Recensione Pico 4: il visore VR per tutti

Riccardo Ferrari25 Gennaio 2023
Pico 4 - Visore VR

Pico 4 è un visore VR che non richiede un computer potente per poterlo utilizzare al meglio, ma ne vale la pena?

Da più di due anni la Quest 2 ha governato il mercato dei consumatori VR. Semplicemente non c’era nessuna azienda che potesse competere con l’innovativo auricolare standalone VR di Meta. Con il lancio del Pico 4 questi giorni sono finalmente finiti.

Il Pico 4 adotta la formula vincente del Quest 2 di fornire un visore VR capace ma molto conveniente e che elimina uno qualsiasi degli ostacoli che prima ostacolavano l’entrata nella realtà virtuale. I nuovi consumatori della VR non hanno bisogno di un PC da gaming per usarlo e tutti i giochi possono essere semplicemente acquistati all’interno del visore. Inoltre, il Pico 4 è semplicemente uno dei visori migliori presenti sul mercato.

Non c’è dubbio che il Pico 4 conquisterà i cuori di molti nuovi clienti VR grazie alla sua semplicità di utilizzo e parecchie chicche hardware.



Pico 4 - Visore VR

Caratteristiche Pico 4

Il Pico 4 è disponibile in due configurazioni di memoria, 128 GB e 256 GB. La versione più piccola ha un prezzo di 429€ mentre il modello più grande ti costerà 499€. Il visore è alimentato dal chip Snapdragon XR2 con ben 8 GB di RAM. Uno degli aspetti positivi che scoprirete subito sono le dimensioni davvero contenuto del dispositivo, rese possibile dall’uso delle cosiddette lenti a pancake che permettono anche di posizionare i display molto più vicini alle lenti e quindi di consentire visori più piccole.

Nel visore sono presenti due pannelli LCD ad alta risoluzione ora che offrono ciascuno una risoluzione di 2160×2160 pixel. Avere due display consente una reale regolazione dell’IPD, posizionando le lenti e i display esattamente alla giusta distanza per corrispondere agli occhi dell’utente.

Un altro enorme salto in avanti è la modalità passthrough a colori che consente agli utenti di Pico 4 di vedere il mondo che li circonda in una risoluzione molto più alta rispetto a quello che hanno visto prima nei visori VR. Questa modalità funziona anche a colori poiché è facilitata da una singola telecamera nella parte anteriore del dispositivo.

La batteria integrata è situata nella parte posteriore del sostegno per la testa, il che rende il Pico 4 un dispositivo molto bilanciato.

Qualità costruttive e comfort

Il Pico 4 è un visore molto comodo. È ben bilanciato a causa del posizionamento della batteria e difficilmente sentirai i 586g sulla testa. Come accennato in precedenza, non puoi scambiare l’ headtrap con uno di terze parti, ma la cosa positiva è che non ne sentirai il bisogno perché il Pico 4 è già comodo così come viene venduto.

Viene fornito con un tipo di cinturino che consente di regolare le sue dimensioni utilizzando la ruota di regolazione che è integrata nella parte posteriore della trappola per la testa.

La guarnizione facciale è intercambiabile e si inserisce nel visore grazie ai magneti incorporati. Che bel tocco per un dispositivo così economico. L’interfaccia facciale è fatta di un materiale simile a tessuto, si adatta bene al mio viso, ma lascia segni sulla fronte dopo sessioni prolungate, quindi c’è ancora spazio per miglioramenti.


Potrebbe interessarti anche:


Anche se il visore sembra così piccolo, in realtà c’è molto spazio anche per gli occhiali. Se hai bisogno di più spazio per i tuoi occhiali, potresti aggiungere il distanziatore per occhiali tra il visore e l’interfaccia facciale. L’interfaccia facciale lascia un po’ di spazio ai lati per fare spazio alle aste dei tuoi occhiali. Da un lato è un bel tocco per chi porta occhiali, purtroppo lo spazio extra ai lati fa entrare un po’ di luce se si gioca in un ambiente luminoso.

La qualità costruttiva è di prim’ordine. Sarai sorpreso di quanto sia premium il dispositivo ed i controller contenuti nella confezione. Si può dire che Pico ha davvero fissato i propri standard molto in alto per competere con Meta su larga scala.

Pico 4 - Visore VR

Come si vede nel Pico 4 – Qualità delle immagini

Passiamo alla parte principale: la qualità delle immagini! E sì, il Pico 4 offre una visione di altissimo spessore! Non solo abbiamo display ad alta risoluzione, ma sono presenti ottimi obiettivi e godiamo di un FOV ampio. Tutti questi qualità nel complesso fanno ottenere una stupenda esperienza VR, soprattutto per chi prova questo tipo di dispositivo per la prima volta.

