Recensione One Piece Odyssey: l’adattamento videoludico definitivo?

Riccardo Ferrari16 Gennaio 2023
One Piece Odyssey Copertina

One piece Odyssey è l’ultimo adattamento in formato videogioco di uno dei più famosi manga di tutti i tempi, sarà all’altezza dell’opera originale?

Dopo One Piece: Pirate Warriors e One Piece: World Seeker, Bandai Namco ha da pochi giorni pubblicato un nuovo adattamento del famoso manga di Eiichiro Oda con One Piece Odyssey. Questa volta, è ILCA che è al timone del progetto.

Lo studio giapponese ha lavorato sui remake di Pokémon Diamante Scintillante e Perla Scintillante e Dragon Quest XI, tra le altre cose. Ed è quest’ultimo che ci interessa oggi, poiché il gioco Odyssey si inserisce nella vena di quest’ultimo: un JRPG dall’aspetto tattico. Aggiungi a questo una storia originale supervisionata dallo stesso Eiichiro Oda, così come un’esperienza che sembra più completa che mai e ottieni un gioco che si presentava come l’adattamento videoludico dal potenziale più grande visto fin’ora. Ma è davvero così?



La storia di One Piece Odyssey

Tutto accade dopo l’arco particolarmente riuscito di Marine Ford, e anche dopo quello di Dressrosa, ma prima dell’arrivo di Jinbei nell’equipaggio. A bordo della Thousand Sunny, i pirati della ciurma di Cappello di paglia navigano tra le onde del mare quando iniziano in lontananza a vedere un fascio di luce direttamente da un’isola misteriosa.

Incuriositi, non hanno il tempo di cambiare rotta e vengono catturati da una strana tempesta. La Thousand Sunny si arena sull’isola, totalmente rotta. Non si ha alcuna scelta, devi esplorare l’isola alla ricerca di materiali per ripararla. Ma l’appezzamento di terra in mezzo al mare è abitato da una certa Lim che strappa loro i loro preziosi poteri. Per recuperarli, è necessario un ritorno al passato. One Piece Odyssey offre quindi una riscrittura di quattro archi importanti del manga, aggiungendo una bella manciata di misteri sull’isola di Waford, Lim e l’altro personaggio inedito, Adio.

Ciurma di Cappello di Paglia

Fedeltà e comparto tecnico: Il meraviglioso mondo di One Piece

Uno dei più grandi pregi di questo nuovo gioco è innegabilmente l’universo in cui ci immerge. One Piece Odyssey fa davvero tanto fan-service, e questo non è un difetto. Troviamo il lato affascinante di Sanji, i litigi di quest’ultimo con Zoro, il lato infantile di Luffy… Dai filmati alle battute, il gioco suda un certo amore per l’universo immaginato da Eiichiro Oda. E a differenza di One Piece: World Seeker, non è solo Luffy ad essere onorato.

È infatti possibile incarnare tutti i membri della ciurma, e questo è anche consigliabile poiché tutti hanno capacità uniche necessarie per avanzare. E per i fan dell’anime, sappiate che potrete trovare temi noti e, naturalmente, i doppiatori ufficiali giapponesi. Per l’immersione, questo aiuta molto. Così circondato da questa bella banda di allegri compagni, a volte ti senti come se fossi un vero membro dell’equipaggio di Cappello di Paglia, ed è dannatamente piacevole.

Soprattutto perché One Piece Odyssey è un gioco bello e piacevole. Certo, devi amare lo stile di Eiichiro Oda e il cel-shading, ma se questo è il tuo caso rischi di essere sedotto. Le animazioni di combattimento sono una delizia e gli ambienti hanno un certo fascino. Questo è tanto più vero per città come Alubarna per esempio che sono un piccolo piacere per gli occhi. Oltre a questo, il gioco regge in gran parte tecnicamente parlando. Il rendering è nel complesso fluido e i tempi di caricamento minimi su console di nuova generazione. Tuttavia, ci sono alcuni cali di framerate e lievi problemi di clipping su console old-gen come PS4 o Xbox One.

L’unica nota negativa su questo bel quadro: l’aspetto particolarmente vuoto degli ambienti. In città, tutto è bello ma manca di vita: nessuna animazione per le strade, i volti incrociati sono sempre gli stessi… E per i luoghi in mezzo alla natura, è semplice, sono vuoti. È un’abitudine nei JRPG del genere, ma tuttavia avremmo voluto passeggiare in aree più vivaci. Così i lunghi corridoi di One Piece Odyssey diventano rapidamente monotoni, nonostante la bellezza circostante.

Sì perché One Piece Odyssey è un gioco a corridoio. Certo, alcune aree sono abbastanza aperte e l’esplorazione è incoraggiata. Ma la maggior parte del gioco è attraversare un labirinto di corridoi fino al nuovo obiettivo. Inoltre, se pensavi di poter andare a qualche divagazione durante una missione, rimarrai deluso. Non appena segui un obiettivo, il gioco ti prende per mano e non ha intenzione di lasciarti andare. Comprendi lì che i punti di interesse e altre indicazioni sono onnipresenti sullo schermo, ma soprattutto che il titolo ti impedirà di esplorare liberamente alcune aree. Molto rapidamente, quindi, capiamo che il gameplay è principalmente incentrato sul combattimento e quindi il prossimo passo è parlare di quello.

