Zero Assoluto: sorprendenti.

Mister Gadget Team4 Giugno 2011

Gli Zero Assoluto sono miei amici, è normale quindi che non scriverei mai che un loro album non mi piace. Non è comunque automatico che scriva il contrario, perché non credo esista una ragione al mondo che per me sia valida per dire qualcosa di diverso da quello che penso.

Ecco perché sottolineo con piacere che il loro nuovo album è “sorprendente”, per la nuova direzione presa a livello musicale, per la maturità di ciò che propongono. “perdermi” è un disco a mio avviso molto diverso dai precedenti, molto più “corposo”, caratterizzato in alcuni brani da suoni che mi rimandano alla parte migliore degli anni 80, seguendo quel filone oggi molto ben interpretato da diversi personaggi a diverse latitudini. Mi vengono in Miami Horror, Calvin Harris, Empire of the Sun e una serie di altri artisti che attingendo alla musica elettronica degli anni 80, dai Visage in poi, hanno rinverdito un periodo che tutto sommato non ricordavamo come il migliore della musica. L’inizio dell’album, con “perdermi” e “questa estate strana” va dritto in quella direzione.

Ai brani più vicini al mondo elettronico si alternano produzioni più vicine al rock leggero americano, che sento in brani come “ma domani” o “vieni più vicino”

Tra i pezzi che preferisco ce n’è uno che mi riporta all’universo che identifico con i  coldplay: “se vuoi uccidimi” è una ballata deliziosa, penso sarà un singolo di buon appeal per le radio di ogni formato.

“crescendo si impara”, mi pare che qui ci sia la prova lampante di come la maturità e il tempo aiutino anche chi fa musica, se non rimane ingabbiato nel passato. Loro sono andati decisamente avanti.