Recensione Gotham Knights: il videogioco sulla Bat-Family senza Batman

Riccardo Ferrari24 Ottobre 2022
Recensione Gotham Knights - MisterGadget

Gotham Knights è l’ultimo videogioco ambientato a Gotham City.. ma senza Batman! Scopri con noi i punti di forza e i difetti della produzione WB Games.



I fan stanno aspettando un nuovo gioco action-avventure con protagonista Batman dal 2015 e l’uscita di Arkham Knight, e la loro pazienza sta per essere ricompensata… con un piccolo dettaglio. In Gotham Knights dei Warner Games Montreal Studios, Batman lascia Gotham nelle mani dei suoi apprendisti. Batgirl, Nightwing, Red Hood e Robin saranno in grado di riuscire di tenere testa al Cavaliere Oscuro?

La morte è solo l’inizio – Di cosa parla Gotham Knights?

Prima di parlare della trama del gioco, è necessario chiarire un “piccolo dettaglio” che ha la sua importanza. Gotham Knights non è in alcun modo il sequel, diretto o spirituale, di Batman Arkham Knight sviluppato da Rocksteady. La storia inizia con una rivelazione fatta nei primi dieci minuti del gioco che sconvolge l’universo DC. Il Cavaliere Oscuro è morto, il che ha portato a far precipitare la città nordamericana nel caos. Di fronte all’aumento della criminalità e a una minaccia secolare che guida la città nell’ombra, la Bat-Family prova a portare speranza, determinata a sollevare il velo sul mistero che circonda la scomparsa del protettore di Gotham.

L’avventura ruota attorno a un incrocio di diversi archi narrativi chiamati “dossier” che presentano la Corte dei Gufi e diversi cattivi tra i più emblematici del Batverse. Tuttavia, alcune assenze importanti potrebbero sconcertare i fan. I nostri quattro vigilanti (Barbara Gordon, Dick Grayson, Jason Todd e Tim Drake) incontreranno personaggi del calibro di Harley Quinn, Oswald Cobblepot e molti altri durante un’avventura davvero pirotecnica e la cui durata è di circa ventina di ore di gioco. Warner Games attinge liberamente dal materiale originale, ovvero i fumetti, creando una storia fedele ai valori di Batman, rimanendo però originale. Gotham Knights non è un adattamento di un’opera in particolare. È una reinterpretazione del mito dell’uomo pipistrello con i suoi apprendisti come eroi.

La messa in scena è all’altezza del dramma portato sullo schermo. La morte di Batman segna gli spiriti, quelli dei vigilanti, degli alleati di lunga data, dei cattivi che sono pronti a reinventarsi, ma anche dei giocatori che scoprono una città di Gotham in piena ebollizione. Molti filmati realizzati con cura tracciano le file di una nuova epopea con i Cavalieri di Gotham. Questo permette a Gotham Knights di tracciare la propria strada, senza Batman, e di farlo con un certo talento. L’assenza di Bruce Wayne avrebbe potuto essere dannosa. In effetti, non è così. I nostri quattro eroi riescono ad essere all’altezza del loro mentore con forza, perseveranza e coraggio.

Recensione Gotham Knights - MisterGadget

C’era una volta Gotham – Come è graficamente Gotham Knights?

È consuetudine chiamare un personaggio una città particolarmente centrale in un’opera. Mentre questa sovrapposizione può essere esagerata a volte, nel caso di Gotham Knights, non può essere più vera. La città di Gotham immaginata dagli artisti di Warner Games è la più grande mai costruita, il che è un dato di fatto, e non è paragonabile a nessun’altra. La città portuale nordamericana, composta da diversi distretti collegati da ponti, brilla durante la notte tra mille luci al neon e ispirate ai film Noir. Gotham è soprattutto una metropoli bagnata, sporca come dovrebbe essere questa città fittizia visivamente sbalorditiva ma rovinata fino alle sue fondamenta da un male ancestrale.

