Sony Ericsson, che scoppola!
News

Sony Ericsson, che scoppola!

Brutto colpo per sony ericsson nei dati pubblicati ieri relativi al secondo quarto del 2011. 50 milioni di euro di perdita netta, con un calo delle vendite del 31%. Sono stati venduti 7.16 milioni di telefoni, contro gli oltre 10 dello scorso anno nello stesso periodo. I guadagni complessivi sono scesi da 1.76 miliardi a 1.19.

L’amministratore delegato di Sony Ericsson ha messo al centro della crisi il terremoto come motivazione principale. Non ho dati inconfutabili con cui replicare, ma siamo sicuri che il prodotto non abbia fatto la sua buona parte?

Come va veramente l’Xperia Play? E l’Arc venduto a 569 euro, più di prodotti con percezione migliore della concorrenza? Sì, c’è stato il terremoto, ma forse anche qualche clamoroso abbaglio.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.