Cosa sono gli NFT? In che modo stanno cercando di cambiare i videogiochi?

Riccardo Ferrari7 Aprile 2022
NFT - videogiochi

Gli editori stanno cercando di realizzare videogame con NFT. Cosa significa?

Ne abbiamo parlato qualche settimana fa con un articolo dedicato, oggi ci dedichiamo un po’ più nel dettaglio dell’aspetto legato al gaming degli NFT ed in che modo potrebbero sconvolgere il mercato in futuro.

Per capire davvero gli NFT (Non-Fungible Tokens) e la criptovaluta in generale, bisogna fare un breve viaggio verso un crocevia tra informatica e teoria economica sperimentale. È un posto poco ospitale. La maggior parte delle persone non vuole andarci, soprattutto non da sola.

Valve ha vietato qualsiasi gioco che utilizza NFT da Steam. I Video Game Awards hanno fatto lo stesso per il loro show del 2021. Il capo di Xbox, Phil Spencer, dice che a volte si sentono “… più sfruttatori che parte nell’intrattenimento”. Alex Stamos, ex chief information officer di Yahoo e Facebook, afferma che gli NFT sono “per lo più truffe”.

Niente di tutto ciò ha impedito a grandi nomi come Sega e Ubisoft di esprimere interesse per una sorta di videogiochi crittografici. Se e quando lo faranno, si uniranno alle grandi aziende che sono già salite a bordo del cripto-treno.

NFT - videogiochi

Ma si impegneranno davvero? Tutto dipende dal grande pubblico. Se finisce per volere giochi che presentano NFT, i grandi nomi li faranno. Allo stesso modo, se pensate che gli NFT siano spazzatura e vi rifiuterete di spendere i vostri soldi verso di loro, si riveleranno una moda passeggera nel gaming, nel mondo dell’arte e ovunque. Per aiutare a farvi una vostra idea riguardo gli NFT, vi porteremo in quel luogo a volte confuso e noioso dove denaro e computer si incontrano, e cercheremo di essere almeno un minimo divertenti e spiegarvi nel modo più semplice possibile.

Allora, cos’è un NFT? In breve, è un pezzo di denaro su misura, rappresentato visivamente da un’immagine digitale di un JPG, un file grafico di gioco o persino un tweet.

Qualsiasi immagine o file digitale può essere trasformata in un NFT, uno dei motivi che fa impazzire le persone su questo argomento. Perché una stringa di codice altrimenti senza funzione, attaccata a un jpg di un cane che si lecca il sedere, dovrebbe valere denaro? È una domanda giusta e l’unica risposta è “perché la comunità crittografica ha deciso che lo è”.

In realtà è per questo che tutti i soldi hanno valore. Noi, come società, abbiamo deciso che avremmo usato euro in banconote e monetine come ricevute per simboleggiare il valore dei servizi che forniamo e/o delle cose che possediamo. In teoria, il governo regola lo scambio di quelle ricevute per mantenere il tutto in un bilanciato equilibrio. Elaborano e stampano queste ricevute da soli attraverso i loro dipartimenti di tesoreria, che è qualcosa che prendono molto sul serio.

Ma storicamente, non a tutti piace il modo in cui lo fanno.

NFT - videogiochi

Se non vi fidate del governo per fare un buon lavoro supervisionando tutto questo – o se volete compiere alcuni crimini per soldi che non volete che il governo sappia – allora la criptovaluta vi piacerà.

Ad esempio negli Stati Uniti a metà del 1800, l’imperatore Norton The First, autoproclamato imperatore degli Stati Uniti d’America e protettore del Messico, in realtà pubblicò i suoi “Norton Bucks”. Alcuni negozi li hanno effettivamente accettati anche come valuta, perché, come le criptovalute di oggi, hanno deciso di farlo. Oggi, un Norton Buck potrebbe costare 10.000 dollari sul mercato.

Perché? Ancora una volta, perché qualcuno ha deciso di attribuirgli valore. Lo stesso vale per le persone che vendono immobili, belle arti o vecchi videogiochi. Tutti e tre hanno dimostrato di essere metodi attraenti di riciclaggio di denaro e altre attività illegali. La criptovaluta non è diversa.

Quando le criptovalute erano agli albori, venivano in gran parte utilizzate in cambio di oggetti o servizi che le persone non volevano che il governo sapesse. Stiamo parlando di traffico sessuale, spaccio di droga e omicidi. Quella reputazione oscura ha contribuito a spingere il valore delle criptovalute verso il basso per molto tempo, ma nel corso degli anni, sempre più istituzioni tradizionali stanno sostenendo la criptovaluta. Sia Norton Bucks che Bitcoin valgono molto di più di una volta, e non c’è fine a questa tendenza in vista.

Non tutti lo vedono come una buona cosa. I critici saranno pronti a dirvi quanto sia terribile la crittografia per l’ambiente. Questo è dovuto a come la maggior parte delle criptovalute viene “coniata”.

