Ho avviato la prova di ZTE Axon 7

Luca Viscardi7 Ottobre 2016
Ho avviato la prova di ZTE Axon 7

Ho avviato la prova di ZTE Axon 7, un telefono in arrivo in questi giorni in Italia con una scheda tecnica da competizione.

ZTE è uno dei grandi colossi della tecnologia, che per molti anni ha lavorato “conto terzi”: molti dei prodotti marchiati 3, così come molti smartphone lanciati da Vodafone negli ultimi anni.

ZTE Axon 7

ZTE Axon 7

In terra Cinese è uno dei produttori più affermati con un volume d’affari consistente e con successi così grandi da guadagnarsi uno spin-off, come è capitato con Nubia che oggi è un marchio separato.

Da noi è arrivato ufficialmente solo da qualche mese e dopo l’Axon 7 Mini, questa è la proposta più interessante che propone, con una combinazione tra prezzo e prestazioni davvero notevoli.

Personalmente non faccio i salti di gioia e non nutro grande entusiasmo per il design: ci sono alcuni dettagli che probabilmente sono creati per il gusto asiatico, che probabilmente faranno un po’ storcere il naso in Europa, ma la scheda tecnica è semplicemente impressionante.

dsc01707

Parto da quello che non mi piace del design e poi vado alle note positive: non apprezzo le griglie frontali degli speaker, che trovo un po’ passate e che evidenziano come quella striscia superiore sia in plastica. Non mi fa impazzire nemmeno il blocco posteriore di fotocamera e lettore di impronte, perché mi sembra un po’ dejavu.

dsc01712

Concludo con l’interfaccia utente: se ZTE vuole pensare seriamente all’Europa come mercato primario deve immaginare un approccio totalmente diverso nel design. Colori, icone, sfondi devono essere ripensati. E’ vero che nel mondo Android personalizzare è facile, ma bisogna pensare anche agli utenti più basici.

Ma fino a questo punto siamo nell’area del gusto personale, dieci persone potrebbero scrivere dieci cose diverse sul tema: se guardiamo invece la scheda tecnica, cambia tutto.

ZTE AXON 7 è una specie di caterpillar, con una dotazione hardware impressionante, a partire dal display AMOLED da 5.5 pollici, con definizione QHD 1440 x 2560 pixel, con una densità di 538 pixel per pollice.

dsc01708

Il processore è il Qualcomm Snapdragon 820, con un clock massimo da 2.15 ghz, con ben 4 gb di RAM abbinati a 64 gb di memoria interna.

Anche la fotocamera è di livello primario: 20 mpx con apertura f/1.8 e stabilizzatore ottico d’immagine, capace di girare video in 4k, mentre quella frontale è da 8 mpx F/2.2 e video fullHD.

Se i 64 gb di memoria non vi bastano, potete scegliere di aggiungere birra, sfruttando l’espansione microSD di cui è dotato il telefono.

dsc01705

Non c’è solo questo: l’audio è dolby atmos a 32 bit fino a 192 kHz, mentre la batteria è da 3250 mAh.

Completa la dotazione il connettore USB type-C, che ormai è diventato uno standard per tutti i produttori.

dsc01711

Insomma, la dotazione hardware è impressionante, per questo sono curioso di provare a fondo, non prima di aver fatto qualche serio intervento estetico su interfaccia, icone, colori.

Tutto questo vi viene offerto a 449 euro, prezzo da battaglia, che lo pone in diretta concorrenza con OnePlus 3, che ha la stessa dotazione, ma l’espansione di memoria in meno. Per il primo mese è un’esclusiva di Amazon,

C’è un dettaglio importante: con il telefono, acquistante anche l’Axon VIP Service:

  •  ESTENSIONE DI GARANZIA 3 ANNI: ZTE offre un anno di garanzia aggiuntiva sul prodotto, dopo la scadenza della garanzia standard di due anni.
  • 6 MESI DI GARANZIA SUL DISPLAY: ZTe garantisce la sostituzione gratuita dello schermo per danni accidentali entro 6 mesi dalla data di acquisto.
  • GARANZIA EXTRA: ZTE offre un anno di garanzia aggiuntiva per danni da liquidi, con riparazione gratuita entro il limite di garanzia dei 3 anni.

Come sempre, tanta roba per chi compra, in un mercato sempre più ricco.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover