Tidal caccia un altro CEO mentre cerca di emergere (o vendere)

Luca Viscardi30 Maggio 2017
Apple compra tidal?

Abbiamo parlato spesso di Tidal, il servizio di streaming musicale che ha sempre fatto della qualità audio il suo punto di forza: dopo due anni, continua a faticare a ritagliarsi uno spazio e nell’affrontare la sua ennesima ristrutturazione caccia il terzo CEO in 24 mesi, con l’addio di Jeff Toig.

As part of Tidal’s continued expansion this year we will be announcing a new CEO in the coming weeks, we wish [Toig] all the best in his future endeavors.

Questo il laconico comunicato che è stato inviato a Billboard dalla società e che non svela molto dei piani futuri, ma a quanto pare il percorso fatto fino ad oggi è molto diverso da quello immaginato dal fondatore del servizio, Jay-Z.

Su cosa sia davvero successo, nessuno ha informazioni molto precise: in queste ore trapela la notizia che in realtà Toig avrebbe lasciato la società già a marzo, ma la situazione sarebbe stata messa a tacere, credo per non intaccare l’immagine della compagnia.

Prima di Tidal, Jeff Toig ha lavorato con diverse posizioni, tra cui quella di capo del servizio di streaming musicale di Cricket Wireless, prima ancora in Muve Music, ma il suo impegno più importante è stato quello di fondatore di Virgin Mobile.

Era arrivato in Tidal a gennaio del 2016, con l’obiettivo di crescere nel numero degli abbonati e nel tentativo di dare una posizione più definita sul mercato alla piattaforma che ha sempre faticato ad emergere.

Più volte era stata riportata dai media americani la volontà di Jay-Z di vendere il servizio a Samsung, ma per qualche mese pare che fossero state avviate trattative anche con Apple. Non è chiarissimo se poi abbia cambiato idea oppure se semplicemente ciò che veniva offerto non fosse considerato interessante.

Ad oggi, Tidal ha 1 milione di abbonati, contro i 20 di Apple Music e i 50 di Spotify, è evidente che raddrizzare la barca sia un’impresa difficile, non sarà facile trovare qualcuno che voglia sedersi al timone, forse per questo a due mesi dall’addio dell’ultimo CEO non ce n’è uno nuovo pronto a prendere il suo posto.

Sono curioso di conoscere le prossime puntate di quella che sembra una telenovela. Con una bella colonna sonora. ?


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover