Recensione Forspoken: un’avventura fantasy in esclusiva PS5 e PC

Riccardo Ferrari25 Gennaio 2023
Forspoken Recenson

Forspoken dopo tanta attesa arriva finalmente su console PS5 e su PC, sarà riuscito a soddisfare le alte aspettative? Scoprilo nella nostra recensione

Ecco, dopo molteplici rinvii, Forspoken arriva finalmente in esclusiva per console su PS5 e PC. Sei anni dopo l’uscita di Final Fantasy XV, i team di Luminous Studios offrono un mondo aperto ambizioso che si basa interamente sulla magia. Riuscirà ad imporsi come un titolo da non perdere all’inizio del 2023?

Forspoken è un progetto importante per Square Enix. Svelato durante un evento sulla PS5 nel giugno 2020 come Project Athia, è una licenza completamente nuova pensata per sfruttare al meglio le capacità della console di Sony. A capo di questa produzione c’è Luminous Studios, una società fondata per occuparsi dello sviluppo di Final Fantasy XV, al punto da creare un motore di gioco dedicato a lui, il Luminous Engine. Dopo aver rivelato nel marzo 2021 che il titolo si sarebbe intitolato Forspokenquest’ultimo è stato posticipato molte volte, essendo previsto inizialmente per il 24 maggio 2022, poi per l’11 ottobre, prima di uscire finalmente all’inizio del 2023. Ne è valsa la pena aspettare così a lungo?



La storia di Forspoken: come una sensazione di déjà-vu

Se non avete seguito le notizie sul gioco, vi viene ricordato che la storia di Forspoken prende la forma di un racconto alla Alice nel Paese delle Meraviglie. Scopriamo le avventure di Frey, una giovane ed orfana newyorkese di ventun anni che cerca di sopravvivere nel miglior modo possibile facendo piccoli furti, il che le vale qualche preoccupazione con la giustizia.

Mentre il suo appartamento è appena bruciato a causa di una vendetta da parte di una banda locale, la nostra eroina si ritrova per strada con il suo gatto Omero. Quando la sua vita sembrava quindi senza via d’uscita il suo sguardo è improvvisamente attratto da un braccialetto incandescente. Dopo averci messo le mani sopra, Frey viene trasportata in un mondo di fantasia a lei sconosciuto, come dimostra la presenza di un drago minaccioso.

Capisce che si trova ad Athia, una terra in preda alla Nebbia, un fenomeno che corrompe tutto sul suo cammino, spingendo l’Umanità a rifugiarsi nella città di Cipal. Tutto questo, la nostra eroina lo impara grazie a Krav, il suo braccialetto che parla e gli conferisce poteri magici per difendersi dai mostri della zona. Dopo un’accoglienza poco calorosa a Cipal, Frey capisce che per riportare la pace ad Athia e tornare a casa, dovrà sconfiggere i Tantas, antiche figure protettive della regione che ora sembrano essere all’origine della Nebbia.

In linea di massima, lo scenario di Forspoken è alla fine poco originale e i suoi guizzi narrativi sono abbastanza prevedibili. Abbastanza rapidamente, si capisce cosa succederà e quale ruolo giocherà ogni personaggio nella trama. Inoltre, il mondo di Athia sembra piuttosto ristretto e privo di ampiezza, una lamentela che si poteva già fare a Final Fantasy XV ai suoi tempi.

E per quanto riguarda le ispirazioni, Forspoken mette in scena un universo medievale-fantasy abbastanza classico, con mostri ed elementi che si trovano in tutte le opere del genere. Ma dove Forspoken offre qualcosa di originale, è nel suo cast che è composto quasi esclusivamente da personaggi femminili e vari, sia nei suoi protagonisti che negli antagonisti, il che è abbastanza raro nel panorama dei videogiochi dell’AAA (anche se negli ultimi anni abbiamo avuto personaggi come Aloy di Horizon ed Ellie di The Last of Us).

Oltre a questo, bisogna riconoscere che Frey è un’eroina davvero coinvolgente, specialmente quando si scopre il suo passato e la sua vita quotidiana fin dall’inizio dell’avventura.

Forspoken

Comparto tecnico: impressionante come FFXV ai suoi tempi?

Per offrire questa nuova avventura, Luminous Studio utilizza di nuovo il suo motore fatto in casa creato inizialmente per Final Fantasy XV, il Luminous Engine. Sei anni dopo, quest’ultimo è stato ovviamente migliorato per un rendering impressionante.

Come si svilupperà un po’ più tardi, Forspoken è un’esperienza che si basa soprattutto sui poteri magici della sua eroina. E come per FFXV ai suoi tempi, gli effetti visivi che accompagnano ogni incantesimo sono sempre impressionanti. Che si tratti dei liquidi con gli incantesimi dell’acqua, delle fiamme della magia del fuoco o degli elementi di terra, tutti questi incantesimi godono di un aspetto grafico pulito che li rende impressionanti.


Potrebbe interessarti anche:


La cosa più spettacolare di Forspoken è che con tutti i colpi vorticosi di Frey e gli effetti visivi dei suoi incantesimi, l’esperienza riesce a rimanere fluida nonostante la marea d’azione sullo schermo. Questo è soprattutto il caso della modalità performance che permette di godere dell’avventura in 60 fotogrammi al secondo, ma con un rendering meno liscio e meno nitido rispetto agli altri tipi di impostazioni disponibili, vale a dire qualità e ray-tracing.

Questo si vede in particolare sui capelli che sono più pixelati, ma dato che siamo di fronte a un gioco d’azione, tenderemmo a consigliarvi di giocarci nel modo più fluido possibile. Per finire con l’aspetto tecnico, si noti anche che il titolo sfrutta efficacemente l’SSD della PS5 poiché i viaggi veloci sono istantanei per andare da un capo all’altro di Athia. Sicuramente una caratteristica davvero confortevole di questa nona generazione di console.

Forspoken Recenson

Come ci si muove in Forspoken: un parkour a metà tra Spider-Man e inFamous

Ora che abbiamo parlato della narrazione e della grafica di Forspoken, è il momento di affrontare il cuore del titolo. Tra i due elementi principali che definiscono il gameplay del gioco, c’è prima il parkour magico di cui Frey è capace grazie ai poteri conferiti da Krav. Con una semplice pressione di un tocco, la nostra eroina si lancia attraverso le distese di Athia, passando sopra gli ostacoli con grande facilità, mentre scala alcune superfici basse. Mentre il parkour è di base molto piacevole, questo diventa più complesso man mano che si progredisce nell’avventura sbloccando nuove magie e quindi abilità inedite.

Abbiamo una specie di rampino per aggrapparci alle pareti o proiettarci in aria, aumento di velocità che si attiva con il giusto tempismo, rallentare la caduta grazie all’acqua… Tutti questi elementi messi insieme rendono l’esplorazione di Athia più piacevole che mai e fanno venire voglia di scoprire cosa riserva questo mondo aperto.

Da questo lato, siamo di fronte a qualcosa di più classico, con sfide di ogni tipo, siti interessanti e anche tipi di dungeon per recuperare attrezzature e migliorare le statistiche della nostra eroina. Qualcosa di già visto quindi, ma poiché è così piacevole muoversi grazie al magico parkour, ci si va con piacere. Tuttavia, non aspettatevi di incontrare altri personaggi al di fuori di Cipal perché solo Frey è in grado di resistere alla Nebbia. Abbastanza per spiegare l’aspetto vuoto della vita umana di Athia, ma che è compensato dalle varie attività proposte.

Forspoken Recenson

Come funziona il combattimento

Essendo un gioco d’azione, si passa la maggior parte del tempo in Forspoken a combattere i nemici incrociati lungo la strada. Per difendersi, Frey usa i poteri conferiti dal suo braccialetto Krav. Alla fine dell’avventura, abbiamo quattro tipi di magia che funzionano tutti allo stesso modo: il lato destro del controller è dedicato agli incantesimi offensivi, mentre la parte sinistra serve agli incantesimi di supporto.

I grilletti servono per attivare gli incantesimi, poi possiamo far apparire una ruota che permette di selezionare le abilità. Ogni elemento offre tre diversi incantesimi offensivi che sono la principale fonte di danni di Frey poiché può usarli costantemente. D’altra parte, abbiamo accesso a poco meno di una decina di incantesimi di supporto che possiamo attivare solo una volta terminato il loro tempo di ricarica.

Oltre a tutto questo, ogni magia ha un’abilità definitiva che si riempie durante gli scontri e che è spesso devastante. In totale, Frey ha quindi poco meno di una cinquantina di incantesimi nel suo arsenale, il che permette di variare continuamente gli attacchi per evitare la sensazione di ripetitività, sfruttando al meglio i punti deboli dei nemici. Inoltre, ogni magia ha un approccio diverso, essendo quello del fuoco più corpo a corpo mentre quelli di terra servono per colpire a distanza. I combattimenti di Forspoken sono davvero impressionanti e vorticosi grazie all’agilità di Frey.

