Whatsapp in "crisi"?
News

Whatsapp in “crisi”?

Questo periodo in cui non ci sono tantissime notizie, quindi è normale che ci si attacchi alle poche che si riescono a trovare. Alcuni siti hanno estratto alcune informazioni da un’indagine su quello che viene chiamato l’engagement degli utenti rispetto ai servizi on-line.

A quanto pare, negli ultimi mesi quello di whatsapp e in continua discesa, al contrario di ciò che accade a tutti i competitors. La cosa che ha colpito gli osservatori è che la percentuale di ingaggio è scesa per  tre mesi consecutivi passando da quasi il 10% a poco più del 7%.

Ci sono molti motivi che avrebbero potuto portare a questo tipo di informazione, che non ha grandi applicazioni pratiche ma è forse solo il segnale che il mercato della messaggistica in realtà non è così chiuso come ci si poteva aspettare.

Il dato dell’ingaggio, incrociato come quello dei download, che sono diminuiti notevolmente, e anche della riduzione del numero di utenti globale di whatsapp, fa pensare che ci siano altri servizi che stanno guadagnando strada, tra cui Snapchat, e forse che alcuni clienti, soprattutto quelli più giovani abbiano una fedeltà molto ridotta per i servizi gratuiti, che non impongono alcun vincolo di connessione.

Una delle considerazioni degli analisti è che forse la vendita che era stata paventata qualche mese fa dell’applicazione sarebbe stata sicuramente la cosa migliore da fare perché con il trend in discesa sicuramente si strapperà un prezzo peggiore.

Ma voi usate whatsapp o utilizzate un altro servizio di messaggistica?

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.