audio BT-L3 che supporta LE Audio. Prezzo consigliato 129,99 euro
  • Zen Hybrid Pro SXFI – cuffie, microfono ad asta staccabile, trasmettitore audio BT-L4 che supporta LE Audio e Super X-Fi. Prezzo consigliato 149,99 euro

Sono in vendita dal 10 novembre 2023 preso lo Store di Creative.

Se acquisti solo le cuffie Zen Hybrid Pro, puoi connetterti ai tuoi dispositivi esistenti (smartphone, tablet, laptop, console di gioco, ecc.) su SBC, AAC e LC3/LC3+ se il tuo dispositivo lo supporta. È essenzialmente una versione aggiornata della vecchia versione delle Zen Hybrid che supporta LE Audio e i led RGB intorno ai padiglioni, con microfono ad asta opzionale.

creative zen hybrid pro

Design e qualità costruttiva

Le cuffie sono interamente in plastica tranne la fascia regolabile. Lo stampo è in gran parte identico alle “vecchie” Zen Hybrid con cambiamenti nel design del padiglione e nella fascia in tessuto che non si stacca rispetto alla pelle sintetica. I cuscinetti auricolari sono in pelle, ed offrono la possibilità di essere sostituiti nel caso in cui cominciassero a rovinarsi.

Il pulsante di accensione si trova sul padiglione sinistro, insieme al pulsante di disattivazione del microfono e alla rotella del volume digitale. I pulsanti ANC, play, avanti e indietro sono sulla destra. Per avviare l’accoppiamento invece basta tenere premuto il pulsante di accensione per 4 secondi, anche quando la cuffia è già accesa. Per spegnerle bisogna premere e rilasciare il pulsante dopo 2 secondi. Il pulsante di accensione funziona anche come un interruttore di modalità: fare doppio clic per passare alla modalità di trasmissione in cui le cuffie cercheranno un canale Auracast.

Le cuffie Zen Hybrid Pro hanno una durata della batteria sorprendente di 100 ore con ANC e LED spenti, o 80 ore con ANC e led accesi. Una carica di 5 minuti ti darà altre 5 ore di ascolto.

creative zen hybrid pro

Trasmettitore audio Bluetooth LE BT-L4

Il BT-L4 è fondamentalmente il BT-L3 con chip SXFI integrato. Super X-Fi è stato lanciato nel 2018 e da allora le funzionalità rimangono in gran parte invariate. Devi scattare foto delle tue orecchie e lasciare che il sistema calcoli un algoritmo computazionale per determinare il suono ottimale per ogni tipo di orecchio.

Da allora, hanno preso sempre più piede già molti formati 3D-audio, come Sony 360 Reality Audio, Dolby Atmos, Apple Spatial Audio. Sembra una coincidenza, ma l’audio surround simulato sembra avere una nuova vita dopo il grande annuncio di Creative di Super X-Fi. Ora, con le nuove cuffie LE Audio di Creative e il trasmettitore USB, potrebbe anche segnalare l’ascesa dell’adozione di Auracast Bluetooth?

Il BT-L4 ha le dimensioni di un’unità flash USB. Ha un connettore USB-C e non viene fornito con un adattatore USB-A, il che è deludente considerando che Creative ha lanciato un adattatore per alcuni dei prodotti USB-C in precedenza. C’è un pulsante sul retro, che consente l’attivazione dell’accoppiamento Bluetooth (da tenere premuto) o il passaggio alla modalità di trasmissione (premere due volte) o l’attivazione di SXFI (premere una volta). Funziona anche sugli smartphone se vuoi Auracast dal tuo telefono a più Zen Hybrid Pro. Il trasmettitore può riscaldarsi durante l’uso, quindi, stai lontano e usalo in un luogo ben ventilato.

Creative ha condiviso che il BT-L4 sarà compatibile con altre cuffie che supportano anche LE Audio e LC3, come gli auricolari Creative Aurvana Ace appena annunciati.

App Creative (Windows)

La stessa app Creative che installi per altri prodotti USB riconoscerà il BT-L4 e puoi accedere a molte funzionalità come Acoustic Engine, EQ, SXFI, Mixer. La pagina di riproduzione consente di selezionare una risoluzione fino a 32 bit 96000Hz, mentre la qualità di registrazione può essere fino a 24 bit 48000Hz.

Come molti altri prodotti audio Creative USB, il BT-L4 è dotato di chip audio DSP integrato che consente di applicare effetti audio come Surround, Crystalizer. Puoi anche abilitare Super X-Fi e regolare il mix audio. Se abiliti “Ascolta questo dispositivo” nel sottomenu Registrazione microfono, puoi sentire un feedback audio del microfono, anche se ritardato. Può sembrare strano, ma potrebbe rivelarsi una buona cosa in quanto ti permette di sentire effettivamente come si sente la tua voce. Vorrei solo che il ritardo non fosse così importante.

Nella pagina “Dispositivi Bluetooth” puoi modificare le impostazioni Bluetooth. Ci sono due modalità: “LE Audio” e “ULL (Ultra Low Latency)”. Tra le due modalità, non riesco a capire alcuna differenza nella latenza. I video riprodotti tramite VLC media player appaiono sincronizzati.

L’attivazione della modalità “Trasmissione” in fondo alla pagina fa la stessa cosa che fare doppio clic sul pulsante del trasmettitore. Passa da unicast a broadcast e inizia a trasmettere l’audio come non crittografato. Sulle cuffie, fai doppio clic sul pulsante di accensione per passare alla modalità di trasmissione e cercherà qualsiasi canale disponibile per iniziare a ricevere l’audio. Fare doppio clic per tornare alla modalità unicast: le cuffie mantengono effettivamente la connessione Bluetooth, quindi la commutazione è abbastanza fluida.

La qualità audio che utilizza la modalità broadcast è leggermente inferiore alla modalità unicast standard, con un suono un po’ meno preciso alle frequenze alte, ma la messa in scena sonora e la dinamica non sono così influenzate. Non dovrebbe disturbare gli utenti perché la modalità di trasmissione è progettata più per l’efficienza della trasmissione piuttosto che per la qualità. Inoltre, i contenuti che ascolti in modalità broadcast non sono pensati per essere audiofili. La trasmissione tramite la modalità broadcast ha più rotture rispetto alla modalità unicast standard, ma avere una linea di vista manterrà stabile la ricezione.

creative zen hybrid pro

Qualità audio

Dopo averti spiegato le varie caratteristiche di queste cuffie, è il momento di capire come suonano le Zen Hybrid Pro. Permettetemi di iniziare con la qualità audio stereo standard. Le Zen Hybrid Pro sono piene di bassi, molto di più a causa degli accoglienti padiglioni auricolari che imballano le orecchie senza lasciargli spazio per respirare. Gli alti offrono chiarezza ma lottano per superare il forte boom dei bassi, e lo fa se le tracce audio non sono eccessive alla frequenza più bassa. Ciò significa che le Zen Hybrid non sono una soluzione ideale per un’esperienza di ascolto neutra, anche se può essere facilmente superata attraverso l’EQ personalizzato. Anche la messa in scena del suono è poco stimolante, con strumenti posizionati vicino alle orecchie.

Tuttavia, è una storia diversa quando si attiva la modalità Super X-Fi. Le Zen Hybrid Pro possono facilmente essere il tuo salvatore se vuoi goderti un’esperienza audio cinematografica multicanale immersiva senza ricevere lamentele dalla tua famiglia e dai tuoi vicini. Puoi alzare il volume quanto vuoi e goderti il suono surround.

È qui che apprezzerai l’accordatura dei bassi: le Zen Hybrid Pro offrono un’esperienza sub-woofer abbastanza identica, meno i riverberi che senti attraverso la pelle. E poiché il suono multicanale è generato dalle cuffie proprio accanto alle orecchie, in realtà puoi sentire i dettagli dell’ audio direzionale molto meglio che sugli altoparlanti fisici, anche se la sorgente audio arriva dall’esterno delle orecchie.

Per la musica stereo, la modalità SXFI fa sì che il palcoscenico del suono provenga dall’esterno delle cuffie di fronte a te, ma trovo che la sintonizzazione della frequenza sia troppo pesante sulla gamma media superiore. Dopo aver ascoltato per un po’, hai davvero l’impressione che l’audio provenga dai tuoi altoparlanti di casa invece che dalle cuffie.

creative zen hybrid pro

Qualità ANC e modalità ambiente

Attraverso l’app per smartphone, è possibile regolare il livello di ANC e della modalità Ambient. L’ANC offre un’adeguata rimozione del rumore di fondo pur non essendo troppo aggressivo per sentire il silenzio totale.

Allo stesso modo, la modalità ambiente consente un po’ di rumore di fondo ma non suona molto aperta.

Qualità del microfono

Il bundle base di Zen Hybrid Pro non contiene un microfono ad asta staccabile, ma in base ai miei test, non trovo che questo offra una migliore fedeltà. L’unico vantaggio è che il microfono è posizionato più vicino alla mia bocca, il che ottiene un migliore pick-up.

Tuttavia, la qualità del microfono (sia quello staccabile sia quello interno delle cuffie) manca dell’alta frequenza, il che è sconcertante. Inoltre, il microfono ad asta non supporta la cancellazione del rumore di fondo. Ovviamente è consigliabile usare il microfono ad asta dove possibile per un migliore pickup vocale, ma usarlo senza di esso non riduce molto la qualità.

creative zen hybrid pro

Considerazioni finali

Le Zen Hybrid Pro SXFI offrono una proposta davvero interessante se si è alla ricerca di un’esperienza cinematografica immersiva con audio multicanale. La sua latenza ultra-bassa le rendono ideali per essere utilizzati per i videogiochi e la visione di film, e il trasmettitore USB consente di trasmettere l’audio a più cuffie, che trovo un caso d’uso convincente in cui più persone possono ascoltare lo stesso contenuto audio allo stesso tempo.

Ti consiglio vivamente di acquistare il bundle di Zen Hybrid Pro SXFI e, nel caso fosse utile, qualche Zen Hybrid Pro aggiuntiva in modo che più persone possano godere dello stesso contenuto audio su cuffie contemporaneamente senza una soluzione complessa.

Zen Hybrid Pro
Seppur vantino tecnologie e feature davvero interessanti, le Zen Hybrid Pro non sono esenti da difetti piuttosto evidenti. Si tratta di ottime cuffie pensate al gaming ed alla visioni cinematografica ma non sono consigliabili agli audiofili più esigenti.
Pro
+ Supporta la trasmissione audio a più cuffie LE Audio
+ Grande longevità della batteria
+ Audio multicanale senza altoparlanti surround fisici
Contro
– Il design in plastica leggera manca della sensazione premium
– La qualità di trasmissione in modalità broadcast non è buona come il normale Bluetooth
– LE Audio non ancora di uso comune per raccogliere più benefici
– L’equalizzazione audio favorisce gli amanti dei bassi (ma l’utente può applicare l’EQ)


Potrebbe interessarti anche:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.