Tuttavia, bisogna riconoscere che i controlli di Forspoken richiedono un certo tempo di adattamento prima di essere ben presi in mano dal giocatore. Inoltre, ci vuole comunque un buon momento perché il gioco riveli il suo vero potenziale, dando accesso a una più di una magia per variare i combattimenti che diventano ripetitivi senza di esso.

E poi, se gli scontri sono impressionanti, questo non impedisce loro di essere spesso disordinati a causa dell’enorme quantità d’ azione sullo schermo e di tutti gli effetti che accompagnano gli incantesimi di Frey. Ben consapevoli di tutto questo, gli sviluppatori hanno reso la parte difensiva dei combattimenti più accessibile.

Sempre usando il pulsante dedicato al parkour magico, Frey evita automaticamente gli assalti nemici, purché il suo indicatore di resistenza sia sufficientemente riempito e ci si orienti nella giusta direzione. Inoltre, se Frey viene toccata, abbiamo una breve finestra d’azione in cui possiamo contrastare gli attacchi per rimandarli indietro e recuperare i punti vita persi. 

Tutti questi elementi messi insieme aiutano a compensare la mancanza di leggibilità di alcuni combattimenti dando molti strumenti difensivi ai giocatori.

Forspoken Recenson

Accessibilità e comfort come parole chiave

Prima di darti il nostro verdetto finale su Forspoken, vorremmo affrontare un punto importante del titolo che potresti aver perso se hai giocato alla demo. Nelle impostazioni, il progetto di Luminous Studio offre un gran numero di opzioni per rendere l’esperienza più confortevole e accessibile possibile. Se hai difficoltà con i giochi action, troverai qualcosa per facilitare i combattimenti come fare in modo che i nemici rimangano a terra più a lungo o che il tuo indicatore di resistenza salga più velocemente. Ma accanto a questo, siamo piacevolmente sorpresi di scoprire opzioni di comfort che cambiano drasticamente l’esperienza di gioco.

Sei stanco di far apparire la ruota dei menu per scegliere un incantesimo di supporto disponibile? Nessun problema, un’impostazione fa sì che il gioco selezioni automaticamente le abilità il cui cooldown è finito.

Ti stanchi di premere il triangolo per raccogliere oggetti a terra? Nessun problema, puoi raccoglierli solo passandoci sopra. E poi, ancora una volta, se hai giocato alla demo, potresti essere stato infastidito dalle molte interazioni tra Frey e Krav, il suo braccialetto. Se è così, il titolo ti permette di ridurre al minimo le sue piccole conversazioni per un’avventura meno loquace e avere meno indicazioni sulle direzioni da prendere. Tutto questo messo da un capo all’altro rende Forspoken molto modulabile in modo che tutti possano godere dell’esperienza nel modo più adatto a loro.

Forspoken

Considerazioni finali su Forspoken

Con Forpsoken, Square Enix offre su PS5 un open-world che brilla per il suo gameplay piuttosto che per la sua narrazione. Al di là della sua storia e del suo universo classico, il titolo di Luminous Studio si distingue per il suo cast femminile e vario purtroppo troppo raro nel panorama dei videogiochi dell’AAA.

Ma è soprattutto con il controller in mano che Forspoken svela tutto il suo potenziale. Grazie al suo magico parkour ed alla sua vasta gamma di incantesimi, c’è un’azione vorticosa, sia durante le fasi di esplorazione che durante i combattimenti. Tutto questo è reso possibile utilizzando il Luminous Engine che riesce a mostrare molti effetti impressionanti sullo schermo senza vacillare, nonostante la confusione a volte generata. Forspoken è quindi un’esperienza che richiede tempo per svelare il suo potenziale, ma che, una volta padroneggiati i controlli, propone di scoprire un piacevole open world grazie ai poteri magici di Frey.

Forspoken
Forspoken non è un videogame con idee rivoluzionario, si tratta di un piacevole e vario action open world dal buon comparto tecnico.
Pro
+ Combattimenti soddisfacenti una volta padroneggiati i controlli
+ Un parkour magico con sensazioni inebrianti
+ Una tonnellata di incantesimi con effetti visivamente impressionanti
+ Opzioni di accessibilità che trasformano l’esperienza
+ Un’esperienza che rimane fluida nonostante i moltissimi effetti
+ Un cast vario e femminile che fa bene per un AAA
+ Tempi di caricamento istantanei
Contro
– Una storia e un universo classici e senza sorprese
– Combattimenti che diventano facilmente caotici
– Controlli che richiedono un tempo di adattamento
– Un gioco che impiega tempo per svelare il suo potenziale


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.