Si sta come d'autunno
News

Si sta come d’autunno

Ci sono volte in cui le sensazioni ti danno dei messaggi incredibili. La cosa strana é che tu non le ascolti mai.

Mercoledi uscivo da un pranzo di lavoro e approdavo davanti al mio bar. Metto dentro la testa e chiedo di Pier, non lo vedo da un po’. “No, non c’é”.  Eppure quell’assenza per qualche ragione era ingombrante. Decido che mando un messaggio per capire come mai non lo vedessi da così tanto: per me quel posto lì é lui, quei signori lì nuovi che vedo alla cassa non mi piacciono tanto, l’aperitivo non é più lo stesso, tutto sommato anche il pranzo non mi piace più come una volta. Ma poi mi distraggo e quel messaggio non lo mando: lo faccio ieri, ma chissà che fine ha fatto, perché Pier non c’é più.

Non so come si spiega l’incontro con le persone, non so nemmeno perché ad alcune vuoi bene e perché ti vogliano bene, a volte non trovi una spiegazione. Ma Pier era così, una di quelle persone a cui era impossibile non volere bene. Perché aveva la capacità di una parola perfetta per tutti e di affiancare alle parole i gesti che fanno la differenza.

Per me pensare a Pier è pensare a momenti leggeri, al gruppo degli amici, al momento dell’incontro, ad una carezza per Andrea che non mancava mai; lui il nanetto l’ha visto nascere e il primo aperitivo della sua vita l’ha fatto da lui. Lo faceva sempre ridere, quell’omone così grande che si avvicinava per strappare un sorriso e raggiungeva sempre l’obiettivo!

Oggi uno scherzo del cuore ha portato via Pier, uno di quei personaggi che in città conoscono tutti, che amava così tanto quello che faceva da prendere il nome del posto in cui lavorava. ‘Hai sentito Pier dello zerotrentacinque?” “ho visto Pier zerotrecinque”. Io lo conoscevo da tanti anni e con me é sempre stato incredibilmente carino, come capitava che fosse con tanti, se non con tutti. E proprio per quella carica empatica, fatico a spiegare il dolore che una perdita così può dare, perché oggi ci sono poche persone gentili, nel senso più nobile e romantico del termine, e Pier era una di loro.

Ci mancherai, oggi abbiamo perso una persona davvero speciale.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.