Lenti

Il Pico 4 è dotato delle cosiddette lenti a pancake che hanno il vantaggio di consentire una dimensione del visore decisamente più piccola poiché i display possono essere posizionati più vicino alle lenti.

Con il Pico 4 e non devi più regolare il visore per trovare il punto più nitido. Puoi goderti direttamente i mondi virtuali e non devi chiederti perché le cose non stanno andando bene come speravi.

Display

Le immagini nei visori a realtà virtuale dipendono sia dagli obiettivi che dai display. Se entrambi sono fantastici abbiamo una combinazione vincente. I display Pico 4 offrono un’elevata risoluzione 2160×2160. Anche se il chipset XR2 non li guida alla loro risoluzione nativa, beneficiamo comunque di questi pannelli perché non c’è più un effetto Screendoor visibile.

I colori sono semplicemente discreti però. In un confronto con il Quest 2 non si nota una una grande differenza e senza dubbio ho già visto pannelli LCD migliori in termini di colori. I neri sono semplicemente neri LCD e i colori complessivi non spiccano particolarmente.

Anche in termini di luminosità il Pico 4 non romperà alcun record. Le lenti pancake assorbono molta della luce che passa attraverso di loro. Non uso ancora il Pico 4 a piena luminosità e sono assolutamente soddisfatto dei risultati che sto ottenendo. Basta non aspettarti di dover portare occhiali da sole alla tua sessione VR.

Nel complesso, i display ad alta risoluzione in combinazione con gli obiettivi a pancake trasparenti rendono una bella esperienza VR che diventerà il tuo standard in VR molto velocemente. Non è uno stravolgimento completo, ma è semplicemente un gradito passo avanti, soprattutto in termini di lenti!

Pico 4 - Visore VR

FOV

Anche il campo visivo è un chiaro passo avanti rispetto alla Quest 2. Senza andare in dettagli particolarmente tecnici posso dirti che si vede semplicemente di più (sia verticalmente sia orizzontalmente) in questo nuovo visore, un fattore che aumenta un po’ l’immersione nei giochi.

Distorsioni

Grazie alla vera regolazione IPD e ai profili di distorsione dell’obiettivo apparentemente migliori, il Pico 4 ora elimina assolutamente questo problema. I mondi virtuali sono altrettanto privi di distorsioni qui ora come lo sono nel Quest 2 o nel Valve Index.

Modalità Passthrough

Quando ho indossato per la prima volta il visore, sono rimasto piuttosto scioccato dalla modalità passthrough a colori. La mia prima reazione è stata di semplice stupore. Dopo che la prima euforia era scomparsa mi sono reso conto però che c’è un piccolo (o grosso) problema: la sensazione mancante del 3D! Non c’è da stupirsi, perché la soluzione qui si basa su una singola telecamera a colori.

Ma anche se questo non è ancora il mondo reale, questa modalità passthrough a colori è molto meglio di quella che abbiamo con il Quest 2. I colori sembrano naturali come nel mondo reale e la risoluzione è abbastanza alta da leggere i messaggi di testo dal tuo telefono. Finora la modalità passthrough viene utilizzata solo per riuscire a vedere il mondo esterno senza togliere il visore, ma gli sviluppatori saranno in grado di usarla per giochi e app nel giro di poco tempo.

Pico 4 - Visore VR

Come si sente il Pico 4 – Comparto audio

Il Pico 4 è dotato di altoparlanti built-in di buona qualità, nulla però di stravolgente. Una nota positiva è la possibilità di alzare il volume e avere un’esperienza più “pompata” pur mantenendo una qualità audio simile. Avere degli autoparlanti ingrati è sicurante apprezzato e in realtà non ho sentito il bisogno di utilizzare delle cuffie.

Parlando di cuffie: purtroppo il Pico 4 non viene fornito con un jack per cuffie da 3,5 mm. Tutto quello che ottieni è una singola porta USB-C che sarà responsabile di tutte le connessioni cablate che fai con il dispositivo. Ahi! Quindi se vuoi usare le cuffie devi andare con quelle bluetooth (con possibili problemi di latenza) oppure imbrogli e usi un adattatore da USB-C a 3,5 mm per collegare comunque le tue cuffie preferite. Naturalmente potresti anche usare cuffie che vengono vendute con un dongle USB-C.

Microfono

SÌ! Siamo rimasti soddisfatti anche del microfono incorporato. Il visore monta un ottimo microfono per cui non avrai problemi a farti sentire nei giochi multiplayer.