Per spostarsi a Gotham, i nostri vigilanti possono contare sulla Batcycle – la moto di Batman – e sul rampino imperdible che consente loro di muoversi a loro piacimento sui tetti della città. Sorvolare la città, spostarsi da un tetto all’altro con facilità e girare a qualsiasi vicolo su un veicolo si rivelano essere delle cose di rara ed estremamente inebriante efficienza.

Gotham Knights però è sì, bello e gigante, la componente tecnica spesso lascia a desiderare attualmente, con rallentamenti vistosi e vari bug. Siamo fiduciosi che la situazioni migliorerà nel corso delle prossime settimane, grazie a patch correttive del team di sviluppo.

PC contro Console (PlayStation 5 e Xbox Series X/S)

Gotham Knights è “bloccato” a 30 fotogrammi al secondo su console next-gen a differenza del PC che beneficia dei tanto sperati 60fps. Su PlayStation 5 e Xbox Series X/S, i 30fps andrebbero anche quasi bene, purtroppo però spesso (soprattutto in situazioni concitate e quando ci si sposta velocemente in città) ci sono degli importanti cali di framerate. Su PC, i 60fps e le varie impostazioni offrono ai giocatori condizioni di gioco ottimali, a condizione che sappiano giocare con le impostazioni e siano in possesso di un PC potente.

Recensione Gotham Knights - MisterGadget

L’ombra e la preda – Tra detective e fasi stealth

Batman è originariamente un detective, come indicano le iniziali DC per Detective Comics, e gli studi incaricati del progetto lo hanno capito bene. Il miglior detective del mondo ha trasmesso questa conoscenza ai suoi accoliti che ora conducono l’indagine al posto del loro mentore. Analizzano le scene del crimine, rilevano indizi e le sovrappongono per definire i prossimi obiettivi. Questa volontà di tornare alle origini del Cavaliere Oscuro è da mettere al credito dei designer. Tuttavia, questa dimensione “indagine” è alla fine (troppo) limitata. Non c’è bisogno di essere un esperto di criminologia per sciogliere i fili del mistero. Tutto avviene naturalmente, una missione dopo l’altra, senza richiedere grande quantità di materia grigia. Tuttavia, alcuni puzzle e altri enigmi che ravvivano e rinnovano l’avventura potrebbero farti pensare qualche secondo in più.

I Cavalieri di Gotham sono anche diventati padroni nell’arte dell’occultamento e dell’infiltrazione. Prima di avventarsi sul nemico e far parlare i loro pugni, i nostri eroi sono invitati a mostrare discrezione e ad eliminare la minaccia senza essere individuati. Mentre alcuni personaggi, tra cui Batgirl e Robin, hanno predisposizioni in questo campo, i nostri quattro vigilanti possono facilmente liberarsi dalla minaccia senza essere individuati. Diverse missioni sono anche pensate in questa direzione e invitano a non suscitare sospetti o far scattare un allarme. Gotham Knights in questo aspetto non si discosta molto da altri titoli del genere. Segnaliamo inoltre che l’intelligenza artificiale dei nemici non è proprio sveglissima.


Potrebbe interessarti anche:


Recensione Gotham Knights - MisterGadget

La via dei cavalieri – Progressione e combattimento

Batgirl, Nightwing, Red Hood e Robin non sono costretti a stare nell’ombra e possono favorire un approccio frontale, solo per applicare una giustizia rapida, di fronte a una ricca varietà di nemici. Il sistema di combattimento, che si allontana da quello della saga di Arkham per avvicinarsi a quello di Marvel’s Spider-Man, si basa principalmente su un mix di schivata, attacchi e abilità varie. Non sorprende che gli scontri sia accessibili che tecnici siano molto presenti, e diano un vero senso di ascesa durante l’avventura. Combattere il crimine per le strade di Gotham è estremamente gratificante sia di fronte agli sgherri semplici che ai boss di un calibro completamente diverso.

