Perché Android 6.0 ha tolto i badge delle icone?

Mister Gadget Team26 Gennaio 2016

Ci sono alcune scelte dei produttori che non sempre si capiscono e che risultano spesso inspiegabili. Perché Apple ha tolto alla Apple Tv la compatibilità con le tastiere bluetooth per poi programmarne di corsa il ritorno nella prossima release del software?

Perché Microsoft ha creato la prima versione di Windows Phone senza il copia e incolla, con i conseguenti insulti e con l’affanno conseguente a mettere una toppa?!?

Sembrano quelle domande esistenziali importanti: è nato prima l’uovo o la gallina? Meglio il mare o la montagna? Meglio la carne o il pesce?

Ecco… in questo trionfo di quesiti senza risposta arriva anche la mia domanda del secolo: ma perché Google ha tolto i badge delle icone su Android 6.0?!? Avete presente quei numeretti (di solito rossi) che vi segnalano sulle icone del telefono, dei messaggi e di whatsapp che avete messaggi da leggere o chiamate perse?

DSC00601

Ecco, su Android 6.0 non esistono più. La domanda che non è nemmeno tanto complicata è: perché? e poi ancora perché?!? E se non bastasse chiederlo due volte, aggiungiamone una terza: perché?!?

Adesso quando prendete il telefono dovete guardare in alto, sulla barra delle icone in alto, ma se per caso avete un’attività social intensa, può essere che le icone che segnalano chiamate e messaggi vengano nascoste da quelle di facebook, twitter o della mail e che quindi non ci sia alcuna percezione degli eventi importanti persi.

DSC00599

Certo, posso cambiare launcher, mettere un  notification counter e ho risolto il problema, ma la domanda è ben precisa: perché si peggiora l’esperienza utente, anziché migliorarla? Sembra una cazzata, ma nell’uso di tutti i giorni un piccolo dettaglio così fa una enorme differenza ed è davvero misterioso capire perché Google abbia scelto questa cosa.

Non era meglio mettere un “interruttore” per accendere o spegnere i badge? Adoro il Nexus 5X, ma trovo che alcune modifiche apportate a Google all’interfaccia utente siano in realtà un passo indietro nella “usability” dello smartphone.