Pico 4 - Visore VR

Controller e tracciamento

I controller sembrano premium come il visore e sono molto contento di quella parte. Si è fatto un gigantesco lavoro in termini di design e funzionalità. Ma perché? Gli anelli del controller non sono più sopra i controller, ma in pratica si attorcigliano sulle mani dell’utente. Questo design è stato scelto per evitare che i controller si tocchino quando si trovavano nelle immediate vicinanze. E funziona! Ora puoi ricaricare più facilmente un’arma da fuoco o scoccare una freccia con un arco senza che i tuoi controller si tocchino a vicenda.

I controller Pico 4 sono dotati dello stesso layout di pulsanti standard del settore che Oculus Touch ha introdotto. Oltre a questo, abbiamo un pulsante bonus che ci permette di fare rapidamente uno screenshot o iniziare una registrazione video se lo si preme a lungo. Potrebbe non sembrare eccitante all’inizio, ma per un creatore di contenuti questo è semplicemente un enorme miglioramento della qualità della vita..

Ciascuno dei controller ha bisogno di due batterie AA che daranno loro circa 80 ore di longevità. Probabilmente non tanto quanto può fare Oculus Touch, ma abbastanza per non doverti preoccupare di avere batterie scariche per la maggior parte del tempo.

Il tracciamento è buono come Quest 2. I controller sono anche monitorati dalle 4 telecamere sulla parte anteriore del visore. Pico aveva già fatto un buon lavoro con il tracking con il predecessore e sono contento di poter dire lo stesso qui. La precisione di tracciamento è fantastica, non posso dire se è a causa dell’anello del controller o del posizionamento della fotocamera, ma posso dirti che non riscontrerai nessun problema in questo caso.

Pico 4 - Visore VR

Quando dura la batteria del Pico 4

Il Pico 4 è dotato di una considerevole batteria da 5300 mAh che si trova sul retro della trappola per la testa.

Anche se la batteria è di notevoli dimensioni il Pico 4 è riuscito a resistere per un massimo di 2 ore durante le mie sessioni. Presumo che i display debbano semplicemente essere alimentati a una luminosità più alta a causa degli obiettivi pancake e che gli ingegneri semplicemente non abbiano ancora ottimizzato il consumo energetico al massimo.

Il Pico 4 come visore autonomo

Il Pico 4 è un cosiddetto visore autonomo. Non hai bisogno di un PC da gaming o una console per usarlo, il che lo rende estremamente attraente per le persone che vogliono entrare nella realtà virtuale per la prima volta. E Pico fa tutto bene per soddisfare tutti questi nuovi arrivati in realtà virtuale.

L’onboarding è un gioco da ragazzi, non è nemmeno necessario accoppiare il visore con un telefono. Puoi fare tutto con il tuo visore. Dovrai creare un account Pico e tutto ciò di cui hai bisogno è qualsiasi indirizzo email. Una volta fatto questo, hai accesso al tuo hub che senza dubbio si ispira a ciò che Meta ha fatto con Quest prima. L’imitazione è la forma più sincera di adulazione che si può fare e Pico sembra davvero voler lusingare il loro grande concorrente qui. Pico ha fatto un ottimo lavoro con il loro Pico OS. Non solo sono riusciti a eguagliare la grande interfaccia utente del Quest, ma ci sono anche funzioni che sono semplicemente migliori.

Il Pico 4 è inoltre aperto al sideloading, è addirittura integrato nel sistema operativo. Basta caricare qualsiasi .apk sul dispositivo, collegandolo al computer o scaricandolo utilizzando il browser integrato, quindi trovi il file con il file manager e quindi puoi semplicemente installare l’app con un clic di un pulsante. Sono rimasto davvero impressionato nel scoprire quanto sia semplice installare Discord per esempio, ora permettendomi di parlare con i miei amici mentre giochi. Ma beh, questo è già un argomento per gli utenti più avanzati. Parliamo di quanto è buono lo store.

Pico 4 - Visore VR

Store digitale

Sono rimasto positivamente sorpreso però quando ho controllato per la prima volta ciò che è disponibile nel negozio Pico. Ci sono già centinaia di giochi e la maggior parte dei grandi giochi a cui vuoi giocare sono qui: After The Fall, Demeo, In Death Unchained, Arizona Sunshine, Rec Room e così via e così via.

Sembra che ci siano nuovi titoli che si uniscono quotidianamente. E questo non è una sorpresa. Per gli sviluppatori e gli studi che non sono stati acquistati da Meta, è un gioco da ragazzi portare i loro giochi sulla piattaforma Pico e venderli lì. Perché non solo significa raggiungere nuovi clienti nei paesi occidentali, ma significa anche accedere all’enorme mercato cinese che semplicemente non può essere raggiunto da Meta. Quindi, anche se in questo momento non sono presenti tutti i grandi giochi, questo cambierà sicuramente molto presto.

