Stop alle carte Pokémon in USA
Videogiochi

Stop alle carte Pokémon in USA

Il colosso del retail americano Target ha deciso di interrompere la vendita delle carte Pokémon negli USA, a partire da domani 14 maggio.

La passione per i Pokémon sembra non sia solo digital.

Infatti, all’inizio di quest’anno, è ufficialmente ritornata la mania per le carte collezionabili dei Pokémon.

Ma è dopo un grave incidente che la società ha confermato lo stop alle carte Pokémon in tutti gli Stati Uniti, ma non solo: verranno bandite anche le carte sportive di MLB, NFL e NBA.

Una vera e propria mania

Una vera e propria mania per le carte Pokémon ha creato un’ondata di isteria che ha costretto la società Target ad adottare misure sempre più dure.

Le persone hanno iniziato, infatti, ad inondare le società di classificazione delle carte, sperando di ottenere una valutazione che renda le loro carte più preziose.

La situazione intorno alle carte collezionabili, però, sembra selvaggiamente fuori controllo.

Infatti, sembra che addirittura le persone abbiano aperto scatole di cereali nei negozi per rubare le carte Pokémon presenti all’interno.

Non sono negli USA

Il fenomeno, purtroppo, non è limitato solo agli USA.

In Giappone, infatti, un uomo si è calato con una fune all’interno di un negozio altamente specializzato per rubare oltre 80 carte dei Pokémon e di Yu-gi-oh! per un bottino da oltre 8.000€.

carte pokèmon

Il motivo della decisione di Target

Tutto è iniziato con i primi clienti accampati all’alba davanti ai negozi ad ogni nuovo stock delle carte collezionabili.

Per questo Target ha iniziato a limitare i pacchetti per i clienti.

Si potevano vendere un massimo di tre bustine per cliente, e infine è arrivata la scelta di abbassare il numero ad una bustina per cliente in modo da scoraggiare risse.

Ma questo non è bastato.

La decisione più drastica di interrompere la vendite delle carte Pokémon, infatti, è stata presa dopo che lo scorso 7 maggio un uomo di 35 anni ha estratto una pistola all’interno del parcheggio di un negozio Target.

Sembra che volesse difendersi dall’assalto di altre quattro persone, con un’età compresa trai 22 e 35 anni, arrabbiate per non essere riuscite a procurarsi le carte dei Pokémon che volevano.

A distanza di 25 anni dall’uscita delle carte Pokémon, quindi, abbiamo potuto assistere non solo all’uscita di un nuovo videogioco, non solo alla follia di Pokémon Go sugli smartphone, ma adesso anche le carte hanno un momento di fama incredibile.

Una fama portata, però, all’eccesso.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.