Tuttavia, la telecamera a volte si incastra nell’azione frenetica, perdendo il soggetto di vista per una frazione di secondo. Accoppiato con un indicatore di attacco situato sui nemici, questo può rivelarsi invalidante nei livelli di difficoltà più alti. Gotham Knights ha inoltre una progressione da RPG che riflette l’ascesa dei diversi vigilanti. L’aumento di esperienza legato al successo delle missioni e alla risoluzione dei crimini sblocca nuove abilità specifiche per ogni eroe. Infine, nuovi costumi e attrezzature con varie proprietà sono regolarmente messi a disposizione degli eroi a condizione che li si fabbricano con l’aiuto di materiali e piani scoperti a Gotham. Questo non rivoluziona in alcun modo la formula degli Action-RPG, ma partecipa notevolmente all’immersione nel mondo di gioco.

Recensione Gotham Knights - MisterGadget

La Bat-Family – In singolo oppure in multiplayer

L’assenza di Batman si fa sentire durante i primi minuti di gioco prima di lasciare il posto a un nuovo sentimento, quello della scoperta. I quattro eroi di Gotham Knights, anche se addestrati dal Cavaliere Oscuro in persona, sono tutti molto diversi. Sono riflessi distorti del loro mentore che possiedono uno stile, una filosofia di vita e una visione della giustizia tutta loro. Nightwing è un acrobata e leader nato. Red Hood punta sulla forza bruta e le sue armi da fuoco. Robin mette a frutto la sua discrezione e i suoi gadget. Quanto alla tosta Batgirl, mostra un senso da hacker e maestria nel corpo a corpo senza pari. È persino possibile, e fortemente consigliato, alternare tra i personaggi tra due missioni. Inoltre la loro progressione è condivisa, così da non dover livellare con tutti i personaggi.

La “S” di Gotham Knights non è lì per caso. Il titolo di Warner Games è completamente giocabile da soli e in cooperativa a due giocatori.L’avventura principale e tutte le missioni accessorie possono essere condivise con un alleato senza essere incatenato a quest’ultimo. I vigilanti possono viaggiare per la città come meglio credono, combattere il crimine separatamente prima di unirsi per far progredire una trama particolare. Gli sviluppatori hanno persino integrato attacchi combinati, solo per rendere sempre più concreta la sinergia tra i personaggi. Lo stesso vale per i combattimenti tra boss che differiscono se sei solo o accompagnato… un’iniziativa troppo rara ed apprezzata!

Recensione Gotham Knights - MisterGadget
<div id="section-review" data-stars="4" data-price="70" data-brand="Warner Bros Games" data-title="Gotham Knights" data-text-pro="+ Una città di Gotham sporca e gotica<br>+ 4 vigilanti con stili molto diversi<br>+ Combattimenti accessibili<br>+ Le fasi stealth<br>+ Una storia ispirata ed epica<br>+ Buon sistema di progressione<br>+ Un'avventura completamente giocabile da solo o in cooperazione (2 giocatori)" data-text-contro="- L'assenza di alcuni cattivi iconici<br>- Una telecamera a volte che si perde<br>- La ridondanza delle missioni secondarie
Gotham Knights
Gotham Knights, orfano della figura iconica di Batman, prende il suo testimone con una propria identità. I nostri eroi onorano il Cavaliere Oscuro con un’avventura inebriante ispirata ai fumetti. La città di Gotham, più oscura che mai, i combattimenti tecnici e nervosi e la complementarità dei quattro vigilanti soffiano un vento di freschezza supereroica sull’universo di Batman. Senza essere perfetto con i suoi problemi nel comparto tecnico e le sue missioni a volte ridondanti, il titolo di Warner Bros Games colpisce forte e dimostra che Batman non è l’unico eroe degno di questo nome a Gotham.
Pro
+ Una città di Gotham sporca e gotica
+ 4 vigilanti con stili molto diversi
+ Combattimenti accessibili
+ Le fasi stealth
+ Una storia ispirata ed epica
+ Buon sistema di progressione
+ Un’avventura completamente giocabile da solo o in cooperazione (2 giocatori)
Contro
– L’assenza di alcuni cattivi iconici
– Una telecamera a volte che si perde
– La ridondanza delle missioni secondarie
– Rallentamenti e bug nelle versioni console

Altri articoli che consigliamo:



I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie! Riceverai una email per la verifica del tuo indirizzo di posta elettronica. Non sarai registrato fino a che non lo avrai confermato. Controlla anche nella cartella Spam.