Recensione PlayStation Portal: una grossa occasione mancata

Riccardo Ferrari19 Novembre 2023
PlayStation Portal

PlayStation Portal è un dispositivo accessori di PS5 che ti permette di giocare i videogiochi presenti sulla console in streaming

Molti accessori del gaming servono a scopi specifici, soddisfando una base di utenti eseguendo estremamente bene un singolo compito. I volanti per i giochi di corse, gli stick per i picchiaduro e i device per le simulazione di volo hanno tutti una chiara ragione di esistere.

Sony non riesce a portare completamente questa idea con la sua PlayStation Portal da 219,99 euro. È certamente un dispositivo specifico: un controller portatile con uno schermo che ti consente di giocare a distanza ai giochi PlayStation 5 da una console alimentata. Ma questo è tutto. Non è un palmare da gaming autonomo e sicuramente non è un successore di PlayStation Portable o PlayStation Vita. La funzionalità di riproduzione remota per PlayStation 5 funziona come previsto e i controlli basati su Dualsense sono fantastici. È semplicemente troppo limitato per il prezzo, soprattutto quando ci sono opzioni più economiche che funzionano altrettanto bene.



PlayStation Portal

Cosa fa PlayStation Portal?

In primo luogo, PlayStation Portal richiede una PlayStation 5. Devi possederne una per ottenere qualsiasi uso dal dispositivo. Portal ti consente di accedere in remoto alla tua PS5, interagendo con essa attraverso lo schermo e controlli da qualsiasi punto all’interno d ella portata della tua rete Wi-Fi come se stessi giocando direttamente con la console. Se la tua PS5 è spenta, Portal può anche accenderla con l’impostazione corretta abilitata.

Giocare ai giochi PS5 mentre qualcun altro sta usando la TV è un’idea attraente, che è il caso d’uso immaginato da Sony per Portal. Tuttavia, puoi già farlo con quasi tutti gli smartphone e un controller compatibile. Il Backbone One costa la metà della proposta di Sony ed è molto meno ingombrante. Allo stesso modo, un telefono high-end ha uno schermo che è probabilmente molto più nitido e più vivido del display mediocre di PlayStation Portal.

Ricorda il gamepad di Nintendo Wii U in quanto deve essere legato a un sistema e non è progettato per essere portato fuori di casa. La differenza è che il Wii U è uscito 11 anni fa e includeva il gamepad come parte della console invece di offrirlo come accessorio opzionale.

Design: un DualSense con un touch screen al centro

Per creare PlayStation Portal, Sony ha praticamente tagliato a metà un gamepad Dualsense e ha messo un touch screen da otto pollici tra le due parti. Le impugnature e il layout generale sono inequivocabilmente quelli del controller della PS5. Ha lo stesso aspetto bianco su nero, pulsanti trasparenti e pad di direzione e bastoncini analogici neri. I pulsanti Opzioni e Condividi sono dove ti aspetti che siano, anche se i pulsanti PlayStation ed il microfono vengono trapiantati rispettivamente dal centro del controller ai bordi interni delle metà sinistra e destra.

Le molte funzionalità del gamepad DualSense sono qui, tra cui controlli di movimento, feedback aptico immersivo e trigger adattivi. Non c’è un touchpad cliccabile, ma il touch screen serve allo stesso scopo. Almeno, dovrebbe in teoria (ne parleremo più avanti). I controlli prevedibilmente si comportano benissimo, perché Portal fondamentalmente riutilizza l’hardware da un controller già fantastico.

La parte superiore del dispositivo contiene due fori per gli altoparlanti, insieme a pulsanti sottili e piatti per l’alimentazione, la sincronizzazione e il volume su/giù. Il bordo inferiore dello schermo ospita un foro per il microfono, mentre il retro ha un jack per cuffie da 3,5 mm e una porta USB-C per la ricarica.

PlayStation Portal

Schermo: un LCD in un mondo OLED

Lo schermo è un LCD da otto pollici a 1080p con una frequenza di aggiornamento di 60Hz. Sulla carta, non fa sicuramente gridare al miracolo. Rispetto ad esempio a Switch OLED e a molti telefoni attuali, è ancora meno impressionante.

Lo schermo funziona come previsto, ma la risoluzione 1080p sembra più sfocata della maggior parte dei dispositivi mobile moderni. L’effetto è esacerbato dal fatto che si utilizza Portal per navigare nel sistema di menu della PS5, che è progettato sia per una risoluzione più alta che per schermi TV molto più grandi. In effetti, la Switch OLED sembra un po’ meglio a 720p, perché la sua interfaccia e i giochi più grandi sono realizzati pensando sia alla TV che al palmare.

La risoluzione non è un problema così grande come il fatto che il prodotto di PlayStation utilizza un LCD piuttosto semplice. C’è un motivo per cui molti telefoni (insieme al Razer Edge e alla Switch di fascia alta) utilizzano schermi OLED, poiché di solito hanno un contrasto migliore e una gamma di colori molto più ampia. Gli LCD sono in grado di produrre colori che rivaleggiano con gli schermi OLED, ma questo richiede un’ingegneria specifica.

La Switch OLED, il mio iPhone 14 Plus e la mia LG C2 mostrano immagini molto più vivide rispetto a Portal. Questo è particolarmente evidente in Marvel’s Spider-Man 2, dove il rosso dei costumi salta davvero sulla mia TV, ma sembra molto piatto sul touch screen di Portal.

Caratteristiche: giochi PS5 in Remote Play, e questo è tutto

L’aspetto più sconcertante del dispositivo PlayStation è la sua limitazione fondamentale. Dopo che è stato annunciato, sono circolate voci secondo cui il Portal era un dispositivo basato su Android, il che ha portato alla speculazione che, oltre a eseguire l’app PS5 Remote Play, avrebbe potuto far girare altri software (o almeno client per giochi basati su cloud come PlayStation Plus Premium). Nessuno si aspettava che PlayStation Portal fosse essenzialmente un tablet da gaming a tutti gli effetti come PlayStation Portable e PlayStation Vita, ma molti si aspettavano un caso d’uso al di là del semplice streaming di giochi da una PS5.

Se Portal utilizza Android, è sepolto sotto un’interfaccia monouso. Il semplice sistema di menu del dispositivo ti guida attraverso la connessione alla tua rete domestica, l’accesso al tuo account PlayStation e poi l’abbinamento alla tua PS5. Una volta fatto, ti viene presentata una sola attività sul: Streaming dalla tua PS5. Mancano le app. Non esiste un client PSN per lo streaming di giochi. L’unica altra cosa che Portal può fare è accendere da remoto la tua PS5.

Questo è qualcosa che qualsiasi telefono Android o iPhone relativamente recente può fare, e fare abbastanza bene con un controller come il Backbone One (che è disponibile in una versione DualSense-white con licenza PlayStation). L’app Remote Play è disponibile anche su Windows e Mac e i PC possono anche utilizzare i giochi cloud PSN.

Oltre alla riproduzione remota, il menu delle impostazioni è l’unica altra area accessibile. È ovviamente necessario nel caso in cui sia necessario regolare le impostazioni di rete o aggiornare il firmware del device. Tuttavia, il menu ha un aspetto confuso: la modalità aereo. Considerando che PlayStation Portal serve solo come terminale per un altro dispositivo in rete e non può eseguire alcun software da solo, non è chiaro perché esista questa opzione. Seriamente, ho attivato la modalità aereo come test e ha effettivamente reso il device inutilizzabile.

PlayStation Portal

Prestazioni: fa una cosa ma la fa bene

Non ho avuto problemi ad accoppiare PlayStation Portal con la mia PlayStation 5 sulla mia rete Wi-Fi 6 di casa. Sono stato in grado di parare perfettamente e schivare facilmente in Marvel’s Spider-Man 2, e ho rilevato poco o nessun ritardo di input evidente. Anche il video e l’audio sono rimasti sincronizzati con l’azione, anche se l’immagine a volte è diventata sfocata dando la priorità alla minimizzazione della latenza rispetto alla fedeltà grafica.

L’unico strano singhiozzo che ho trovato è stato con la funzionalità del touchpad, che è mappata a due rettangoli delle dimensioni del touchpad Dualsense che appaiono quando si tocca il touch screen mentre si gioca a un gioco. Scorrendo lo schermo si avvia la modalità foto, mentre un doppio tocco apre la mappa e i menu di aggiornamento. Quest’ultima funzionalità non è così coerente come il touchpad non-screen di un DualSense classico.

Ho anche portato Portal su una rete Wi-Fi a 5 GHz a circa 1km dalla mia casa per confermare che poteva accedere alla mia PS5 su internet. Si è collegata senza problemi e il controllo era quasi altrettanto reattivo, ma potevo sicuramente sentire un po’ più di ritardo nell’input dei comandi.

È importante notare che Sony non commercializza PlayStation Portal come dispositivo per giocare con la tua PS5 fuori casa anche se può funzionare su Internet, e la sua forma ingombrante e la mancanza di una custodia per il trasporto lo rendono difficile da mettere in una borsa. Inoltre, qualsiasi dispositivo mobile con l’app di riproduzione remota PS5 può funzionare anche su Internet, quindi non è necessariamente un punto a favore del nuovo device.

Conclusioni: chi ha bisogno di PlayStation Portal?

Il PlayStation Portal è un dispositivo stranamente limitato che avrebbe avuto più senso un decennio fa, quando il Wii U era uscita e paragonabile nel concept alla base. Naturalmente, Sony aveva la PlayStation Vita allora, ed era un sistema di gioco portatile completamente funzionale che poteva anche giocare da remoto da una PlayStation 4.

E ora, puoi giocare a distanza ai giochi PS5 usando quasi tutti i telefoni, con un controller che costa la metà (o qualsiasi gamepad Bluetooth, che costa ancora meno). Non riesco a vedere un caso d’uso ragionevole, più economico e con uno schermo migliore, con molti altri dispositivi. In definitiva, PlayStation Portal è solo uno schermo inserito tra un controller e, per 219,99 euro, dovrebbe essere più di questo.

PlayStation Portal
PlayStation Portal
PlayStation Portal è una grossa occasione persa. È un dispositivo pensato per una nicchia molto specifica di giocatori e venduto a prezzo troppo elevato per ciò che offre. Sicuramente fa bene quello che promette ma non lo consideriamo la miglior opzione per giocare in streaming ai giochi della propria PS5.
Pro
+ Permette di giocare in maniera intuitiva ai giochi della tua PS5
+ I controlli Dualsense sono fantastici
Contro
– Richiede una PS5
– Non fa nulla oltre all’applicazione PS5 Remote Play
– Costoso per un dispositivo del genere, considerando le altre opzioni sul mercato
– Schermo mediocre


Potrebbe interessarti anche:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.