Troverai una grande selezione di giochi e, come accennato in precedenza, quella selezione è in costante crescita.

Si può utilizzare il PC per “potenziare” il Pico 4?

Il Pico 4 purtroppo non è dotato di una connessione DisplayPort dedicata.Avere una connessione DP dedicata avrebbe reso questo dispositivo perfetto, perché con alcuni giochi avrei preferito avere la possibilità di avere la potenza di un pc da gaming.

C’è la facoltà però di utilizzare Virtual Desktop per Pico. Questa singola app ha reso il Pico 4 un visore PCVR perché permette di trasmettere contenuti in streaming a una risoluzione ancora più alta di quella che è in grado di fare su Quest 2. Se il tuo PC robusto può supportare le impostazioni “Ultra”, trasmetterai in streaming a 3160 x 3160p! Quindi prendi in considerazione gli obiettivi migliori e il FOV più grande, il comfort e hai davvero ottenuto una bella configurazione VR wireless. Oltre a questo, Virtual Desktop ti permette anche di giocare ai giochi Oculus Rift, quindi se vuoi ancora giocare ai tuoi Lone Echos o Asgard’s Wraths… ora puoi farlo!

Pico 4 - Visore VR

Il fattore Cina

Pico è una società cinese che è stata acquisita da Bytedance, la società madre di TikTok. È da qui che provengono tutti i soldi necessari per sviluppare, produrre e commercializzare un visore che potrebbe davvero sfidare la posizione di mercato di Meta nel settore VR. Pico ora ha le risorse e le conoscenze per far accadere tutto. E lo faranno, Bytedance sta giocando per vincere, proprio come fanno con TikTok. E sono bravi a vincere.

Il Pico 4 non è solo una meraviglia, è l’inizio di una nuova era per la VR consumer che non è più guidata da Meta e Marc Zuckerberg. Pico sfornerà questo tipo di dispositivi di punta su base annuale d’ora in poi e sarà Meta a reagire invece di aprire la strada. Sono loro che devono giocare a recuperare ora con Quest 3 è ancora distante. Probabilmente dovrà competere con il Pico 5.

Potresti essere felice che un giocatore così grande si unisca alla battaglia. Ma ovviamente potresti anche essere preoccupato che sia un’azienda cinese che ha queste aspirazioni mondiali. Una società cinese che deve rispettare le regole stabilite dal governo cinese. E per quelli di voi che non si sentono a proprio agio nell’acquisto di telefoni Xiaomi o droni DJI proprio per questo motivo, probabilmente non sosterrete nemmeno l’ascesa di Pico. Ma questa è davvero una decisione che ognuno di voi deve prendere per se stessi, volevo semplicemente mettere anche questa spiegazione perché è qualcosa che dovrebbe essere presa in considerazione.

Considerazioni finali su Pico 4

Il Pico 4 è un fantastico visore VR che posso consigliare vivamente non solo alle persone che vogliono entrare in VR per la prima volta, ma anche a quelli di voi che stanno cercando un visore wireless con cui trasmettere i loro contenuti PCVR. Il dispositivo batte la Quest 2 in termini di hardware in quasi tutti i modi immaginabili e mostra anche che anche dal lato software non è troppo lontano dall’attuale leader di mercato.

Per i consumatori nuovi alla realtà virtuale, è difficile raccomandare Quest 2 di 2 anni rispetto al nuovo Pico 4, specialmente quando non insistono per giocare la manciata di esclusive sulla piattaforma Quest. E anche coloro che sono già investiti nella piattaforma Meta sentiranno l’attrazione di questo hardware VR.

La competizione è finalmente arrivata! Che i giochi abbiano inizio!

Pico 4 - Visore VR
Pico 4
Il Pico 4 offre una delle migliori esperienze VR wireless che i consumatori potrebbero attualmente trovare sul mercato e lo fa con un prezzo sorprendente che è difficile da battere. Pico sta battendo Meta al loro stesso gioco, adottando la formula del Quest 2 e migliorandola ovunque possano.
Pro
+ Ottimo prezzo
+ Form factor ridotto
+ Ottima qualità costruttiva
+ Molto comodo
+ Pannelli ad alta risoluzione
+ Controller eleganti e funzionali
+ Tracciamento molto buono
+ Lunga durata della batteria del controller
+ Store con buoni titoli
+ Streaming PCVR integrato
Contro
– Solo 2 ore di durata della batteria
– Store con meno titoli rispetto a quello di Meta Quest


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.