NFT - videogiochi

Con gli NFT, il processo prevede la ricerca di un qualcosa che vi piace (e si spera possediate), l’utilizzo di un sito web per fondere l’immagine in una forma di criptovaluta, e dopo qualche tempo avrete quindi creato il vostro euro o dollaro digitale, un token che non può essere scambiato con un altro bene o bene dello stesso tipo, o “finanziato”. Questo processo non richiede moltissima energia, ma senza supervisione governativa per prevenire la contraffazione, le criptovalute hanno bisogno di un processo di verifica tutto suo. Per fare questo, più criptovalute utilizzano un sistema “Proof-of-Work Blockchain” per verificare costantemente la validità della cronologia di scambio della moneta. Questi controlli richiedono una rete costante tra più server di computer. Di poche ore fa è la notizia che l’Europa vuole finalmente regolamentare i flussi di crypto.

Uno scambio di un NFT utilizzando Ethereum (la criptovaluta più comunemente usata per gli NFT) richiedeva la stessa quantità di energia di diverse migliaia di transazioni con carta Visa. All’inizio di quest’anno, Bitcoin da solo utilizzava più energia di tutta l’Argentina. Quell’energia deve provenire da qualche parte e non è sempre pulita.

Ironia della sorte, quasi nessuna energia è stata usata in modo da controllare che un “oggetto” legato a un NFT non sia stato rubato. Se qualcuno si accaparra un tweet che avete fatto, un selfie che avete pubblicato o un disegno che avete caricato online e lo trasforma in un NFT, non avrai modo facile fermarli. Ecco un esempio recente. E un altro. E un altro! E un altro!! E un altro!!! E che diavolo sta facendo Quentin Tarantino?!

Nel mondo delle vendite di arte fisica, dove la proprietà è legata al possesso di articoli di produzione limitata, questo genere di cose non accadrebbe. Ma nel “selvaggio west” non regolamentato della valuta digitale, le leggi sono torbide e i diritti degli artisti spesso sono secondi alle priorità dell’investitore.

NFT - videogiochi

Quindi, invece della scarsità, il valore di un NFT sembra essere intrecciato dal suo livello soggettivamente determinato di “novità” e dall’enorme quantità di potenza di calcolo di cui ha bisogno per funzionare. Questo è stato estremamente vantaggioso per coloro che sono poveri di risorse ma disposti a collegarsi con un macchina da mining crittografico per diventare ricchi di NFT, almeno per ora.

In Ghana nelle Filippine, giocare a un gioco Pokémon basato su NFT chiamato Axie Infinity può pagare meglio della maggior parte dei lavori a tempo pieno. È decisamente distopico, ma eccoci qui. In alcune parti del mondo, scambiare, vendere ed estrarre mostriciattoli o gattini in NFT da collezionare in-game e incassarli con soldi veri è una scelta di carriera più sicura che diventare un insegnante di scuola. Certo, questo non è nuovo. Le persone si guadagnano da vivere con giochi come World of Warcraft da oltre un decennio. Ciò che è diverso è che gli NFT hanno un ponte verso il più grande mondo delle criptovalute, dei banchieri d’investimento dei miliardari.

Questo è il tipo di gioco su cui potremmo vedere i principali editori saltare prima piuttosto che dopo. Giochi in cui voi, il giocatore, non dovrete necessariamente comprare un NFT per giocare, ma vi potrebbe essere chiesto di giocare a un gioco in cui sono presenti in qualche forma.

Ubisoft potrebbe creare un gioco in cui dovrete far crescere i vostri Rabbit-NFT. Sega potrebbe creare un gioco NFT Chao-farming. Le loro statistiche e il loro valore possono migliorare man mano che giocate, e a differenza della maggior parte dei videogiochi, potreste quindi dire a voi stessi “Non ho solo perso un’ora a giocare a un videogioco, in realtà ho fatto dei soldi.” Valve potrebbe non supportare questi progetti, ma Epic lo farà, e probabilmente non saranno gli ultimi.

Ma se l’NFT che hai coniato utilizza la “Proof-of-Work Blockchain”, al contrario di un altro sistema di verifica meno ad alta intensità energetica – o quell’energia non proviene solo dall’energia solare o da qualche altro sistema pulito – allora è etico? Ed è psicologicamente salutare sposare un altro sistema che è, per molti versi, una parodia involontaria del capitalismo? È davvero quello che volete fare con il vostro tempo?

Molto dipende da quanto vi preoccupate delle persone reali, e molte delle persone che gestiscono i grandi editori videoludici contano sul fatto che tu non lo fate.

Cosa sono gli NFT? In che modo stanno cercando di cambiare i videogiochi?

Pensano che i “giocatori”, per definizione, si preoccupano più del divertimento immaginario che della vita reale. Possono creare luoghi di lavoro in cui i loro dipendenti si sentono insicuri e costretti a lavorare dodici ore al giorno; sono abbastanza certi che al loro pubblico non importerà finché si godranno i giochi. Voglio dire, l’hanno fatta franca per così tanto tempo, giusto? E se i loro fan non si preoccupano dei diritti umani, perché dovrebbero preoccuparsi dell’ambiente? Trasmetterebbero davvero la possibilità di fare un po’ di soldi mentre giocano, anche se il tutto può contribuire al cambiamento climatico?

Con così tanti soldi sul tavolo, non passerà molto tempo prima che arrivino sul mercato alcuni esperimenti di titoli AAA con al loro interno degli NFT. Questo mi sembra certo. Ciò che è meno certo è come i giocatori si adatteranno a quegli esperimenti e se saranno dei partecipanti volontari oppure no.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover

Grazie!

Grazie per aver completato la registrazione alla newsletter di Mister Gadget.