La NSA ci spia con Angry Birds

Mister Gadget Team27 Gennaio 2014

Lo sapevo: mio figlio è in realtà un agente segreto dei servizi americani. Ecco perché usa in continuazione Angry Birds sul suo iPad!

Scopriamo oggi che i dati fatti trapelare da Edward Snowden contengono in realtà un sacco di informazioni interessanti che riguardano i modi in cui le agenzie governative spiano i dati dei cittadini.

Troppi film ormai antiquati ci hanno portato a pensare che per fare delle intercettazioni sia necessario mettere delle cimici all’interno dei luoghi che noi frequentiamo; magari fosse così complicato! In realtà a quanto pare non c’è nulla di più semplice e più facile per capire cosa facciamo, dove siamo e soprattutto cosa diciamo che intercettare il nostro telefonino.

E cosa può essere utilizzato per queste intercettazioni se non le applicazioni che contengono dati sensibili che ci riguardano? In effetti, questo è il ragionamento che avrebbe fatto anche l’NSA e la sua controparte inglese, che da anni raccolgono dati che vengono sottratti ad applicazioni popolari installate sui nostri telefonini.

Tutto sommato sapere che Google Maps è una di queste applicazioni non mi sorprende più di tanto visto che raccoglie informazioni sulle nostre posizioni e sulle nostre ricerche geografiche, ma mi viene da ridere al pensiero che uno dei cavalli di Troia utilizzati sia Angry Birds.

Pare infatti che le agenzie governative abbiano messo nel mirino il gioco perché particolarmente popolare e soprattutto non dotato di grossa protezione, forse perché chi lo ha inventato non immaginava dovesse diventare terreno di spionaggio.

Devo essere sincero, non ho grandi segreti da mantenere, ma il fatto che tutti sappiano che io sono una pippa a giocare ad Angry Birds mi fa un po’ incazzare!!!