Combattimento tra Luffy ed un leone gigante

Come funziona il gameplay di One Piece Odyssey

Abbiamo detto che One Piece Odyssey è un JRPG. Questo implica naturalmente combattimenti a turni a turni. Ogni membro dell’equipaggio ha la sua specialità (velocità, forza, tecnica). Il sistema è semplice: ogni specialità è forte di fronte a una delle altre due e debole di fronte a quella che rimane. Devi quindi organizzare la tua squadra in base al nemico che hai di fronte. Anche le aree hanno un’importanza. Usopp e Chopper sono per esempio personaggi da mettere in seconda linea (attacchi a distanza e ruolo di supporto), mentre Zoro e Luffy si buttano nella mischia (potenti attacchi a corto raggio). A queste specialità e aree, puoi aggiungere biglie speciali per giocare sulle statistiche e attacchi elementari per indebolire il tuo nemico nel tempo. La ciliegina sulla torta: abilità che sono splendidamente animate e riprendono gli attacchi più iconici dell’opera di Eiichiro Oda.


Potrebbe interessarti anche:


Insomma, i combattimenti sono abbastanza piacevoli, con un aspetto tattico pronunciato e una buona presa.Tuttavia, i giocatori di JRPG rischiano di trovarli un po’ facili alla lunga. Soprattutto perché l’esperienza aumenta rapidamente in questo gioco ed è anche possibile rendere i membri dell’equipaggio più potenti grazie alle diverse attrezzature. Il vantaggio è che non c’è bisogno di concatenare i combattimenti classici per salire di livello prima di affrontare un boss un po’ troppo duro. Ma lo svantaggio è che l’aspetto tattico sta gradualmente svanendo per lasciare il posto a una ripetitività stordente.

Alcune sfide bonus di tanto in tanto ravvivano le cose, ma non abbastanza per cambiare drasticamente l’esperienza di gioco. Per non aiutare, il bestiario è piuttosto poco vario e quindi ci troviamo regolarmente di fronte agli stessi avversari. Una volta messe in atto le prime tattiche, la maggior parte del gameplay consiste quindi nel ripetere le stesse azioni più e più volte fino a quando il nemico è a terra. E a volte può rivelarsi particolarmente laborioso, soprattutto di fronte ai (troppi) modi per recuperare PV presenti in gioco. Così, il sistema di combattimento è certamente interessante, ma diventa ripetitivo e laborioso nel corso delle ore. E a dire il vero, questa è l’osservazione che siamo costretti a fare su diversi aspetti del gioco.

Combattimento tra Luffy ed uno scimmie

Longevità e varietà: difficile essere un pirata

Se la longevità (una trentina di ore per finire la storia principale) può sembrare corretta, in realtà avremmo preferito che fosse meno lunga. Il gioco è infatti gonfiato da incessanti sezioni di backtracking (ritornare in aeree già esplorante) che purtroppo appesantiscono l’esperienza di gioco. Ed è un peccato perché ci sono molte cose diverse e interessanti da fare in One Piece Odyssey. Missioni secondarie, quiz, bonus da recuperare, obiettivi da completare… In gran parte abbastanza per sbarazzarsi dei suoi superflui backtracking (e anche dei suoi enigmi) pur mantenendo una buona longevità.

Non entreremo nei dettagli per non spoilerarti, ma sappi che la sceneggiatura di One Piece Odyssey può essere divisa in due parti: da un lato la misteriosa trama che circonda Waford e dall’altro la riscrittura degli eventi degli archi passati grazie al mondo di Memoria. L’idea è di proporci una storia inedita, consentendo ai giocatori di rivivere momenti di culto dell’anime. Una scommessa rischiosa, sarai d’accordo. Tranne che ecco, il gioco ha chiaramente l’animo diviso a metà. La trama di Waford (eppure supervisionata da Eiichiro Oda) fatica a superare quella degli archi che i fan conoscono. Si tratta di una sezione piena di incongruenze e poco carismatica. I due nuovi personaggi, Adio e Lim, mancano infatti di profondità rispetto agli altri personaggi dell’universo One Piece. A questo punto di vista, il titolo non riesce a competere con la qualità di scrittura del manga, e per una storia inedita è un peccato.

Mappa di One Piece Odyssey

Considerazioni finali One Piece Odyssey

Dopo aver letto l’intera recensione avrai capito che One Piece Odyssey non è esente da eventuali difetti. Ridondante e poco ritmato, rischia di lasciare alcuni giocatori scontenti (specialmente quelli che non hanno familiarità con i JRPG).

Ma grazie al suo universo coinvolgente e al suo ingegnoso sistema di combattimento, il gioco riesce ad essere godibile e divertente. Bandai Namco ha trovato la rotta giusta con questo titolo, che si presenta, ad oggi, come l’adattamento più completo e audace dell’opera di Eiichiro Oda.

One Piece Odyssey
One Piece Odyssey non è un videogame perfetto ma saprà regalare molto divertimento a tutti i fan di uno dei manga più di successo al mondo.
Pro
+ Bella immersione nell’universo di One Piece
+ Aspetto tattico interessante
+ Le animazioni di combattimento
+ L’atmosfera sonora (musica, doppiaggio…)
+ Sistema di progressione privo di frustrazione
Contro
– Enigmi molto semplici
– Backtracking incessante
– Ridondante e laborioso alla lunga


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.