La tecnologia al Cinema: Arcadia
News

La tecnologia al Cinema: Arcadia

Di solito qui si parla di Gadget, ma anche la tecnologia in senso lato è sempre tema molto interessante. Ricevo e pubblico volentieri la segnalazione di Marco, che è un amico e anche lettore del blog, che ha provato la visione de “lo hobbit” con la nuova tecnologia a 48 frame al secondo. Ecco il racconto dell’esperienza.

Ciao Luca, spero di farti cosa gradita raccontandoti un po la nostra esperienza nella visione del film Hottit in 3D/HFR (al miglior cinema italano, che e’ ancora e sempre Arcadia di Melzo).

 

HFR: High Frame Rate. Ovvero ogni secondo passano sullo schermo 48 fotogrammi (anziche’ 24 come da decenni accade per i film) o 25 come nella TV europea.

 

Cosa cambia ? Beh…sostanzialmente l’immagine e’ fluida, non va mai a “scatti”, neppure nelle panoramiche. Questi scatti in realta’ non li notiamo piu’, abituati come siamo a vedere “i film”. Solo che quando non ci sono piu’ (come appunto nel HFR) si ha una strana sensazione.

In effetti sembra di “non essere al cinema”.

 

Ed infatti, leggendo le recensioni, sia di importanti critici cinematografici che di importanti siti di tecnologia, ho trovato opinioni diametralmente opposte sul 48fps.

 

C’e’ chi dice che si tratta di un grande sviluppo, con immagini molto piu’ dettagliate, e poi c’e’ chi dice che sembra di vedere una soap opera, e che tutta la magia del cinema sparisce in questo tipo di proiezione.

 

E…non potrei essere piu’ in disaccordo.

 

Anzi, mi vien da dire che se la “magia” del cinema sta nel fatto che i panning vanno a scatti, e che l’immagine non e’ fluida….beh, qella magia e’ ben poca cosa.

 

Ora e’ il caso di  dire questo: la proiezione e’ avvenuta in Sala Energia, una sala dotata di uno schermo enorme, che sostanzialmente ti occupa tutto il campo visivo.

Ed in una sala con un suono (THX-certified) che e’ assolutamente….non si puo’ spiegare. Anzi si: pur avendo piu’ di 10 anni, ancora oggi dopo il famoso “trailer” THX (che manda fuori onde subsoniche a non so quale potenza) il pubblico commenta emozionato, sottovoce. Occorre andarci per capire.

 

Inoltre il film e’ 3D.

 

Bene, l’insieme di 3D, grande schermo e immagine fluida….fa si che si possa “fisicamente” scordare di essere al cinema e concentrarsi solo sulla storia.

 

Che peraltro a me e’ piaciuta come quelle precedenti dello stesso regsta (la serie “Signore degli anelli”).

 

Insomma, credo che ogni Gadget-Lover possa e forse debba concedersi un giorno al cinema, per questo bellissimo film, in quella bellissima sala.

 

 

Mi è venuta voglia di andare al cinema.

DISCLAIMER, NOTA IMPORTANTE PER TE CHE LEGGI MISTER GADGET:

Accedi a queste pagine gratis e MisterGadget.Tech per poter offrire i propri contenuti gratuitamente si finanzia attraverso:
- la pubblicità,
- i programmi d’affiliazione,
- i branded content,
- la valorizzazione dei dati degli utenti.
I dati degli utenti che raccogliamo, sono fondamentali per personalizzare e migliorare la tua esperienza di navigazione e di lettura.

Tutto questo con un impegno etico di rispetto dei tuoi diritti, dei tuoi interessi e della tua privacy; i nostri lettori sono quanto di più prezioso abbiamo e per questo tuteliamo i loro interessi con un rigore che è superiore a quello dei regolamenti europei e delle leggi italiane vigenti.

Il fatto che pubblicizziamo o promuoviamo l’acquisto di un prodotto anche direttamente dalle nostre pagine, non influenza in alcun modo il nostro giudizio o le nostre valutazioni.

Proponendoti dei link di acquisto, con una selezione dei migliori prezzi e di servizi affidabili, anticipiamo semplicemente quello che qualunque utente, te compreso, se interessato, farebbe meno comodamente e meno velocemente: cerchiamo in rete per te le opportunità migliori.

Promuoviamo la registrazione degli utenti, fino a vincolare il tuo  accesso ad alcuni contenuti integrali, perché è riteniamo sia il solo modo che abbiamo per essere certi che quando navighi tu possa trovare quello che ti interessa veramente.

Nessun “grande fratello” o altro strumento di controllo, ma solo un modo moderno di interpretare il ruolo di un editore digitale, che vuole offrire gratuitamente i suoi contenuti di qualità, per la miglior soddisfazione della sua community di tech lovers.