Samsung annuncia i risultati del trimestre, difficile lettura

Mister Gadget Team28 Gennaio 2016

Samsung ha annunciato oggi i dati relativi all’ultimo trimestre, chiuso con il 31 dicembre 2015. In linea di massima i dati sono buoni, perché il profitto operativo è cresciuto del 16.6% rispetto allo scorso anno, fino a 4.4 miliardi di dollari, ma il profitto netto (zavorrato da spese non operative) è sceso del 40%  a 2.7 miliardi di dollari.

Questi dati arrivano in un momento in cui Apple nello stesso trimestre segna il record assoluto dei profitti, con un guadagno netto di 18.4 miliardi di dollari, pur con la consapevolezza che il trend di crescita sia vicino ad una battuta di arresto anche significativa nel prossimo trimestre.

Gl incassi del trimestre, per Samsung, sono stati di 50.8 miliardi di dollari e nel periodo preso in analisi due dei settori chiave per l’azienda, mobile e semiconduttori, hanno subito forti pressioni dal mercato, che si prevede saranno presenti anche nel prossimo anno.

Ecco le parole di Samsung allegate alla nota sul trimestre

As for the outlook for 2016, Samsung expects single-digit percentage growth in both the smartphone and tablet categories amid softening demand and intensifying competition. Despite this challenging environment, the company will focus on increasing smartphone shipments and maintaining a double-digit margin through releases of competitive devices and an optimized product portfolio.

Insomma, è dura per tutti. Apple ha avvisato che la crescita rallenterà nel prossimo trimestre, Samsung non prevede un anno positivo. E’ chiaro che la pressione dei produttori cinesi, insieme con la condizione economica negativa degli ultimi anni in occidente, rappresentino un quadro competitivo difficilissimo.

Gli ultimi dati dell’osservatorio Findomestic per l’Italia, ad esempio, ci dicono che anche nel 2015 il mercato dell’elettronica di consumo si è contratto nel valore, mantenendo invece volumi molto vicini a quelli del 2014.

Si compra, ma si spende meno per i singoli prodotti. Per chi fa prodotti di fascia alta e cerca margini importanti è il contesto peggiore possibile.