LG G5: in USA non si vende modulo B&O

Mister Gadget Team12 Aprile 2016
LG G5

Torno per un attimo su LG G5: in USA non si vende modulo B&O e non vi nascondo che questo mi lascia perplesso, o quanto meno sfugge un po’ alla mia comprensione delle logiche commerciali.

Chi era presente al grande evento di lancio del 21 febbraio, durante il quale è stato presentato al mondo  il nuovo LG G5, che dovrebbe arrivare a giorni nei negozi italiani, il primo tema affrontato è stato il legame con i suoi “friends”, ovvero gli accessori che ruotavano intorno al nuovo smartphone.

Non solo il visore 360 gradi e la camera 360, c’era anche un robottino/drone di sicurezza; ma le star della giornata sono state le due proposte molto curiose dei moduli aggiuntivi.

LG G5 batteria

LG G5 è stato presentato come telefono modulare: un oggetto da ripensare e da aggiornare a proprio piacimento, sfruttando la possibilità di cambiarne un pezzo. All’evento di lancio sono stati introdotti due moduli: LG Cam Plus e LG HiFi Plus, realizzato insieme a Bang&Olufsen.

A quanto pare, però, sul mercato americano non verrà lanciato il secondo dei due moduli proposti, quello dedicato all’audio, limitando alla sola opzione Cam Plus la modularità.

LG-G5

Non vi nascondo che trovo tutto sommato poco significativa la perdita, ma allo stesso tempo fatico ad inquadrare la strategia della società nel lancio del telefono.

Questa decisione riguarda solo Stati Uniti, Canada e Corea del Sud, mentre il modulo di B&O dovrebbe arrivare regolarmente da noi, anche se non sappiamo ancora quando e a che prezzo.

Il cosiddetto “selling point” di LG G5, il punto focale del marketing è la modularità, ma quanto si può spingere su questo tasto con un solo modulo di espansione disponibile?

E le terze parti? Quali produttori esterni realizzeranno pezzi compatibili con il nuovo smartphone? Può essere che io sia distratto, ma non ho visto annunci in questa direzione da parte di produttori di tecnologia, può essere che arrivino insieme al telefono.

LG G5 rimane uno dei prodotti più interessanti dell’anno, forse il più originale, ma riuscirà a “farsi capire” dal pubblico? I moduli erano un’idea carina, ma la varietà dell’offerta è presupposto fondamentale perché riesca a fare colpo.

Al momento, c’è il cannone, ma mancano le munizioni. Difficile vincere la guerra così. Vedremo i prossimi sviluppi.