Qualcomm Snapdragon 630 e 660, fascia media a chi?

Luca Viscardi9 Maggio 2017
Qualcomm Snapdragon 630 e 660, fascia media a chi?

Ieri sono stati ufficializzati i nuovi processori Qualcomm Snapdragon 630 e 660, che presto saranno consegnati ai produttori e hanno il pregio di portare caratteristiche molto avanzate anche su telefoni che sono tecnicamente di fascia media.

In primo luogo  hanno una velocità massima superiore a quella dei “vecchi” 625 e 650, ma soprattutto introducono novità molto avanzate, ma il Quick Charge 4.0 e il supporto al bluetooth 5.0. Il Quick Charge 4 è un vantaggio non indifferente, del 20/30% più veloce rispetto al Quick Charge 3, con 15 minuti vi fa raggiungere il 50% di carica dello smartphone.

Ho raccolto le informazioni relative ai due nuovi processori, con uno schema che vi dà un’idea molto chiara del potenziale tecnico.

SoC Snapdragon 660 Snapdragon 630
CPU 4x Kryo 260 Prestazioni
@ 2.2GHz
4x Kryo 260 Efficienza
@ 1.8GHz
4x Cortex-A53
@ 2.2GHz
4x Cortex-A53
@ 1.8GHz
GPU Adreno 512 Andreno 508
DSP Hexagon 680 DSP
All-Ways Aware Hub
Hexagon 642 DSP
All-Ways Aware Hub
ISP/
Fotocamera
Dual 14-bit Spectra 160 ISP
24MP
Memoria 2x 32-bit @ 1866MHz
LPDDR4
29.9GB/s
2x 16-bit @ 1333MHz
LPDDR4
10.66GB/s
Modem Snapdragon X12 LTE
(Category 12/13)
DL = 600Mbps
3x20MHz CA, 256-QAM
UL = 150Mbps
2x20MHz CA, 64-QAM
Codifica /
Decodifica
2160p30, 1080p120
H.264 & H.265
2160p30, 1080p120
H.264 & H.265
Processo 14nm LPP

Tra i due processori, le differenze principali si riscontrano in termini di architettura dei core, di potenza della GPU e di efficienza nei consumi.

La velocità di download arriva fino a 600 mbps, mentre l’upload arriva a 150 mbps, con l’abbinamento della tecnologia TruSignal, che si adatta dinamicamente all’intensità del segnale, per una qualità di conversazione sempre al top.

C’è un nuovo processore delle immagini, Spectra 160, in grado di gestire autofocus ibridi, così come l’installazione della doppia fotocamera, mentre nel modello Snapdragon 660 c’è anche un DSP Hexagon 680, che viene adottato per la prima volta nella fascia media e si traduce nella capacità di gestire foto, video, realtà virtuale e realtà aumentata senza alcuna difficoltà.

Non solo, perché lo snapdragon 660 supporterà anche il machine Learning e le funzioni avanzate di computer vision.

Lo snapdragon 630 ha caratteristiche più contenute, ma si tratta comunque di un passo avanti non indifferente rispetto a ciò che veniva fornito nell’ottimo 625.

Ecco un video con una panoramica delle principali caratteristiche.

Se non vi interessano tanto i dettagli tecnici, la sintesi molto semplice è che con i nuovi processori sarà possibile avere funzioni avanzate anche su telefoni di fascia media, con prezzo contenuto.

Non vediamo l’ora di provarli e di scoprire quali produttori adotteranno questa novità.


I bestseller della settimana

Registrati alla newsletter e diventa un tech-lover