Windows Phone 7.5: non è così male!
News

Windows Phone 7.5: non è così male!

 

Sto usando con una certa continuità windows phone dopo il complicato aggiornamento a mango. a volte penso che microsoft annusi nell’aria la passione per apple e allora faccia di tutto per risultare antipatico a chi utilizza i suoi prodotti. a me, fino a pochi giorni fa, era andato praticamente tutto male, per ragioni al limite dell’inspiegabile.

l’aggiornamento è stato complicato, nel senso che avevo descritto in un post precedente.  oggi l’installazione di un software di navigazione è risultata più complicata del dovuto. mi chiedo per quale ragione si debba complicare la vita di un utente. il controllo della sua esperienza, soprattutto quando ci sono soldi di mezzo, credo sia fondamentale. a microsoft però è sfuggito qualcosa. sulle applicazioni non è indicato chiaramente come ricevere supporto; non c’è (nella singola applicazione) link diretto o numero telefonico di chi dà assistenza. Non esiste un pulsante per i refound. Su market di android c’è un limite temporale entro cui chiedere un rimborso, di solito espresso in minuti.

scarichi la app, hai trenta minuti, se non ti piace, clicchi su “rimborsa” e sei a posto. in un attimo hai comprato e restituito. con microsoft devi cercare su web assistenza, chiedere al telefono il rimborso e a quel punto hai notifica via email dell’avvenuto storno. un po’ complicato. a parte questo, c’è da dire che per il resto il telefono mi sta piacendo. mancano diverse cose, come le apps per lo streaming, non sono riuscito a far andare whatsapp ma nonostante i limiti devo ammettere che il telefono ha fatto passi da giganti. le cose basiche della vita di tutti i giorni, twitter, facebook, photo uploads, ricerche on line, vanno davvero bene.

il tutto con una facilità d’uso notevole. se proprio dovessi chiedere qualcosa a microsoft, senza stare a cercare il pelo nell’uovo, chiederei una tastiera più comoda (tipo layout di tastiera del telefonino) e forse riconoscimento vocale che funzioni meglio, perché quello che c’è adesso non capisce una cippa, mentre quello di android non sbaglia un colpo.

rispetto alla prima versione di wp7 è altra storia, più completo, più performante, più user friendly. con il nuovo samsung omnia w in arrivo a 349 euro questo diventa un telefono da prendere in considerazione per gli acquisti. non il telefono perfetto, che non esiste, ma una valida alternativa. al di là delle isterie date dal tifo per l’uno o l’altro sistema operativo.

ci sono alcune lacune, ma i miglioramenti sono evidenti. con nokia, inserendo una fotocamera migliore e un buon sistema di navigazione, diventerà davvero competitivo.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.