Sorpresa: i siti porno sono sicuri!

Luca Viscardi27 Gennaio 2017
Sorpresa: i siti porno sono sicuri!

Ecco una bella sorpresa: i siti porno sono sicuri! Lo dice un’analisi appena pubblicata di Malwarebytes, secondo cui gli strumenti messi in campo per rispondere agli attacchi sono di gran lunga migliori di quelli di altre organizzazioni.

Ogni volta che un nostro amico contrae un virus sul proprio computer, noi facciamo finta di niente,  ma nel nostro intimo abbiamo la certezza che lo abbia pescato su qualche torbido sito per adulti.

Sembra però che non sia assolutamente così: ve ne parlo, perché tutti fanno finta di non averne mai visitato uno, ma intanto un singolo sito per adulti ha erogato lo scorso anno 78.9 miliardi di visualizzazioni video, probabilmente con l’energia usata in quell’occasione avremmo potuto fare un viaggio su Marte, ovviamente comprensivo di ritorno.

Ma in cosa consiste la ricerca? In un’analisi dei tempi di reazione dei siti internet ad eventuali attacchi on line; quelli dei siti porno erano di gran lunga inferiori a quelli di molti altri siti blasonati.

Le frodi on line vengono di solito perpetrate su questi siti attraverso banner “malevoli”, chiamati “malvertising”.

Lo scorso anno PornHub è stato colpito da un malware che è riuscito a compromettere  i dati di 800 milioni di clienti, che venivano attraverso questo tipo di escamotage rimandati ad un sito internet diverso da quello originario, dove veniva scaricato un cosiddetto “ransomware” nel computer del malcapitato, che poi bloccata completamente il pc o mostrava la minaccia di pubblicare dati sensibili se non fosse stato emesso un pagamento in favore del “proprietario” del software.

Ma i siti porno non stanno a guardare e più del 50% dei clienti di Malwarebytes sono proprio siti per adulti e secondo l’azienda è oggi più pericoloso digitare “iPhone”  durante gli eventi di lancio di Apple o cercare la parola “superbowl” nel weekend più sportivo d’america, perché il rischio di finire in siti pieni zeppi di trucchi e insidie è altissimo.

Per altro molti domini popolarissimi nel mondo della pornografia on line sono passati allo standard HTTPS, con un livello di sicurezza di gran lunga superiore a quello di molti siti commerciali.

Insomma, il rischio è più basso di quanto possa sembrare, ma questa valutazione riguarda solo l’integrità del vostro computer e non tiene conto della reazione di vostra moglie, che il computer potrebbe spaccarlo in due senza nemmeno pensarci! 😀


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover