Nuovi top di gamma: the winner is…

Mister Gadget Team29 Aprile 2015

Con la presentazione di ieri del nuovo LG G4 si sono chiusi i “giochi” dei grandi players, o forse in realtà si sono aperti, perché adesso tutte le carte sono sul tavolo.

Dal primo di marzo ad oggi abbiamo scoperto le novità che le grandi aziende di tecnologia hanno preparato per il mercato del 2015: quali di queste aziende ha le carte migliori per vincere la partita?

Ho la fondata impressione che le carte pregiate siano ancora nelle mani della solita Apple, che pur essendo entrata nella fase che ciclicamente vede una contrazione delle vendite in vista del prossimo modello, continuerà a macinare numeri importanti, perché nessuno dei competitors (Samsung a parte) ha sfornato un asso in grado di sparigliare la partita.

A Samsung arriviamo dopo, ma vediamo quali altre considerazioni possiamo fare sui competitors: Sony e Microsoft sono usciti dal radar dei giocatori forti nel segmento di alta gamma. La bandiera bianca non sventola ancora, ma mi pare evidente che siano in crisi di idee per riuscire a mettere sul piatto qualche cosa che possa essere appetibile per il mercato. Se per Microsoft può essere una scelta, temo che per Sony sia una scelta obbligata, anche alla luce dei due miliardi di debiti accumulati dalla divisione mobile.

E gli altri? HTC ha presentato One M9 che è un buon prodotto, di qualità elevata, ma che a 749 euro incontrerà resistenze notevoli. Quale potrebbe essere la reason why (la motivazione di acquisto) rispetto agli altri contendenti, quando non c’è alcune elemento di novità chiaramente percepibile?

Huawei P8: ottimo prodotto, ma temo che lo spostamento di prezzo e la scelta estetica che lo fa sembrare un po’ “deja vu” al primo impatto siano un freno rispetto al modello precedente. Mentre sono convinto che il modello P8 Lite a 249 sarà un best seller, temo che questo telefono, seppur realizzato egregiamente, subirà un freno rispetto a chi lo ha preceduto.

LG G4: non ho ancora provato questo telefono, ho avuto solo l’impatto di qualche minuto dopo la presentazione, ma temo che anche in questo caso sia un po’ come una corsa fatta con la scarpette sbagliate e in condizioni disagiate. Il form factor è lo stesso dello scorso anno, con la sola novità del retro in pelle, ci sono variazioni “tecnologiche” che riflettono la naturale evoluzione che si fa nel corso di un anno, ma senza il processore migliore disponibile, con lo stesso display, la stessa batteria, la stessa fotocamera, ma un prezzo più alto di 100 euro. Come lo si spiega agli utenti? Certo, le variazioni sono tutte importanti, ma come lo si trasferisce all’utente distratto?

Samsung Galaxy S6 Edge Flat: l’unico vero pezzo da 90 del mercato. O meglio, pezzi, visto che i prodotti sono due, ma è come se fossero un tutt’uno per le caratteristiche tecniche. L’interfaccia migliorata, i materiali pure, tutto assolutamente concorrenziale, ma con un problema: il flat visto “di fonte”, alle persone “meno attente” sembra uguale a tutti gli altri samsung. Il modello Edge riscuote invece un’attenzione ben diversa, ma basta rispondere alla domanda: “bello, quanto costa?!?” per vedere capottare le persone di fronte agli 889 euro richiesti. Io trovo che Galaxy S6 sia assolutamente fantastico, ma dai primi report che mi arrivano, la richiesta è onestamente un po’ bassa e comunque lontana dai tempi di S3 e S4.

Chi vincerà la sfida del mercato? Non ho la palla di cristallo, quindi non mi avventuro in previsioni da fattucchiera, ma temo che sarà una stagione difficile, per molti, se non per tutti. Tranne uno.

Aspettiamo qualche mese per vedere cosa ci dirà le realtà dei fatti. Che vinca il più forte, non è detto che sia il migliore: nel mercato moderno funziona così.